Busiate al pesto trapanese

Autore:

Categoria:

Dalle esportazioni genovesi al tipico pesto siciliano

Leggendo la storia si evince che “l’agghia pistata” (aglio pestato) che forma il pesto alla trapanese, ottenuto con ingredienti freschi e a crudo, sia frutto delle esportazioni genovesi. Anticamente, infatti, provenivano dall’estremo oriente con le loro navi e attraccavano al porto di Trapani.

I genovesi fecero conoscere le loro tradizioni culinarie (il pesto, l’agliata…), e i trapanesi unirono quello che la Sicilia offriva: le mandorle, i pomodori, il basilico e l’olio extravergine di oliva. Con il passare degli anni, il pesto alla trapanese si diffuse in tutta la provincia. Le busiate (maccheroni attorcigliati con il buso, che è il fusto della disa) sono la pasta che si abbina perfettamente al pesto alla trapanese.

I sapori e i colori sono forti come forte e colorata è la Sicilia e la sua gente. Diverse sono le varianti:si può aggiungere della menta, oppure una spolverata di “muddica atturrata” cioè pangrattato tostato in padella; ma la cosa più frequente è quella di accompagnare la pasta con frittura di pesce, o melenzane fritte, o patate fritte, o sasizza arrustuta (salsiccia arrostita), oppure quanto altro si possa abbinare.Una ricetta abbastanza semplice, veloce e soprattutto fresca.

Ingredienti: (per 4 persone)

Busiate gr. 400;
pomodoro fresco gr. 500;
4 spicchi d’aglio;
mandorle pelate crude gr. 60;
20 – 30 foglie di basilico fresco;
olio extravergine di oliva,
pepe nero, sale q.b;
percorino a piacere.

Procedimento: 

  1. in una pentola ponete il pomodoro con dell’acqua molto calda e lasciateli riposare per 5 minuti così che la pelle si tolga con facilità;
  2.  spellateli e tagliateli a pezzettini piccolissimi;
  3. in un mortaio metti l’aglio, il basilico e un po’ di sale, pesta il tutto fino ad ottenere una “crema”. Metti il pesto ottenuto nella ciotola con il pomodoro tagliato;
  4. aggiungi le mandorle e riducile in poltiglia, pestandole nel mortaio; unitelo,quindi, al pomodoro insieme ad una generosa quantità di olio e qualche cucchiaio di pecorino;
  5. lessate la pasta in abbondante acqua salata, scolatela al dente. Ponete le busiate sul piatto e condite con il pesto (non va riscaldato).

Gloria Migliore

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

12,149FansLike
478FollowersSegui
567FollowersSegui
Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Emergenza freddo! Attivo nuovo numero telefonico per aiutare i senzatetto della città

Emergenza freddo! Per i cittadini che volessero segnalare la presenza di persone senza dimora che necessitano di assistenza, è sempre attivo h24 il numero della...

La storia del traffico a Palermo

Il traffico a Palermo è sempre stato una “piaga terribile”, per citare un famoso film di Roberto Benigni. Sebbene oggi la situazione del centro...

Bonus Luce – Gas – Acqua

Dal 1° gennaio 2021 i bonus sociali per disagio economico sono riconosciuti automaticamente ai cittadini/nuclei familiari che ne hanno diritto, senza che questi debbano...

La Chimica Arenella, storia di un’eccellenza perduta

Il nome di Chimica Arenella forse non dirà niente ai più giovani, mentre qualcuno forse ne ricorderà le vicende passate, purtroppo molto spesso costituite...

La chiesa nascosta sotto la Cappella Palatina

Dentro il Palazzo dei Normanni, fiore all’occhiello di Palermo, si trova la semi sconosciuta Chiesa di Santa Maria delle Grazie, spesso impropriamente scambiata per...

Da dove viene il termine Locco?

Dopo aver analizzato le origini del termine Babbasone, andiamo a ricercare le origini di un altro aggettivo molto popolare a Palermo. Locco è un...