Tutti siamo un po’ Pino Puglisi

Autore:

Categoria:

don Pino PuglisiIo ricordo quando è morto Giuseppe Puglisi. Quello che so di lui, però, mi è arrivato soprattutto dai racconti e dalle testimonianze. Che fosse parroco, uomo di chiesa, per me che sono ateo, poco importa…che fosse Padre, però, pur non avendo figli, perché lui accoglieva tutti quelli che ne avevano bisogno come se lo fossero, è una cosa che ha cambiato la vita di tante persone…direttamente o indirettamente.
Padre Pino Puglisi è stata forse la persona più coraggiosa del nostro tempo. Guardava negli occhi le persone che accusava e le invitava a parlare con lui, a trovare un’altra strada, perché cambiare si può.
Sapeva che l’avrebbero ucciso e non ha mai avuto una scorta, non è mai scappato per evitarlo. Camminava tra i suoi assassini, gli stessi che accusava pubblicamente, sapendo che era solo questione di tempo prima che lo ammazzassero.
Quando quel giorno arrivò…sorrise…e disse: “me l’aspettavo”.
Un sorriso che lasciò sgomento persino il suo assassino che, vent’anni dopo, per sua stessa ammissione, continua a vedere quel sorriso che non dimenticherà mai.
Pino Puglisi era così…una vita per gli altri, fino alla morte.
Per questo, anche io sono un po’ Pino Puglisi, e chiunque altro viva in questa città, e tanti altri investiti dalle sue idee, in tutta Italia…perché, che vogliano ammetterlo o no, Padre Pino Puglisi non è mai morto…Padre Pino Puglisi è la storia…e la storia non si cancella, ma si ripete.

Alessio Anello

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

10,930FansLike
478FollowersSegui
554FollowersSegui
Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

4 COMMENTI

  1. Tutti siamo un pò Pino Puglisi? Mi pare un’assurdità! Passiamoci una bella mano sulla coscienza e vedremo che non facciamo nulla per il prossimo, vedremo che la mafia non la combattiamo, che siamo complici subdoli di un sistema marcio, evasori , furbetti che vanno fregando gente qua e là. Che invece di lottare facciamo finta di nulla e voltiamo le spalle. Queste persone, morte per mano mafiosa, non meritano di essere paragonate a noi…non lo meritano proprio…

    • Certamente per quanto riguarda gli atteggiamenti hai ragione, però preferisco pensare che avere un modello di vita come lui forse ci porterà a raggiungere quei piccoli miglioramenti che per una terra come la nostra potrebbero rappresentare la salvezza. La mafia va annientata con qualunque mezzo, rapportarsi a Padre Puglisi portebbe rappresentare un buon punto di partenza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Quando nacquero i primi giornali a Palermo?

Il primo numero del Giornale di Sicilia fu pubblicato il 7 giugno 1860 con la testata “Giornale Officiale di Sicilia” sotto la direzione di...

La scuola di una volta

Chiariamo subito che non si tratta degli anni 30 o 40, quando ancora si usavano penna e calamaio, anche se i banchi della scuola...

Il prezioso archivio dell’Architetto Salvatore Cardella

È in fase di riordino un prezioso fondo privato di notevole valore storico artistico: l’archivio del Prof. Arch. Salvatore Cardella (Caltanissetta 24/06/1896 – Palermo...

Monte Pellegrino

Ho voluto iniziare la descrizione del monte Pellegrino con queste belle parole tratte dal libro "Viaggio in Sicilia" di Bernard Berenson del 1957, perché...

Chiesa Sant’Antonio Abate (detta dell’Ecce Homo)

La chiesa di S. Antonio Abate si trova in via Roma, sulla destra poco dopo la via Vittorio Emanuele venendo dalla Stazione Centrale. È...

Palermo e le Sedie Volanti

Come molti sanno, a Palermo esiste una strada chiamata via delle sedie volanti. Questo nome, così curioso, ha sempre risvegliato la fantasia popolare che...