Verdure in pastella

Palermo è tra le capitali europee dello street food o  cibo da strada, tra questi possiamo annoverare anche i finger food, sfiziosi stuzzichini che non mancano mai nelle nostre friggitorie

Autore:

Categoria:

16,020FansLike
478FollowersSegui
586FollowersSegui

carciofi in pastella

Come sicuramente sapete Palermo è tra le capitali europee dello street food o  cibo da strada, tra questi possiamo annoverare anche i finger food, sfiziosi stuzzichini che non mancano mai nelle nostre friggitorie, ma che spesso mancano nelle nostre tavole perché pensiamo che non vengono mai buoni come quelli che cucinano fuori. Qualcuno sostiene che è l’olio fritto e rifritto, qualcuno dice che è la mano, insomma sempre buone scuse per non farli noi a casa.
Ma di cosa stiamo parlando? Beh! Delle buonissime verdure pastellate! Broccoli, carciofi, cardi, fiori di zucca.
Ci sono vari modi per preparare la pastella: c’è chi la prepara con semplice acqua e farina, c’è chi aggiunge al posto dell’acqua la birra, c’è chi aggiunge alla farina un po’ di lievito e zucchero, facendola lievitare per circa 20 o 30 minuti per poi ovviamente immergere le verdure precedentemente lessate, tranne i fiori di zucca che vanno immersi solo dopo averli lavati e asciugati.
Io vi descrivo oggi il mio metodo che vi assicuro che è ottimo.
Preparate le verdure da voi desiderate. I broccoli o i cardi già bolliti, i carciofi se tagliati sottili possono essere anche crudi, se tagliati spessi vi consiglio di sbollentarli, i fiori di zucca assolutamente crudi e ancora più buoni riempiti con prosciutto e mozzarella.

Per la pastella occorrono
200 gr. di farina
250ml di birra fredda
olio d’oliva
olio per friggere
sale q.b.
2 uova
Mettete la farina in una ciotola, aggiungete la birra fredda, un filo d’olio d’oliva un pizzico di sale e mescolate il tutto con una frusta.  Mettere in frigo per 30 minuti.
Trascorso il tempo, aggiungi 2 albumi d’uovo montati a neve e mescola bene, la pastella è pronta!
Immergete le verdure nell’impasto e friggetele in abbondante olio.
Vedete che non è poi così difficile, ci vuole solo buona volontà e il successo è assicurato
Buon appetito!

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

La fonte miracolosa dei Teatini

Sotto la splendida chiesa di San Giuseppe di Teatini, nasce una fonte d’acqua visitata da secoli da migliaia di fedeli. Perché? Si dice che...

Architettura Arabo Normanno a Palermo e Monreale

Si ringrazia la Designer Giuliana Flavia Cangelosi, laureata in Disegno Industriale la cui Tesi di Laurea è un Diario di viaggio sull'Architettura arabo-normanna a Palermo...

Vicolo Matteo Lo Vecchio

Il vicolo Matteo Lo Vecchio, o di Matteo il Vecchio, è una traversa della via Albergheria. È il luogo in cui effettivamente abitava il Lo...

Via Padre Giuseppe Puglisi

Via Puglisi va dalla via Amedeo d’Aosta a via Portella della Ginestra. È intitolata al Beato padre Pino Puglisi, prete palermitano ucciso dalla mafia il...

Villa Arena Mortillaro ai “Petrazzi”

Villa Arena Mortillaro ai Petrazzi è un'antica dimora nobiliare di Palermo, che oggi purtroppo versa un cattivo stato. La storia La Piana dei Colli si estende...

Via Alessandro Paternostro

Via Paternostro va da via Alloro a via Vittorio Emanuele, costeggiando piazza San Francesco. Prende il suo nome dal giurista e patriota Alessandro Paternostro, nato...