Coniglio alla cacciatora

Il coniglio alla cacciatora è un ottimo secondo piatto, diffuso in tante regioni d'Italia. Ogni regione infatti ha la sua variante

Autore:

Categoria:

Il coniglio alla cacciatora è un tipico modo di cucinare il coniglio in Sicilia anche se questa ricetta è molto diffusa in molte regioni d’Italia. Un secondo piatto della tradizione di tutte le nonne che a seconda delle regioni mettono il loro piccolo tocco personale, aggiungendo per esempio olive e capperi oppure carote e sedano, timo, basilico, funghi ecc…uno di quei piatti dalle mille varianti.
Il nome alla cacciatora viene associato ai piatti di carne cucinati in umido con un trito di verdure e sfumati con il vino, quindi qualsiasi sia il trito di verdure, il profumo che scaturisce da questo piatto è davvero incantevole e il risultato ottimo. Un secondo perfetto da portare in tavola per un pranzo speciale.
La ricetta che oggi io vi propongo è con un semplicissimo trito di cipolla, spicchi d’aglio, salvia, rosmarino e pomodori tagliati a tocchetti.

TEMPOPORZIONIDIFFICOLTA’
180′4Media
INGREDIENTI
1 coniglio
300 ml di vino bianco
olio extra vergine d’oliva q.b.
3 spicchi d’aglio
2 cipolle
4 foglie di alloro
2 rametti di rosmarino
5 foglioline di salvia
400 gr di pomodori pelati
sale e pepe q.b.

Ecco come fare il Coniglio alla cacciatora

Tagliate il coniglio a pezzi, lavatelo bene, tamponatelo con carta assorbente e mettetelo a bagno in una marinata di vino, alloro, una cipolla e un rametto di rosmarino per un paio di ore, girandolo di tanto in tanto. Questo passaggio serve per intenerire la carne e toglierle il gusto di selvatico.
Passato il tempo, fatelo scolare bene e rosolatelo in abbondante olio, avendo cura di rigirarlo da tutte le parti fino a che raggiunge un colore dorato. Tiratelo fuori e mettetelo da parte.
Nel fondo di cottura aggiungete il trito di cipolla, gli spicchi d’aglio, la salvia, il rosmarino e i pomodori tagliati a tocchetti, salate, pepate e fate cuocere a fiamma bassa per circa 15 minuti.
A questo punto aggiungete i pezzi di coniglio, mescolate bene, coprite con un coperchio e lasciate cucinare a fiamma media per circa mezz’ora.
Girate il coniglio di tanto in tanto e se è necessario aggiungete un po’ d’acqua calda.
Il coniglio sarà cotto quando la carne si staccherà dall’osso
A questo punto potete portare in tavola il vostro coniglio alla cacciatora e gustare ancora caldo
Coniglio alla cacciatora

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

12,159FansLike
478FollowersSegui
567FollowersSegui
Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Emergenza freddo! Attivo nuovo numero telefonico per aiutare i senzatetto della città

Emergenza freddo! Per i cittadini che volessero segnalare la presenza di persone senza dimora che necessitano di assistenza, è sempre attivo h24 il numero della...

La storia del traffico a Palermo

Il traffico a Palermo è sempre stato una “piaga terribile”, per citare un famoso film di Roberto Benigni. Sebbene oggi la situazione del centro...

Bonus Luce – Gas – Acqua

Dal 1° gennaio 2021 i bonus sociali per disagio economico sono riconosciuti automaticamente ai cittadini/nuclei familiari che ne hanno diritto, senza che questi debbano...

Caponata di carciofi

I carciofi sono ortaggi molto apprezzati e usati nella cucina siciliana. La Caponata di carciofi è una variante invernale della conosciutissima Caponata di melanzane...

La Chimica Arenella, storia di un’eccellenza perduta

Il nome di Chimica Arenella forse non dirà niente ai più giovani, mentre qualcuno forse ne ricorderà le vicende passate, purtroppo molto spesso costituite...

La chiesa nascosta sotto la Cappella Palatina

Dentro il Palazzo dei Normanni, fiore all’occhiello di Palermo, si trova la semi sconosciuta Chiesa di Santa Maria delle Grazie, spesso impropriamente scambiata per...