Brioche siciliana “col tuppo”: ricetta

Autore:

Categoria:

La troviamo nei bar di tutta la Sicilia ma con un po’ di pazienza, la “brioche col tuppo” possiamo farla anche a casa. Occorrono ingredienti semplici e un comune forno per fare delle ottime brioches.
Il tuppo è una chicca che aggiunge un che di caratteristico, ma non è indispensabile, nei forni  o nei supermercati infatti la troviamo anche senza tuppo.


Il modo migliore per mangiarla

Soffice e profumata, la Brioche col tuppo,  dolce da forno è la tipica Brioche che in Sicilia viene consumata a colazione accompagnata da una fresca granita oppure, farcita col gelato e che ormai è diventata famosa nel mondo perché chi viene in Sicilia difficilmente la dimentica e consiglia a tutti di mangiarla.

Il nome “col tuppo” deriva e ricorda  lo chignon che le donne siciliane portavano un tempo e che in dialetto siculo si chiama appunto “tuppo”.
A Catania la troverete con una leggera colorazione gialla, è data dall’aggiunta di zafferano nell’impasto, ma o gialla o bianca credetemi è una vera delizia del palato!

INGREDIENTI :

  • 500 g. di farina manitoba
  • 175 ml. di latte
  • 100 g. di zucchero
  • 80 g. di burro fuso
  • 2 uova
  • 5 g. di sale
  • 25 g. di lievito di birra
  • 1 cucchiaio di miele
  • aroma all’arancia q.b. o la scorza di un’arancia biologica grattugiata
  • 1 tuorlo + latte per spennellare la superficie

PROCEDIMENTO :

Sciogliete il burro a bagno maria e lasciatelo raffreddare. Sbattete le uova con uno sbattitore e unite l’aroma all’arancia, continuando a sbattere  fino a che le uova sono belle spumose.
A questo punto scaldate leggermente il latte e sciogliete dentro il lievito di birra e il miele.
Versate ora il latte nella ciotola delle uova, aggiungete lo zucchero, il burro e lavorate molto bene il composto, a questo punto versate pian piano la farina e per ultimo il sale che deve essere aggiunto dopo per non compromettere la lievitazione.
Versate il composto su un piano di lavoro e impastate  energicamente  per almeno 10 minuti.
Riponete l’impasto in una ciotola imburrata copritela con della pellicola e fatela lievitare per almeno 2 ore preferibilmente in forno chiuso con luce accesa per evitare correnti.
Quando l’impasto e’ ben  lievitato  adagiatelo su un piano di lavoro infarinato e ricavatene delle palline da 80 g. l’una circa, per il tuppo superiore fate delle palline piu’ piccole da 15 g. l’una circa da aggiungere sopra la pallina più grande, dove avete fatto un bel buco. Spennellate con latte e un tuorlo sbattuto e fate lievitare le brioche per altre 2-3 ore fino a che saranno belle gonfie. Infornate a 180° per 15 minuti circa in modalità statico.

 

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

12,175FansLike
478FollowersSegui
567FollowersSegui
Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Congiuntivite da Covid 19: è possibile?

Secondo una ricerca pubblicata su BMJ Open Ophthalmology è stato affermato che l'1% e il 31% delle persone affette da COVID-19 oltre ad avere i...

La Pietra di Palermo e i suoi misteri non ancora risolti

Avete mai sentito parlare della Pietra di Palermo? Cosa è? Perché è importante? Quali misteri ancora nasconde? Perché, pure essendo custodita nel Museo archeologico...

Palermo e la “Santa aggiustamariti”

Nel centro storico di Palermo, vicino al Teatro Massimo, precisamente nel "Quartiere del Capo", si trova la "Chiesa di Sant'Agostino" nota ai palermitani come...

Emergenza freddo! Attivo nuovo numero telefonico per aiutare i senzatetto della città

Emergenza freddo! Per i cittadini che volessero segnalare la presenza di persone senza dimora che necessitano di assistenza, è sempre attivo h24 il numero della...

La storia del traffico a Palermo

Il traffico a Palermo è sempre stato una “piaga terribile”, per citare un famoso film di Roberto Benigni. Sebbene oggi la situazione del centro...

Bonus Luce – Gas – Acqua

Dal 1° gennaio 2021 i bonus sociali per disagio economico sono riconosciuti automaticamente ai cittadini/nuclei familiari che ne hanno diritto, senza che questi debbano...