Ciambelle fritte: dolce colazione palermitana

Autore:

Categoria:

ciambellinaLe Ciambelle fritte sono una ricetta golosissima, gustosa e soffice pasta fritta, ricoperta di zucchero, che troveremo in  tutti i bar palermitani.
Indicatissime per una colazione, ma ottime in tutte le ore del giorno per deliziare il palato, purché siano fresche.
A Palermo è tipico vederle schierate, una accanto all’altra nel banco della rosticceria, invitanti più che mai.
Nel periodo di Carnevale diventano anche un’alternativa alle tradizionali chiacchiere.

Ingredienti

750 g circa di di farina 00
400 ml di latte
25 g di lievito di birra fresco (1 cubetto)
50 ml di olio di semi
2 cucchiai rasi di zucchero
un pizzico di sale
2 uova
olio per friggere
zucchero semolato q.b.

Versate il latte tiepido in una ciotola, unite il lievito di birra, lo zucchero e mescolare per far sciogliere il tutto, se preferite potete usare anche una planetaria. Dividete la farina a metà ed aggiungetela al latte, impastate con un cucchiaio di legno, unite l’olio, il sale, le uova sbattute e infine la rimanente farina, lasciate che l’impasto diventi morbido e liscio.
Sistemare l’impasto  in una ciotola  spennellata con un po’ d’olio e copritela con una pellicola  e lasciatela lievitare per circa 1 ora in un luogo tiepido (L’impasto sarà pronto quando avrà raddoppiato il suo volume)
Infarinare il piano lavoro, versatevi l’impasto e stendetelo, infarinandolo leggermente, con un mattarello, lo spessore della pasta deve essere di 1 centimetro circa. Con l’aiuto di un coppa-pasta ricavate i dischetti e con un coppa-pasta più piccolo, o con un tappo di bottiglia di plastica, fare il buco all’interno. Disponete le ciambelle sulla carta forno ben distanziate e lasciate lievitare per un’altra ora o coperte o meglio ancora in forno spento, sino al raddoppio.
Adesso potete friggere le vostre ciambelle in abbondante olio di semi, a 150°C circa e immergere non più di 5 ciambelle  alla volta.
Coprite con coperchio a campana e far cuocere sino a quando saranno gonfie e la parte a contatto con olio sarà ben dorata, rigirate e mettetele a scolare su carta assorbente e passatele ad una ad una nello zucchero semolato ancora calde.

Buon appetito!

Rimani sempre aggiornato con la cultura, segui Palermoviva

9,939FansLike
413FollowersSegui
536FollowersSegui
Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

La tradizione dell’Immacolata in cucina

La festa dell'Immacolata inaugura il periodo delle festività natalizie e a Palermo devozione e tradizione si fondono facendo di questa ricorrenza una delle feste...

Pasta chi vruocculi arriminati

La pasta chi vruocculi arriminati è uno dei piatti palermitani per eccellenza insieme alla pasta con le sarde e gli anelletti al forno. Il nome...

La Cassata Siciliana

  La storia della cassata siciliana Dall'arabo "qas'at" anche la cassata ha la sua leggenda. Si racconta infatti che un pastore saraceno stava impastando della ricotta...

Listarelle di peperoni in agrodolce

I peperoni in agrodolce sono un contorno molto diffuso nella cucina siciliana, ottimi per accompagnare piatti a base di carne, di pesce o riso...

Cosa vedere a Palermo? I luoghi più belli e caratteristici

Itinerari Artistico-culturali Palermo La Cattedrale Una delle prime tappe turistiche per chi ha deciso di visitare Palermo è la Cattedrale,  gioiello storico di architettura e simbolo della...

Conclusi i lavori di consolidamento del Castello di Calatubo

Alcamo (TP), sabato 23 novembre 2019 Presentati oggi i lavori di consolidamento, appena conclusi, delle antiche strutture murarie del Castello di Calatubo ad Alcamo (TP),...