“Palermo, odi at amo” 

di Davide Romano

Autore:

Categoria:

Aiutaci a far crescere la pagina con un semplice clic sul pulsante...Grazie

22,443FansLike
1,079FollowersSegui
633FollowersSegui

Ci sono infiniti modi per descrivere una città e molteplici prospettive da cui iniziare. Una grande città come Palermo è così complessa che riassumerla in poche parole richiederebbe una vita intera. Qui, persino l’emarginazione ha le sue peculiarità, proprio come l’opulenza. L’opulenza può essere fasulla o genuina, mentre la miseria può essere cronica o recente. In questa città del sole, la povertà è un destino apparentemente ineluttabile, accettato come parte integrante della vita quotidiana, così come l’ampia diffusione dell’illegalità, che talvolta fornisce il pane quotidiano e beni di consumo.

Sopravvivere a Palermo è possibile, ma solo seguendo regole non scritte ma universali, altrimenti si rischia persino la vita. Palermo, nonostante le sue apparenze, è una città grigia, dove tutto si sfuma e cambia in un istante, sfuggendoti tra le dita quando pensi di averla capita.

Palermo affascina con la sua bellezza, le vetrine illuminate, le strade affollate, le rosticcerie profumate, le pasticcerie invitanti, i ristoranti pieni di piatti deliziosi e i mercati ricchi di cibo esposto in modo sensuale. Tuttavia, basta deviare un po’ dal centro per trovarsi di fronte a scene di povertà che sembrano appartenere a un mondo completamente diverso. Ma questa non è una povertà dignitosa come in altre parti del mondo, è priva di dignità, proprio come la ricchezza.

Palermo colpisce con i suoi monumenti, testimonianze di secoli di culture diverse ma armoniosamente intrecciate. Tuttavia, il degrado urbano e l’incuria hanno portato alla perdita di molti di questi tesori. Anche il Teatro Massimo, uno dei migliori al mondo, è stato chiuso per anni a causa dell’indifferenza, e questa è solo una delle tante situazioni sconcertanti che sembrano gridare vendetta contro l’apatia della città.

Nonostante la sua storia e tradizioni, Palermo sembra stagnare culturalmente, incapace di sfruttare appieno il suo potenziale. La sua fama legata alla mafia ha contribuito a creare una visione distorta della città, oscurando la sua ricchezza culturale e artistica. Palermo sembra condannata a essere vista principalmente attraverso il filtro dei crimini di Cosa Nostra.

Palermo è una città complessa, difficile da amare senza odiarla allo stesso tempo. È un luogo di contraddizioni, dove la ricchezza e la povertà, la falsità e la verità coesistono. La città sembra divisa in gruppi e caste, senza una vera identità comune. È una città che si autolesiona, rifiutando il suo passato e la sua storia, e questo la rende incapace di contribuire in modo significativo al dibattito culturale.

Tuttavia, Palermo ha storie straordinarie da raccontare, storie che possono ispirare la produzione artistica. Le storie degli uomini sono universali, e Palermo, nonostante le sue peculiarità, non è così diversa da altre grandi città del mondo. La città può offrire spunti interessanti per la creatività artistica, ma purtroppo la produzione letteraria di Palermo rimane spesso confinata all’isola stessa.

Palermo è calda e spietata, partecipe ma indifferente, solidale ma inflessibile. È una città di contraddizioni, dove la retorica democratica spesso contrasta con la realtà feudale. È una città che seduce e poi si nega, difficile da decifrare e da vivere per chi non ha potere o amicizie influenti. Palermo non è mai ciò che sembra, ed è una sfida per chi vuole denunciare le ingiustizie e le contraddizioni che la permeano.

Davide Romano giornalista

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Le statue intorno alla Cattedrale di Palermo

Quante sono le statue intorno alla Cattedrale di Palermo? Quante volte ci siamo passati davanti? Le abbiamo notato tutti, poste sopra i basamenti sulla balaustra...

I pupazzi di Mastressa: Storia di un inganno archeologico

Intorno al 1867 a Mastressa, nei dintorni di Taormina, uno dei più noti archeologi siciliani si imbatté quasi per caso in quella che sembrava...

Il mestiere delle Prefiche, pagate per piangere ai funerali

In questo frammento di ceramica attica risalente alla seconda metà del V Sec. a.C. è ritratta una donna che piange e si lamenta. Si...

Il Monte di Pietà di Pallavicino: storia di beneficenza

Nel 1865 il Consiglio provinciale di Palermo della neocostituita Italia unita, nell’elenco di tutti gli “stabilimenti economici” enumera sotto la dizione “Olivella Eredità” ben...

Il mantello di Re Ruggero: da Palermo a Vienna

Chiunque osserva il mantello di Re Ruggero, può notare una strana curiosità: cosa ci fa l'iscrizione araba lungo tutto il bordo inferiore su un...

La lotta di Palermo contro le cavallette

Proprio come nella biblica piaga d’Egitto, le invasioni di cavallette, o di locuste, potevano segnare un periodo di lunga carestia, a causa della grande...