Ciambelle fritte: dolce colazione palermitana

Autore:

Categoria:

13,528FansLike
478FollowersSegui
576FollowersSegui

ciambellinaLe Ciambelle fritte sono una ricetta golosissima, gustosa e soffice pasta fritta, ricoperta di zucchero, che troveremo in  tutti i bar palermitani.
Indicatissime per una colazione, ma ottime in tutte le ore del giorno per deliziare il palato, purché siano fresche.
A Palermo è tipico vederle schierate, una accanto all’altra nel banco della rosticceria, invitanti più che mai.
Nel periodo di Carnevale diventano anche un’alternativa alle tradizionali chiacchiere.

Ingredienti

750 g circa di di farina 00
400 ml di latte
25 g di lievito di birra fresco (1 cubetto)
50 ml di olio di semi
2 cucchiai rasi di zucchero
un pizzico di sale
2 uova
olio per friggere
zucchero semolato q.b.

Versate il latte tiepido in una ciotola, unite il lievito di birra, lo zucchero e mescolare per far sciogliere il tutto, se preferite potete usare anche una planetaria. Dividete la farina a metà ed aggiungetela al latte, impastate con un cucchiaio di legno, unite l’olio, il sale, le uova sbattute e infine la rimanente farina, lasciate che l’impasto diventi morbido e liscio.
Sistemare l’impasto  in una ciotola  spennellata con un po’ d’olio e copritela con una pellicola  e lasciatela lievitare per circa 1 ora in un luogo tiepido (L’impasto sarà pronto quando avrà raddoppiato il suo volume)
Infarinare il piano lavoro, versatevi l’impasto e stendetelo, infarinandolo leggermente, con un mattarello, lo spessore della pasta deve essere di 1 centimetro circa. Con l’aiuto di un coppa-pasta ricavate i dischetti e con un coppa-pasta più piccolo, o con un tappo di bottiglia di plastica, fare il buco all’interno. Disponete le ciambelle sulla carta forno ben distanziate e lasciate lievitare per un’altra ora o coperte o meglio ancora in forno spento, sino al raddoppio.
Adesso potete friggere le vostre ciambelle in abbondante olio di semi, a 150°C circa e immergere non più di 5 ciambelle  alla volta.
Coprite con coperchio a campana e far cuocere sino a quando saranno gonfie e la parte a contatto con olio sarà ben dorata, rigirate e mettetele a scolare su carta assorbente e passatele ad una ad una nello zucchero semolato ancora calde.

Buon appetito!

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

La storia della manna in Sicilia

La storia della manna in Sicilia ha radici molto antiche, risalgono probabilmente agli arabi che importarono nella "terra del sole" i frassini da manna,...

Villa Trabia

Com'è abbastanza noto, sin dal XVII secolo presso l'aristocrazia siciliana, che possedeva già sontuosi palazzi a Palermo, si era affermata la consuetudine di costruire...

Bonus cultura: una guida per aiutare i diciottenni a capire come utilizzarlo

Come usare il bonus Cultura 18app? È un'iniziativa del Ministero per i giovani ed è dedicata a promuovere la cultura! Se sei nato nel 2002 e...

Chiesa del Carmine: dentro il cuore di Ballarò

Quante volte, da ragazzo, sono passato davanti al portone della chiesa del Carmine senza accorgermi della sua esistenza? Gli anni della prima adolescenza, quando...

L’urna con le ossa di Santa Rosalia

Fra qualche giorno ricorrerà il 397° festino della nostra amatissima patrona Santa Rosalia, ma anche quest’anno ci toccherà rinunciare alla sfilata del carro trionfale...

Rosalia Sinibaldi “la Santuzza”, Signora di Palermo

Rosalia Sinibaldi non è soltanto un’immagine ritratta in uno dei quadri presenti all’interno della Galleria Regionale di Palazzo Abatellis, né una rappresentazione lapidea che...