Coniglio alla cacciatora

Il coniglio alla cacciatora è un ottimo secondo piatto, diffuso in tante regioni d'Italia. Ogni regione infatti ha la sua variante

Autore:

Categoria:

Il coniglio alla cacciatora è un tipico modo di cucinare il coniglio in Sicilia anche se questa ricetta è molto diffusa in molte regioni d’Italia. Un secondo piatto della tradizione di tutte le nonne che a seconda delle regioni mettono il loro piccolo tocco personale, aggiungendo per esempio olive e capperi oppure carote e sedano, timo, basilico, funghi ecc…uno di quei piatti dalle mille varianti.
Il nome alla cacciatora viene associato ai piatti di carne cucinati in umido con un trito di verdure e sfumati con il vino, quindi qualsiasi sia il trito di verdure, il profumo che scaturisce da questo piatto è davvero incantevole e il risultato ottimo. Un secondo perfetto da portare in tavola per un pranzo speciale.
La ricetta che oggi io vi propongo è con un semplicissimo trito di cipolla, spicchi d’aglio, salvia, rosmarino e pomodori tagliati a tocchetti.

TEMPOPORZIONIDIFFICOLTA’
180′4Media
INGREDIENTI
1 coniglio
300 ml di vino bianco
olio extra vergine d’oliva q.b.
3 spicchi d’aglio
2 cipolle
4 foglie di alloro
2 rametti di rosmarino
5 foglioline di salvia
400 gr di pomodori pelati
sale e pepe q.b.

Ecco come fare il Coniglio alla cacciatora

Tagliate il coniglio a pezzi, lavatelo bene, tamponatelo con carta assorbente e mettetelo a bagno in una marinata di vino, alloro, una cipolla e un rametto di rosmarino per un paio di ore, girandolo di tanto in tanto. Questo passaggio serve per intenerire la carne e toglierle il gusto di selvatico.
Passato il tempo, fatelo scolare bene e rosolatelo in abbondante olio, avendo cura di rigirarlo da tutte le parti fino a che raggiunge un colore dorato. Tiratelo fuori e mettetelo da parte.
Nel fondo di cottura aggiungete il trito di cipolla, gli spicchi d’aglio, la salvia, il rosmarino e i pomodori tagliati a tocchetti, salate, pepate e fate cuocere a fiamma bassa per circa 15 minuti.
A questo punto aggiungete i pezzi di coniglio, mescolate bene, coprite con un coperchio e lasciate cucinare a fiamma media per circa mezz’ora.
Girate il coniglio di tanto in tanto e se è necessario aggiungete un po’ d’acqua calda.
Il coniglio sarà cotto quando la carne si staccherà dall’osso
A questo punto potete portare in tavola il vostro coniglio alla cacciatora e gustare ancora caldo
Coniglio alla cacciatora

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

13,528FansLike
478FollowersSegui
620FollowersSegui
Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

In memoria di Giovanni Falcone

Molti anni dopo la strage di Capaci ci troviamo ancora a commemorare il giudice Giovanni Falcone, un uomo che come pochi, è ancora in...

Andrea Camilleri parla della Strage di Capaci

Il grande scrittore siciliano, Andrea Camilleri, oltre alle sue famose opere, ha sempre avuto la capacità di raccontare grandi storie, anche durante delle semplici...

Commemorazione di Falcone e Borsellino

23 maggio 2018 - Palermo, una città che non dimentica chi ha perso la vita per lottare contro la mafia, una città che ha voglia di cambiare e non cessa mai di sperare

Giovanni Falcone e Francesca Morvillo 

All'improvviso un enorme boato squarciò l'aria sventrando il suolo, cambiando in un attimo il corso della storia di questa terra martoriata, vessata, calpestata. Un...

Divieti di balneazione 2022 a Palermo

  A seguito dell'Ordinanza Sindacale n. 46 del 19.04.2022, “ravvisata l’inderogabile esigenza di tutelare la salute pubblica”, il sindaco di Palermo ha confermato i divieti...

Villa Lampedusa ai Colli, La “Villa del Gattopardo”

Nel 1845 il principe Giulio Fabrizio Tomasi di Lampedusa, esponente di una delle più illustri e antiche famiglie aristocratiche siciliane, bisnonno di Giuseppe Tomasi...