Busiate al pesto trapanese

Autore:

Categoria:

Dalle esportazioni genovesi al tipico pesto siciliano

Leggendo la storia si evince che “l’agghia pistata” (aglio pestato) che forma il pesto alla trapanese, ottenuto con ingredienti freschi e a crudo, sia frutto delle esportazioni genovesi. Anticamente, infatti, provenivano dall’estremo oriente con le loro navi e attraccavano al porto di Trapani.

I genovesi fecero conoscere le loro tradizioni culinarie (il pesto, l’agliata…), e i trapanesi unirono quello che la Sicilia offriva: le mandorle, i pomodori, il basilico e l’olio extravergine di oliva. Con il passare degli anni, il pesto alla trapanese si diffuse in tutta la provincia. Le busiate (maccheroni attorcigliati con il buso, che è il fusto della disa) sono la pasta che si abbina perfettamente al pesto alla trapanese.

I sapori e i colori sono forti come forte e colorata è la Sicilia e la sua gente. Diverse sono le varianti:si può aggiungere della menta, oppure una spolverata di “muddica atturrata” cioè pangrattato tostato in padella; ma la cosa più frequente è quella di accompagnare la pasta con frittura di pesce, o melenzane fritte, o patate fritte, o sasizza arrustuta (salsiccia arrostita), oppure quanto altro si possa abbinare.Una ricetta abbastanza semplice, veloce e soprattutto fresca.

Ingredienti: (per 4 persone)

Busiate gr. 400;
pomodoro fresco gr. 500;
4 spicchi d’aglio;
mandorle pelate crude gr. 60;
20 – 30 foglie di basilico fresco;
olio extravergine di oliva,
pepe nero, sale q.b;
percorino a piacere.

Procedimento: 

  1. in una pentola ponete il pomodoro con dell’acqua molto calda e lasciateli riposare per 5 minuti così che la pelle si tolga con facilità;
  2.  spellateli e tagliateli a pezzettini piccolissimi;
  3. in un mortaio metti l’aglio, il basilico e un po’ di sale, pesta il tutto fino ad ottenere una “crema”. Metti il pesto ottenuto nella ciotola con il pomodoro tagliato;
  4. aggiungi le mandorle e riducile in poltiglia, pestandole nel mortaio; unitelo,quindi, al pomodoro insieme ad una generosa quantità di olio e qualche cucchiaio di pecorino;
  5. lessate la pasta in abbondante acqua salata, scolatela al dente. Ponete le busiate sul piatto e condite con il pesto (non va riscaldato).

Gloria Migliore

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Il Teatro Massimo

Il Teatro Massimo di Palermo, intitolato a Vittorio Emanuele II, è il più grande in Italia e il terzo in Europa, dopo l’Opéra di...

Quando nacquero i primi giornali a Palermo?

Il primo numero del Giornale di Sicilia fu pubblicato il 7 giugno 1860 con la testata “Giornale Officiale di Sicilia” sotto la direzione di...

Villa Ventimiglia di Belmonte all’Acquasanta

In via Cardinale Mariano Rampolla, nell'antica borgata dell'Acquasanta, che deve il suo toponimo al ritrovamento di una immagine della Madonna incisa all'interno di una...

Fra Diego La Matina, un religioso eretico

Fra Diego La Matina era un frate agostiniano vissuto in Sicilia nel XVII secolo che ha ispirato molti autori, tra cui Luigi Natoli e...

Spaghettoni quadrati con gambero rosso

Gli spaghettoni con gambero rosso sono un piatto tipico della cucina siciliana apprezzato dai turisti di tutto il mondo. I gamberoni rossi di Mazzara dell...

Una passeggiata al mercato di Palermo

Se dico Vucciria, Ballarò, Capo, cosa vi viene in mente? Caos di urla, colori e odori? E se vi dicessi che tutto ciò che...