Cacocciuli ca tappa i l’ovu

Autore:

Categoria:

cacocciuli ca tappa

I Cacocciuli ca tappa i l’ovu o Carciofi ripieni con la tappa d’uovo sono un piatto tipico della cucina palermitana. Ca Tappa i l’ovu, vuol dire che il carciofo viene “tappato” utilizzando dell’uovo battuto che una volta fritto salderà perfettamente tutto il condimento interno. Come abbiamo letto precedentemente, nell’articolo “I carciofi alla Villanella“, il carciofo ha tantissime proprietà benefiche per il nostro organismo e quindi vale la pena davvero mangiarlo spesso, quando è il periodo. Esistono vari tipi di carciofi, ma quello che usiamo a Palermo è quello spinoso, molto tenero con foglie consistenti e carnose e gambo ben sodo. Grandi produttori di questo tipo di carciofo sono nella provincia di Palermo, i Comuni di Caccamo,  Sciara, Termini Imerese e Cerda, dove ogni anno si svolge  “la sagra del carciofo” . Molto buona, ritengo, sia questa ricetta che oggi vi propongo, un secondo piatto ricco e gustoso da far leccare i baffi!

  Ingredienticarciofo 6 carciofi freschi 1 cipolla 6 cucchiai di pangrattato 3 uova 2 wustel (o mortadella) Sale e pepe Olio extra vergine d’oliva 1 bottiglia di salsa di pomodoro da 750 gr 1 limone Procedimento:

Pulite i carciofi togliendo le foglie più dure ed eliminando anche le spine. Tagliate le foglie più interne creando un incavo e immergeteli in acqua con il limone spremuto

cacocciuli1Per il ripieno:

Soffriggete una cipolla tagliata sottilmente, unite il pangrattato e rosolatelo insieme alla cipolla, aggiungete un po’ di sale e pepe.  Tagliate i wustel a pezzetti molto piccoli oppure potete grattugiarli, incorporate un uovo e amalgamate il tutto. A parte sbattete due uova. Scolate i carciofi e riempiteli  con il condimento preparato cercando di introdurlo anche  tra le foglie, pressate bene e sistemate i carciofi in un piatto. Quando li avrete riempiti tutti, scaldate in un tegame, che poi dovrà contenere tutti i carciofi,  dell’olio e nel frattempo immergete la parte riempita del carciofo nell’l’uovo sbattuto facendolo assorbire al condimento.  Capovolgete delicatamente cacocciuli3in tegame il carciofo, facendo attenzione a non fare uscire fuori il condimento. Fate dorare fino a quando l’uovo si sarà rappreso, si formerà per tappo una frittatta. Ponete in un recipiente e procedete allo stesso modo anche con gli altri carciofi. Non appena i carciofi saranno tutti tappati, riporli col torsolo in giù nella pentola con l’olio rimasto e irrorate con la salsa di pomodoro. Aggiustate di sale e pepe e fate cuocere per circa 30 minuti.

 Buon Appetito!

 

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

12,815FansLike
478FollowersSegui
567FollowersSegui
Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Borghi dei Tesori. Nasce il network di 42 piccoli comuni siciliani sotto l’egida delle Vie dei Tesori

PALERMO. Dai siti archeologici alle fortezze saracene, dalle miniere abbandonate alle concerie fantasma, dai castelli aggrappati al cielo agli acquedotti seminterrati, dagli ipogei ai...

Ma quanto è buono il pane a Palermo!?

Il pane è buono dappertutto, e in ogni luogo ha la sua forma, il suo sapore, la sua tradizione. Come non ricordare il famoso...

Un anno di Covid

Esattamente un anno fa, il 25 febbraio 2020, abbiamo avuto in Sicilia il primo caso di coronavirus, una turista bergamasca in visita a...

Le Catacombe dei Cappuccini

Chi visita il cimitero sotterraneo dei Cappuccini si appresta a compiere un viaggio a ritroso nel tempo e nello spazio, certo, ma soprattutto in...

Pasta al ragù siciliano

Quando ero bambina uno degli odori che mi svegliava nelle fredde domeniche d’inverno era quello del “ragù siciliano”. Mamma si alzava alle sei del mattino...

La Sicilia torna in zona gialla

Da lunedì mattina la Sicilia sarà zona gialla. Nessuna deroga per domenica di San Valentino come chiedeva il governatore Musumeci. Il cambiamento rispetto alla...