Sfince di san Giuseppe

Autore:

Categoria:

13,528FansLike
478FollowersSegui
576FollowersSegui

La Sfince di San Giuseppe” o come la chiamiamo a Palermo “A Spincia i San Giuseppi” è un dolce tipico siciliano, una sorta di bignè ricoperto di crema di ricotta. Una ricetta di antiche origini il cui nome deriva dall’Arabo isfang e dal latino spongia ovvero “spugna”, si perché in effetti per consistenza e forma questo dolce potrebbe somigliare ad una spugna. Un dolce umile, di semplice fattura ma che è diventato una vera e propria delizia dell’Alta Pasticceria Siciliana.

La ricetta originale prevede che l’impasto venga fritto in olio di semi, e potete anche scegliere questo ottimo e tradizionale modo di cucinarle, ma qui vi proponiamo la variante, altrettanto buona, da cucinare al forno, per una cucina più sana e delicata.

Il procedimento è facile da eseguire, il trucco sta nel non aprire il forno prima che siano trascorsi 25 min. così come specificato nella ricetta.
In ogni modo l’ingrediente più importante è l’amore col quale si fanno le cose e se qualcosa andasse storto, con pazienza, provate e riprovate.

Ingredienti per circa 50 bignè o 25 sfince:

100 g di burro???????????????????????????????
300 g di farina 00
½ l di acqua
8 uova
Un pizzico di sale
Se volete farle fritte olio di semi per friggere q.b.

Per la farcia di Ricotta

1 kg di ricotta
600 gr di zucchero
100 gr di gocce di Cioccolato
q.b. Granella di Pistacchi
q.b. Ciliegie e Scorza d’Arancia Candita

Procedimento:

Metti sul fuoco un tegame dove farai sciogliere il burro nell’acqua, aggiungendo un pizzico di sale. Appena arriva a ebollizione unisci la farina (tutta insieme!) e abbassa la fiamma. Mescola energicamente il composto per non far formare grumi fin quando si compatterà, e quindi si staccherà facilmente dal tegame: a questo punto si può spegnere il fuoco.
Fai intiepidire il composto e unisci un uovo per volta mescolando fino a quando tutto l’uovo è ben amalgamato. Attenzione: aggiungi il successivo uovo solo quando il precedente risulta essere completamente assorbito dall’impasto.
Adesso, se vuoi fare i bignè prendi il composto con un cucchiaino e disponilo nella placca da forno imburrata distanziandoli uno dall’altro; se invece vuoi fare le sfince prendi il composto con un cucchiaio e procedi come sopra.
Metti in forno a 225°C, per almeno 25/30 minuti, facendo attenzione a non aprire il forno, perché altrimenti i bignè si sgonfiano.
Puoi regolarti sul grado di cottura guardando la doratura. Se dopo 30 minuti sembrano ancora crudi, puoi prolungare per qualche minuto la cottura, stando attenta a non farli bruciare.
Quando assumeranno un colore dorato, puoi tirarli fuori dal forno, e farli raffreddare.
Ora puoi farcire i bignè con la crema di ricotta  che guarnirai con un pezzetto di scorza d’arancia candita e una ciliegina.

Mi auguro che tu riesca subito ad ottenere buoni risultati, perché io ho imparato facendo tanti tentativi!

Buon lavoro!

 

Leggi anche “Le Tradizioni di San Giuseppe”

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

La storia della manna in Sicilia

La storia della manna in Sicilia ha radici molto antiche, risalgono probabilmente agli arabi che importarono nella "terra del sole" i frassini da manna,...

Villa Trabia

Com'è abbastanza noto, sin dal XVII secolo presso l'aristocrazia siciliana, che possedeva già sontuosi palazzi a Palermo, si era affermata la consuetudine di costruire...

Bonus cultura: una guida per aiutare i diciottenni a capire come utilizzarlo

Come usare il bonus Cultura 18app? È un'iniziativa del Ministero per i giovani ed è dedicata a promuovere la cultura! Se sei nato nel 2002 e...

Chiesa del Carmine: dentro il cuore di Ballarò

Quante volte, da ragazzo, sono passato davanti al portone della chiesa del Carmine senza accorgermi della sua esistenza? Gli anni della prima adolescenza, quando...

L’urna con le ossa di Santa Rosalia

Fra qualche giorno ricorrerà il 397° festino della nostra amatissima patrona Santa Rosalia, ma anche quest’anno ci toccherà rinunciare alla sfilata del carro trionfale...

Rosalia Sinibaldi “la Santuzza”, Signora di Palermo

Rosalia Sinibaldi non è soltanto un’immagine ritratta in uno dei quadri presenti all’interno della Galleria Regionale di Palazzo Abatellis, né una rappresentazione lapidea che...