Pasta coi Tenerumi

Autore:

Categoria:

13,528FansLike
478FollowersSegui
576FollowersSegui

Quando il sole fa capolinea nell’ora più calda della giornata, un palermitano si alza e decide di preparare un buon piatto di Pasta coi Tenerumi. Non importa i 40° gradi all’ombra, nessuno può mai rinunciaci.
Un tipico piatto popolare palermitano, preparato con le tenere foglie della zucchina e arricchito con pomodoro pelato e zucchina longa siciliana.

Ingredienti:
 500 g pomodoro pelato (la polpa)
 300 g spaghetti spezzati
 70 g Cacio cavallo
 2 mazzi di Tenerumi
 2 spicchi d’aglio
 1 zucchina lunga siciliana
 q.b. olio EVO
 q.b. sale
 1 pizzico bicarbonato ( per correggere l’eventuale
acidità del pomodoro)

Procedimento:
1. per prima cosa mettette a mollo i Tenerumi in una bacinella con abbondante acqua e per circa 5 volte ripetete il seguente passaggio fino a rilasciare tutta la terra residua: scola tenerumi nello scola pasta, rimetti tenerumi in bacinella con abbondante acqua. Scola i
tenerumi nello scola pasta.
2. Selezionate le foglie dei Tenerumi che risultano verdi, sane, vellutate al tatto e tenere.
3. Pulite così le foglie selezionate con acqua e tagliatele in piccole parti.
4. Pelate la zucchina lunga, pulitela con acqua e tagliatela a dadolata.
5. Preparate poi il famoso PIC PAC: in un tegamino fate soffriggere gli spicchi d’aglio con abbondante olio EVO e unite il pomodoro pelato.
6. Fate cuocere il pomodoro pelato fino a restringimento e nel frattempo lessate i Tenerumi e la zucchina in una pentola con abbondante acqua salata.
7. A questo punto travasate i Tenerumi e la zucchina in una pentola con il pomodoro pelato e fate cuocere a fiamma dolce.
8. Non appena inizia a bollire unite gli spaghetti spezzati e moderate di sale e di acqua (se il liquido dovesse essere poco).
9. A metà cottura unite il Cacio cavallo a pezzi e servite la Pasta coi Tenerumi ancora calda.

Trucchi del mestiere:
Se il pomodoro pelato dovesse risultare un po’ acido, unite 1 pizzico di bicarbonato prima di ultimare la cottura; se volete potete conservare una parte del condimento
in un contenitore di vetro chiuso ermeticamente in frigo e utilizzarlo all’occorrenza; per gusto personale oltre al Cacio cavallo io aggiungo anche un po’ di grana grattugiato e di Primo sale.

Floriana Fontana
Blog

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Floriana Fontana
Classe '91, una giurista dall’anima creativa. La mia passione? Preparare ricette, scrivere di cibo, parlare della mia Sicilia, andare a caccia di eventi!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

La storia della manna in Sicilia

La storia della manna in Sicilia ha radici molto antiche, risalgono probabilmente agli arabi che importarono nella "terra del sole" i frassini da manna,...

Villa Trabia

Com'è abbastanza noto, sin dal XVII secolo presso l'aristocrazia siciliana, che possedeva già sontuosi palazzi a Palermo, si era affermata la consuetudine di costruire...

Bonus cultura: una guida per aiutare i diciottenni a capire come utilizzarlo

Come usare il bonus Cultura 18app? È un'iniziativa del Ministero per i giovani ed è dedicata a promuovere la cultura! Se sei nato nel 2002 e...

Chiesa del Carmine: dentro il cuore di Ballarò

Quante volte, da ragazzo, sono passato davanti al portone della chiesa del Carmine senza accorgermi della sua esistenza? Gli anni della prima adolescenza, quando...

L’urna con le ossa di Santa Rosalia

Fra qualche giorno ricorrerà il 397° festino della nostra amatissima patrona Santa Rosalia, ma anche quest’anno ci toccherà rinunciare alla sfilata del carro trionfale...

Rosalia Sinibaldi “la Santuzza”, Signora di Palermo

Rosalia Sinibaldi non è soltanto un’immagine ritratta in uno dei quadri presenti all’interno della Galleria Regionale di Palazzo Abatellis, né una rappresentazione lapidea che...