Coniglio alla cacciatora

Il coniglio alla cacciatora è un ottimo secondo piatto, diffuso in tante regioni d'Italia. Ogni regione infatti ha la sua variante

Autore:

Categoria:

Il coniglio alla cacciatora è un tipico modo di cucinare il coniglio in Sicilia anche se questa ricetta è molto diffusa in molte regioni d’Italia. Un secondo piatto della tradizione di tutte le nonne che a seconda delle regioni mettono il loro piccolo tocco personale, aggiungendo per esempio olive e capperi oppure carote e sedano, timo, basilico, funghi ecc…uno di quei piatti dalle mille varianti.
Il nome alla cacciatora viene associato ai piatti di carne cucinati in umido con un trito di verdure e sfumati con il vino, quindi qualsiasi sia il trito di verdure, il profumo che scaturisce da questo piatto è davvero incantevole e il risultato ottimo. Un secondo perfetto da portare in tavola per un pranzo speciale.
La ricetta che oggi io vi propongo è con un semplicissimo trito di cipolla, spicchi d’aglio, salvia, rosmarino e pomodori tagliati a tocchetti.

TEMPOPORZIONIDIFFICOLTA’
180′4Media
INGREDIENTI
1 coniglio
300 ml di vino bianco
olio extra vergine d’oliva q.b.
3 spicchi d’aglio
2 cipolle
4 foglie di alloro
2 rametti di rosmarino
5 foglioline di salvia
400 gr di pomodori pelati
sale e pepe q.b.

Ecco come fare il Coniglio alla cacciatora

Tagliate il coniglio a pezzi, lavatelo bene, tamponatelo con carta assorbente e mettetelo a bagno in una marinata di vino, alloro, una cipolla e un rametto di rosmarino per un paio di ore, girandolo di tanto in tanto. Questo passaggio serve per intenerire la carne e toglierle il gusto di selvatico.
Passato il tempo, fatelo scolare bene e rosolatelo in abbondante olio, avendo cura di rigirarlo da tutte le parti fino a che raggiunge un colore dorato. Tiratelo fuori e mettetelo da parte.
Nel fondo di cottura aggiungete il trito di cipolla, gli spicchi d’aglio, la salvia, il rosmarino e i pomodori tagliati a tocchetti, salate, pepate e fate cuocere a fiamma bassa per circa 15 minuti.
A questo punto aggiungete i pezzi di coniglio, mescolate bene, coprite con un coperchio e lasciate cucinare a fiamma media per circa mezz’ora.
Girate il coniglio di tanto in tanto e se è necessario aggiungete un po’ d’acqua calda.
Il coniglio sarà cotto quando la carne si staccherà dall’osso
A questo punto potete portare in tavola il vostro coniglio alla cacciatora e gustare ancora caldo
Coniglio alla cacciatora

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

13,528FansLike
478FollowersSegui
576FollowersSegui
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

La storia della manna in Sicilia

La storia della manna in Sicilia ha radici molto antiche, risalgono probabilmente agli arabi che importarono nella "terra del sole" i frassini da manna,...

Villa Trabia

Com'è abbastanza noto, sin dal XVII secolo presso l'aristocrazia siciliana, che possedeva già sontuosi palazzi a Palermo, si era affermata la consuetudine di costruire...

Bonus cultura: una guida per aiutare i diciottenni a capire come utilizzarlo

Come usare il bonus Cultura 18app? È un'iniziativa del Ministero per i giovani ed è dedicata a promuovere la cultura! Se sei nato nel 2002 e...

Chiesa del Carmine: dentro il cuore di Ballarò

Quante volte, da ragazzo, sono passato davanti al portone della chiesa del Carmine senza accorgermi della sua esistenza? Gli anni della prima adolescenza, quando...

L’urna con le ossa di Santa Rosalia

Fra qualche giorno ricorrerà il 397° festino della nostra amatissima patrona Santa Rosalia, ma anche quest’anno ci toccherà rinunciare alla sfilata del carro trionfale...

Rosalia Sinibaldi “la Santuzza”, Signora di Palermo

Rosalia Sinibaldi non è soltanto un’immagine ritratta in uno dei quadri presenti all’interno della Galleria Regionale di Palazzo Abatellis, né una rappresentazione lapidea che...