Brioche siciliana “col tuppo”: ricetta

Autore:

Categoria:

La troviamo nei bar di tutta la Sicilia ma con un po’ di pazienza, la “brioche col tuppo” possiamo farla anche a casa. Occorrono ingredienti semplici e un comune forno per fare delle ottime brioches.
Il tuppo è una chicca che aggiunge un che di caratteristico, ma non è indispensabile, nei forni  o nei supermercati infatti la troviamo anche senza tuppo.


Il modo migliore per mangiarla

Soffice e profumata, la Brioche col tuppo,  dolce da forno è la tipica Brioche che in Sicilia viene consumata a colazione accompagnata da una fresca granita oppure, farcita col gelato e che ormai è diventata famosa nel mondo perché chi viene in Sicilia difficilmente la dimentica e consiglia a tutti di mangiarla.

Il nome “col tuppo” deriva e ricorda  lo chignon che le donne siciliane portavano un tempo e che in dialetto siculo si chiama appunto “tuppo”.
A Catania la troverete con una leggera colorazione gialla, è data dall’aggiunta di zafferano nell’impasto, ma o gialla o bianca credetemi è una vera delizia del palato!

INGREDIENTI :

  • 500 g. di farina manitoba
  • 175 ml. di latte
  • 100 g. di zucchero
  • 80 g. di burro fuso
  • 2 uova
  • 5 g. di sale
  • 25 g. di lievito di birra
  • 1 cucchiaio di miele
  • aroma all’arancia q.b. o la scorza di un’arancia biologica grattugiata
  • 1 tuorlo + latte per spennellare la superficie

PROCEDIMENTO :

Sciogliete il burro a bagno maria e lasciatelo raffreddare. Sbattete le uova con uno sbattitore e unite l’aroma all’arancia, continuando a sbattere  fino a che le uova sono belle spumose.
A questo punto scaldate leggermente il latte e sciogliete dentro il lievito di birra e il miele.
Versate ora il latte nella ciotola delle uova, aggiungete lo zucchero, il burro e lavorate molto bene il composto, a questo punto versate pian piano la farina e per ultimo il sale che deve essere aggiunto dopo per non compromettere la lievitazione.
Versate il composto su un piano di lavoro e impastate  energicamente  per almeno 10 minuti.
Riponete l’impasto in una ciotola imburrata copritela con della pellicola e fatela lievitare per almeno 2 ore preferibilmente in forno chiuso con luce accesa per evitare correnti.
Quando l’impasto e’ ben  lievitato  adagiatelo su un piano di lavoro infarinato e ricavatene delle palline da 80 g. l’una circa, per il tuppo superiore fate delle palline piu’ piccole da 15 g. l’una circa da aggiungere sopra la pallina più grande, dove avete fatto un bel buco. Spennellate con latte e un tuorlo sbattuto e fate lievitare le brioche per altre 2-3 ore fino a che saranno belle gonfie. Infornate a 180° per 15 minuti circa in modalità statico.

 

Rimani sempre aggiornato con la cultura, segui Palermoviva

9,952FansLike
416FollowersSegui
536FollowersSegui
Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Festività natalizie. Chiusura al transito veicolare via Ruggero Settimo e senso unico p.zza Castelnuovo

Il servizio Mobilità Urbana del Comune di Palermo ha emanato un'ordinanza di chiusura al transito veicolare di via Ruggero Settimo e istituzione del senso...

La tradizione dell’Immacolata in cucina

La festa dell'Immacolata inaugura il periodo delle festività natalizie e a Palermo devozione e tradizione si fondono facendo di questa ricorrenza una delle feste...

Santa Lucia: Arancine, panelle e cuccìa…

Santa Lucia: storia e tradizione La storia racconta che Santa Lucia nacque a Siracusa intorno al 283, era di famiglia nobile e fu promessa sposa...

Pasta chi vruocculi arriminati

La pasta chi vruocculi arriminati è uno dei piatti palermitani per eccellenza insieme alla pasta con le sarde e gli anelletti al forno. Il nome...

La Cassata Siciliana

  La storia della cassata siciliana Dall'arabo "qas'at" anche la cassata ha la sua leggenda. Si racconta infatti che un pastore saraceno stava impastando della ricotta...

Listarelle di peperoni in agrodolce

I peperoni in agrodolce sono un contorno molto diffuso nella cucina siciliana, ottimi per accompagnare piatti a base di carne, di pesce o riso...