Cassata siciliana al forno

Un guscio di pasta frolla che racchiude un ripieno di crema di ricotta

Autore:

Categoria:

La cassata siciliana al forno è un dolce buonissimo di pasta frolla che racchiude un ripieno cremoso di ricotta di pecora e gocce di cioccolato fondente, una variante della più conosciuta cassata tradizionale
Per fare la cassata al forno si usa il classico stampo svasato oppure potete utilizzare lo stampo con cerniera apribile. Per la buona riuscita di questo dolce è importante mettere sul fondo, appena sopra la frolla, uno strato di biscotti sbriciolati per impedire alla crema di ricotta di essere direttamente a contatto con la pasta col rischio di comprometterne la consistenza.

TEMPOPORZIONIDIFFICOLTA’
120′8Difficile
INGREDIENTI
300 g di farina 00 
100 g di zucchero
1 uovo d’uovo
1 uovo intero
1 cucchiaino raso di lievito per dolci
120 g di strutto
1 limone (buccia grattugiata)
1 bustina di vanillina
1 pizzico di sale
Per la farcitura
500 g di ricotta di pecora
150 g di zucchero a velo
1/2 arancia bio buccia grattugiata
1 pizzico di cannella
50 g di gocce di cioccolato
50 g di biscotti secchi sbriciolati
zucchero a velo per decorare

Ecco come fare…

Mettete la ricotta in un colapasta per almeno 2-3 ore perché perda il siero in eccesso. Mescolate la ricotta con lo zucchero a velo, la buccia grattugiata di mezza arancia e un pizzico di cannella, mettete in frigo in un contenitore ermetico.
In una terrina mettete lo zucchero, la buccia di limone grattugiata, l’uovo intero, il tuorlo, un pizzico di sale. Aggiungete piano piano la farina, lo strutto morbido, un cucchiaino di lievito e mescolate, dovrete ottenere un impasto omogeneo e compatto.
Mettete l’impasto in una spianatoia. Lavoratelo qualche secondo con le mani, realizzate un panetto e riponetelo in frigo coperto da pellicola trasparente per circa 1 ora.
Imburrate ed infarinate uno stampo, nel fondo metterete un disco di carta da forno ritagliato a misura (è importante per capovolgere perfettamente la cassata!)
Stendete 2/3 della frolla tra due fogli di carta da forno perché non appiccichi, di circa 5 mm di spessore e rivestite la teglia risalendo anche ai bordi.
Spolverate la base di frolla con un po’ dei biscotti sbriciolati
Prendete la ricotta dal frigo unite le gocce di cioccolato, mescolate e versatela sulla base di pasta frolla. Livellate per bene con l’aiuto di un cucchiaio inumidito. Spolverate sopra la ricotta i restanti biscotti secchi.
Stendete la restante frolla e ricavate una circonferenza per coprire la crostata, eliminate gli eccessi di frolla e sigillate bene i bordi. Bucherellate la superficie e mettete in frigo.
Accendete il forno e quando arriva a 180° infornate la vostra cassata per circa 40 minuti, la cassata dovrà avere un bel colore dorato.
Lasciate raffreddare completamente prima di sformare il dolce. Capovolgetela su un piatto da portata (non fate questa operazione quando ancora è calda) Spolverate di zucchero a velo creando un decoro, potete usare degli spaghetti incrociandoli tra di loro. 

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Giuseppe Giannola, il palermitano fucilato 3 volte (e sopravvissuto)

Se non conoscete la storia di Giuseppe Giannola, forse è ora di rimediare. Si tratta infatti di un soldato palermitano, passato alla storia per...

La tragedia del porto che sconvolse Palermo

Il 15 Dicembre 1590, Palermo fu coinvolta in un tragico evento, destinato a sconvolgere l’intera cittadinanza. Nel porto della Cala infatti il crollo di...

Villa Alliata di Pietratagliata e il Principe mago

C'è una villa, in via Serradifalco a Palermo, ormai in rovina, coperta dal degrado e dalla vegetazione selvaggia, che la rendono quasi invisibile agli...

Quando la Regina Elisabetta visitò Palermo

Molti non lo sanno, soprattutto i più giovani, ma la Regina Elisabetta II d’Inghilterra è venuta a Palermo in visita ufficiale per ben due...

La chiesa del SS. Crocifisso, distrutta… per sbaglio

Nel cuore dell’Albergheria, quartiere storico di Palermo, si trovano i ruderi dell’antica chiesa del SS. Crocifisso, un antico edificio le cui origini risalgono probabilmente...

Il carcere ed i carcerati della Vicarìa di Palermo

Chi conosce dove si trovava la Vicarìa, il carcere "ufficiale" di Palermo prima dell'Ucciardone? Non tutti, credo. Eppure palermitani e turisti, ogni giorno, vi...