Pasta al ragù siciliano

Autore:

Categoria:

Quando ero bambina uno degli odori che mi svegliava nelle fredde domeniche d’inverno era quello del “ragù siciliano”. Mamma si alzava alle sei del mattino e iniziava a spignattare. Quell’odore penetrava dentro alle nostre narici in modo così violento che tutte e quattro (sorelle) ci svegliavamo con una fame assurda. In poche parole iniziavamo a pensare al pranzo ancora prima di aprire gli occhi. Mamma poi è una cuoca meravigliosa, quindi ti lascio immaginare la nostra acquolina già di prima mattina.

Riflettendoci forse era tutto studiato per farci svegliare presto anche di domenica 

Comunque penso fosse un piano di tutte le mamme sicule, di sicuro di quelle del mio palazzo. Si, perché non poteva mancare la pasta al ragù, la pasta al forno col ragù e melanzane, insomma il ragù in tutti i modi!

Di certo l’originale è quello bolognese, diciamo che in Sicilia lo abbiamo un pò alleggerito e lo usiamo in vari piatti, anche negli arancini.

Adesso passiamo alla ricetta e al piccolo tutorial che leggerai qui sotto.

Puoi anche conservarlo in barattoli di vetro da congelare, ti consiglio il barattolo di vetro perché poi potrai scongelarlo/riscaldarlo o al microonde o a bagnomaria.

*Le dosi sono calcolate per 320 gr di pasta,4 persone, o 500 gr di riso per gli arancini, per la pasta al forno 500 gr 

Tempi di cottura: 1 ora e mezza

Ingredienti

2 carote
1 cipolla
1gambi con foglie sedano
2cucchiai olio evo
500gr carne tritata (secondo taglio)
100gr piselli (vanno bene anche quelli surgelati)
1l passata di pomodoro
1pizzico noce moscata
quanto basta sale
320gr pasta

Procedimento

Nel tritatutto inserisci carote, cipolla e sedano. Appena saranno ben tritati mettili in una pentola (preferibilmente bassa) e falli dorare con un po’ di olio e un pizzico di sale. Aggiungi il tritato e fai cuocere a fuoco lento per circa 20 minuti. Aggiungi i piselli falli cuocere per 10 minuti. Adesso aggiungi la passata di pomodoro, il sale e un pizzico di noce moscata e lascia cuocere per circa un’ora mescolando di tanto in tanto e con un coperchio copri lasciandolo un po’ aperto. Quando sarà pronto cuoci la pasta, scolala e condiscila con il ragù siciliano.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

12,834FansLike
478FollowersSegui
567FollowersSegui

Canale Telegram

Emanuela La Valle
Emanuela La Vallehttps://trestelleincucina.it/
Food Blogger Siciliana di www.trestelleincucina.it . La mia passione per la cucina esplode già da bambina e oggi, grazie ad internet, la condivido con voi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

La città riparte: Musei e Monumenti di Palermo aperti al pubblico

Dopo il lockdown, al passaggio in zona gialla, Palermo come tutte le città comincia a riaprire i siti turistici tanto apprezzati, ma solo nei...

Dopo cinque anni riapre il museo Pitrè

Il 10 marzo, riapre al pubblico, dopo ben cinque anni di chiusura per lavori di manutenzione e riallestimento il museo etnografico siciliano Giuseppe Pitrè.La...

L’Ammiraglio Gravina, il palermitano che affascinò Napoleone

Tra i personaggi illustri della nostra città, merita senza dubbio una menzione Federico Carlo Gravina, principe di Montevago, palermitano di nobili origini che fece...

Decoro urbano e panchina rossa

L’Organizzazione di Volontariato Retake Palermo, già realizzatrice di molteplici attività di sensibilizzazione ambientale e sociale nel territorio di Palermo, comunica che sabato 6 e...

Ma quanto è buono il pane a Palermo!?

Il pane è buono dappertutto, e in ogni luogo ha la sua forma, il suo sapore, la sua tradizione. Come non ricordare il famoso...

Borghi dei Tesori. Nasce il network di 42 piccoli comuni siciliani sotto l’egida delle Vie dei Tesori

PALERMO. Dai siti archeologici alle fortezze saracene, dalle miniere abbandonate alle concerie fantasma, dai castelli aggrappati al cielo agli acquedotti seminterrati, dagli ipogei ai...