Canazzo siciliano al forno

Il "Canazzo" è un piatto buonissimo! un variopinto miscuglio di verdure cucinate in forno, ma che si possono cucinare anche in padella a fuoco vivace e ben soffritto

Autore:

Categoria:

15,943FansLike
478FollowersSegui
580FollowersSegui

Se parli di “Canazzo” a Palermo o “canazzu”, stiamo parlando sicuramente di uno stufato di peperone, cipolla, melanzana, patata e pomodorino, ortaggi della stagione estiva, ma che troviamo nei banchi di frutta e verdura, praticamente tutto l’anno.
Da dove derivi questo nome, non so realmente, ma voglio provare ad indovinare e pensare ad una mescolanza di cose, infatti a Palermo, quando le cose sono un po’ in disordine, a casaccio, diciamo a canazzu, un po’ alla rinfusa.

Il “Canazzo” che oggi vi invito a cucinare, è un piatto buonissimo! E’ un variopinto miscuglio di verdure, che io metto in forno, ma che si può cucinare anche in padella a fuoco vivace e ben soffritto.

Ingredienti

Due patate, due peperoni, una melanzana tunisina, che non essendo amara non necessita di essere messa a mollo con acqua e sale, una cipolla, olio extra vergine d’oliva, una decina di pomodorini ciliegia

Come cucinare il canazzo al forno

Lavate e tagliate i peperoni, le melanzane e le patate a tocchetti e insieme alla cipolla tagliata a fette sottili buttateli tutti insieme in una teglia, cospargetele di olio extra vergine d’oliva, sale, pepe e mettete in forno fino a quando le verdure saranno ben cotte e dorate, vi raccomando di mescolarli ogni tanto.

Puoi servire il “Canazzo” caldo o freddo, come antipasto o come contorno e il successo, ti assicuro, è certo!

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Villa Branciforti di Butera a Bagheria

STORIA                   Don Giuseppe Branciforti, principe di Pietraperzia e conte di Raccuja, deputato del regno, già pretore di Palermo ed esponente di uno dei maggiori casati...

Come partecipare al X Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi”

Ancora due mesi per partecipare al X Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi” Ci sono ancora due mesi di tempo per aderire alla decima...

Pasta con crema di zucchine e gamberetti

La pasta con crema di zucchine e gamberetti è un delizioso e delicato piatto che non fa parte strettamente della cucina tipica siciliana, ma...

Il giardino della Cuncuma a Palermo

Forse oggi è una rarità poter ascoltare la parola Cuncuma in un discorso comune tra le nuove generazioni, giocoforza la lentissima ma inesorabile scomparsa...

Carusi, addevi e picciriddi: i bambini in Sicilia

Sono molti i modi in cui chiamiamo i bambini in Sicilia. Dipende dalle diverse province dell’isola dove il termine bambino cambia, pur mantenendo lo...

La Sala delle Donne di Palermo

A Palermo in passato non erano molti i luoghi pubblici dedicati solo alle donne. Eppure pochi sanno che ve ne era uno in particolare...