Torta di zucca

Una squisita torta dal gusto antico ottima per colazione o per merenda

Autore:

Categoria:

15,943FansLike
478FollowersSegui
580FollowersSegui

Close-up view of pumpkin isolated on white

La zucca è un ortaggio molto antico, pensate che addirittura veniva coltivata, in diverse varietà, dai popoli più antichi, tra cui gli Egizi, i Greci, i Romani e gli Arabi che la importarono dall’Asia Meridionale e più precisamente dall’India. Inoltre gli antichi Romani, oltre ad usarla come alimento, dopo averle svuotate della polpa, le facevano essiccare ricavandone contenitori per il sale, i cereali o per il latte, oppure le utilizzavano come piatti, ciotole e cucchiai, mentre gli amanti della musica ne facevano strumenti musicali come le maracas sudamericane.
In Europa si cominciò a conoscerla quando Cristoforo Colombo, dopo la conquista delle Americhe, ne portò in Italia diverse specie.
In un primo momento però fu ritenuta cibo per gente più povera, veniva consumata infatti principalmente dai contadini, che a lungo andare ne ricavarono delle prelibate ricette.
Col tempo, e anche a causa delle tante carestie, i pregiudizi iniziali sulla zucca caddero iniziando ad essere apprezzata pure dalle classi sociali più abbienti.
La zucca finalmente veniva gustata anche dai palati più esigenti, che ne assaporavano l’ ottima polpa preparandola con vari aromi.
Oggi la zucca si cucina in diversi modi, si utilizza nella preparazione di primi o di secondi piatti, come contorno e perché no anche per preparare una buona torta.
Ecco una ricetta che prepara una nostra carissima amica.
Per prepararla occorrono:
250 g farina per dolci
260 g zucchero
50 g di margarina vegetale o olio di semi
2 uova
250 g di zucca cotta e passata
1 bustina lievito per dolci
un pizzico di cannella
uvetta sultanina, noci ,gocce di cioccolato a piacere
Per prima cosa dovete sbucciare la zucca, tagliarla a pezzetti e metterla in un tegame con un filo di acqua, mettetela sul fuoco e mescolate di tanto in tanto per evitare che si attacchi al fondo. Quando è cotta, toglietela dal fuoco e scolate l’acqua in eccesso (c’è chi la fa cuocere nel forno, ma io preferisco cuocerla in questo modo ) passatela al setaccio.
In una ciotola lavorate lo zucchero con le uova e la margarina che avrete fatto ammorbidire tenendola qualche ora fuori dal frigorifero.
Quando il composto sarà montato abbastanza, aggiungere la zucca e continuate a frullare, a questo punto versare la farina nell’impasto avendo cura di farla incorporare un po’ alla volta, esaurita tutta la farina aggiungete un po di cannella e il lievito.
Buttate nell’impasto l’uvetta, le noci frantumate e le gocce di cioccolato, mescolare ancora con un cucchiaio di legno.
Versare l’impasto in una tortiera precedentemente imburrata e infarinata, mettete in forno caldo a 180° per circa 35/40 minuti.
Spolveratela ancora tiepida con dello zucchero a velo.




Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Maria Floriti
Maria Floriti
Donna eclettica e versatile, dai fornelli alle ricerche sulle storie e tradizioni più curiose della nostra città.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Villa Branciforti di Butera a Bagheria

STORIA                   Don Giuseppe Branciforti, principe di Pietraperzia e conte di Raccuja, deputato del regno, già pretore di Palermo ed esponente di uno dei maggiori casati...

Come partecipare al X Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi”

Ancora due mesi per partecipare al X Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi” Ci sono ancora due mesi di tempo per aderire alla decima...

Il giardino della Cuncuma a Palermo

Forse oggi è una rarità poter ascoltare la parola Cuncuma in un discorso comune tra le nuove generazioni, giocoforza la lentissima ma inesorabile scomparsa...

Carusi, addevi e picciriddi: i bambini in Sicilia

Sono molti i modi in cui chiamiamo i bambini in Sicilia. Dipende dalle diverse province dell’isola dove il termine bambino cambia, pur mantenendo lo...

La Sala delle Donne di Palermo

A Palermo in passato non erano molti i luoghi pubblici dedicati solo alle donne. Eppure pochi sanno che ve ne era uno in particolare...

Jack Churchill: L’ufficiale che sbarcò in Sicilia con arco e spada

Che qualcuno sia sbarcato in Sicilia armato di spada, arco lungo e frecce, non è certo una novità nella storia millenaria della nostra isola....