Coniglio alla cacciatora

Il coniglio alla cacciatora è un ottimo secondo piatto, diffuso in tante regioni d'Italia. Ogni regione infatti ha la sua variante

Autore:

Categoria:

Il coniglio alla cacciatora è un tipico modo di cucinare il coniglio in Sicilia anche se questa ricetta è molto diffusa in molte regioni d’Italia. Un secondo piatto della tradizione di tutte le nonne che a seconda delle regioni mettono il loro piccolo tocco personale, aggiungendo per esempio olive e capperi oppure carote e sedano, timo, basilico, funghi ecc…uno di quei piatti dalle mille varianti.
Il nome alla cacciatora viene associato ai piatti di carne cucinati in umido con un trito di verdure e sfumati con il vino, quindi qualsiasi sia il trito di verdure, il profumo che scaturisce da questo piatto è davvero incantevole e il risultato ottimo. Un secondo perfetto da portare in tavola per un pranzo speciale.
La ricetta che oggi io vi propongo è con un semplicissimo trito di cipolla, spicchi d’aglio, salvia, rosmarino e pomodori tagliati a tocchetti.

TEMPOPORZIONIDIFFICOLTA’
180′4Media
INGREDIENTI
1 coniglio
300 ml di vino bianco
olio extra vergine d’oliva q.b.
3 spicchi d’aglio
2 cipolle
4 foglie di alloro
2 rametti di rosmarino
5 foglioline di salvia
400 gr di pomodori pelati
sale e pepe q.b.

Ecco come fare il Coniglio alla cacciatora

Tagliate il coniglio a pezzi, lavatelo bene, tamponatelo con carta assorbente e mettetelo a bagno in una marinata di vino, alloro, una cipolla e un rametto di rosmarino per un paio di ore, girandolo di tanto in tanto. Questo passaggio serve per intenerire la carne e toglierle il gusto di selvatico.
Passato il tempo, fatelo scolare bene e rosolatelo in abbondante olio, avendo cura di rigirarlo da tutte le parti fino a che raggiunge un colore dorato. Tiratelo fuori e mettetelo da parte.
Nel fondo di cottura aggiungete il trito di cipolla, gli spicchi d’aglio, la salvia, il rosmarino e i pomodori tagliati a tocchetti, salate, pepate e fate cuocere a fiamma bassa per circa 15 minuti.
A questo punto aggiungete i pezzi di coniglio, mescolate bene, coprite con un coperchio e lasciate cucinare a fiamma media per circa mezz’ora.
Girate il coniglio di tanto in tanto e se è necessario aggiungete un po’ d’acqua calda.
Il coniglio sarà cotto quando la carne si staccherà dall’osso
A questo punto potete portare in tavola il vostro coniglio alla cacciatora e gustare ancora caldo
Coniglio alla cacciatora

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Sgombro gratinato al forno: un secondo piatto sano e gustoso

Lo sgombro è un pesce azzurro ricco di proteine, acidi grassi omega-3, vitamine e minerali, un alimento sano e nutriente, che fa bene al...

Le proprietà del carciofo che non ti aspetti

Le proprietà del Carciofo sono tante, è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Composite (o Asteracee). È un ortaggio molto comune nel meridione...

Pasta alla Norma

La pasta alla Norma è un primo piatto della tradizione catanese, uno dei simboli della cucina siciliana in generale e conosciuta davvero ovunque. Pasta, solitamente rigatoni, condita...

Liquore di noci

In autunno, precisamente dalla metà di settembre fino alla fine di ottobre è tempo di raccolta di noci, ottimi frutti dalle tantissime proprietà benefiche...

Paste di mandorle siciliane

Le paste di mandorle sono dei dolcetti buonissimi tipici siciliani. Pasticcini fatti senza farina e senza burro, morbidissimi. In Sicilia li troviamo in tutte...

Ravioli con marmellata d’arance

I "Ravioli con marmellata d'arance" sono dei dolcetti semplici e profumatissimi, cotti al forno. Una pasta frolla riempita di marmellata d'arance siciliane. Potete utilizzare altre...