tds_category_module_7

Sfince di san Giuseppe

Autore:

Categoria:

La Sfince di San Giuseppe” o come la chiamiamo a Palermo “A Spincia i San Giuseppi” è un dolce tipico siciliano, una sorta di bignè ricoperto di crema di ricotta. Una ricetta di antiche origini il cui nome deriva dall’Arabo isfang e dal latino spongia ovvero “spugna”, si perché in effetti per consistenza e forma questo dolce potrebbe somigliare ad una spugna. Un dolce umile, di semplice fattura ma che è diventato una vera e propria delizia dell’Alta Pasticceria Siciliana.

La ricetta originale prevede che l’impasto venga fritto in olio di semi, e potete anche scegliere questo ottimo e tradizionale modo di cucinarle, ma qui vi proponiamo la variante, altrettanto buona, da cucinare al forno, per una cucina più sana e delicata.

Il procedimento è facile da eseguire, il trucco sta nel non aprire il forno prima che siano trascorsi 25 min. così come specificato nella ricetta.
In ogni modo l’ingrediente più importante è l’amore col quale si fanno le cose e se qualcosa andasse storto, con pazienza, provate e riprovate.

Ingredienti per circa 50 bignè o 25 sfince:

100 g di burro???????????????????????????????
300 g di farina 00
½ l di acqua
8 uova
Un pizzico di sale
Se volete farle fritte olio di semi per friggere q.b.

Per la farcia di Ricotta

1 kg di ricotta
600 gr di zucchero
100 gr di gocce di Cioccolato
q.b. Granella di Pistacchi
q.b. Ciliegie e Scorza d’Arancia Candita

Procedimento:

Metti sul fuoco un tegame dove farai sciogliere il burro nell’acqua, aggiungendo un pizzico di sale. Appena arriva a ebollizione unisci la farina (tutta insieme!) e abbassa la fiamma. Mescola energicamente il composto per non far formare grumi fin quando si compatterà, e quindi si staccherà facilmente dal tegame: a questo punto si può spegnere il fuoco.
Fai intiepidire il composto e unisci un uovo per volta mescolando fino a quando tutto l’uovo è ben amalgamato. Attenzione: aggiungi il successivo uovo solo quando il precedente risulta essere completamente assorbito dall’impasto.
Adesso, se vuoi fare i bignè prendi il composto con un cucchiaino e disponilo nella placca da forno imburrata distanziandoli uno dall’altro; se invece vuoi fare le sfince prendi il composto con un cucchiaio e procedi come sopra.
Metti in forno a 225°C, per almeno 25/30 minuti, facendo attenzione a non aprire il forno, perché altrimenti i bignè si sgonfiano.
Puoi regolarti sul grado di cottura guardando la doratura. Se dopo 30 minuti sembrano ancora crudi, puoi prolungare per qualche minuto la cottura, stando attenta a non farli bruciare.
Quando assumeranno un colore dorato, puoi tirarli fuori dal forno, e farli raffreddare.
Ora puoi farcire i bignè con la crema di ricotta  che guarnirai con un pezzetto di scorza d’arancia candita e una ciliegina.

Mi auguro che tu riesca subito ad ottenere buoni risultati, perché io ho imparato facendo tanti tentativi!

Buon lavoro!

 

Leggi anche “Le Tradizioni di San Giuseppe”

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

La curiosa storia del Barone Di Stefano, esiliato all’Hotel delle Palme

Avete mai sentito parlare del Barone Di Stefano? Questo noto e particolarissimo personaggio, ha trascorso gli ultimi 50 anni della propria vita in una...

Il giardino della Cuncuma a Palermo

Forse oggi è una rarità poter ascoltare la parola Cuncuma in un discorso comune tra le nuove generazioni, giocoforza la lentissima ma inesorabile scomparsa...

Torta alle noci

La torta alle noci  è un dolce squisito e gustoso, specialmente per chi ama la frutta secca. Tipico dolce autunnale preparato dalle nostre nonne siciliane.       INGREDIENTI 140 gr di...

“Chista a sai?”: proverbi siciliani

Secondo alcuni, i proverbi siciliani sarebbero la quintessenza dell'ignoranza, un modo filosofico di esprimere semplicemente dei luoghi comuni, cose ovvie insomma. Secondo altri, invece,...

Rotolo con ricotta e gocce di cioccolato

In Sicilia usare la ricotta nella pasticceria è davvero un classico. Usiamo la crema di ricotta per farcire i cannoli, la cassata, le cassatelle,...

Zorbi, ricordo di un frutto dimenticato

I Zorbi (sorbe o sorbole in italiano), sono un frutto antichissimo e un tempo molto diffuso in diverse aree della Sicilia. Sebbene si tratti...