Fiabe Siciliane: I Romeo e Giulietta della Sicilia araba

Autore:

Categoria:

Aiutaci a far crescere la pagina con un semplice clic sul pulsante...Grazie

22,368FansLike
1,065FollowersSegui
633FollowersSegui

Questa bellissima fiaba ambientata nella Palermo araba, racconta la storia dell’amore proibito tra due giovani appartenenti a famiglie rivali. Le vicissitudini di questi Romeo e Giulietta siciliani, verranno risolte dall’intervento di un vecchio saggio, che svelerà loro un magico segreto.

Leggiamola insieme.

La favola del Giglio d’Oro

Nella Sicilia al tempo degli arabi, sotto il cielo stellato e tra le dolci colline coltivate a ulivi, vivevano due giovani amanti, Aisha e Farid. Le loro famiglie, i Bahlul e i Qadir, erano acerrime nemiche da generazioni, divise da antiche dispute mai risolte.

Aisha era la figlia del capo dei Bahlul, nota per la sua bellezza e la sua voce melodiosa che incantava chiunque l’ascoltasse. Farid, figlio del capo dei Qadir, era un giovane coraggioso e un abile cavaliere, ammirato per la sua destrezza e il suo spirito gentile.

I due si incontrarono per caso durante una visita all’antico mercato delle spezie di Palermo, dove i loro sguardi si incrociarono tra la folla. Fu un colpo di fulmine; i loro cuori si riconobbero nonostante il fardello dei loro cognomi.
Sapevano che il loro amore era proibito, ma non potevano negare i sentimenti che li univano. Così, iniziarono a incontrarsi di nascosto, giurandosi eterna fedeltà sotto la luce della luna, tra i giardini segreti e le fontane mormoranti.

Una notte, mentre si trovavano in un antico giardino, un vecchio saggio li sorprese. Vedendo la purezza del loro amore, decise di aiutarli. Li condusse a una grotta nascosta dove fioriva un raro giglio d’oro, un fiore leggendario, che si diceva potesse trasformare l’odio in amore.
“Portate questo giglio ai vostri padri,” disse il saggio, “e l’antica faida si concluderà, unendo le vostre famiglie.”

I giovani erano un po’ titubanti. Seppur sollevati dalla speranza di potersi amare, superando l’antica rivalità dei loro padri, agire come l’anziano saggio aveva detto significava esporsi dinanzi alle loro famiglie, rivelando così il loro amore proibito. Se il piano non avesse funzionato sarebbero stati costretti a separarsi per sempre.

Alla fine, i due amanti superarono le loro paure e decisero di escogitare un piano per far incontrare i loro padri in segreto.
Attirati in un giardino ai confini della città con la scusa di un grande dono, i due rivali furono insieme sbalorditi ed adirati nel trovarsi l’uno di fronte all’altro, ma fu allora che i giovani gettarono il cuore oltre l’ostacolo e si fecero avanti, raccontando tutta la verità ed interponendo tra loro il magico fiore splendente.
Quando, superata l’iniziale diffidenza, i capi delle due famiglie toccarono il giglio d’oro, i loro cuori si aprirono e compresero l’insensatezza del loro odio.

Le famiglie Bahlul e Qadir celebrarono un grande banchetto per sigillare la loro nuova alleanza e benedire l’unione di Aisha e Farid. I due consuoceri divennero anche amici e soci in affari, riuscendo a guadagnare grandi fortune grazie alle reciproche conoscenze. Da quel giorno, la pace regnò in Sicilia, e la storia dei due amanti divenne leggenda, simbolo di un amore così forte da superare ogni ostacolo.

E così, Aisha e Farid vissero felici e innamorati per tutti i loro giorni, e il giglio d’oro fiorì nel giardino della loro casa, come promessa di eterna armonia.

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile e redattore di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

I marinai del Giardino Inglese

In un piccolo padiglione, appositamente costruito su disegno di Ernesto Basile, nel Giardino Inglese di Palermo, è collocato un gruppo marmoreo opera di Benedetto...

Il castello di Cefalà Diana

Il castello di Cefalà Diana, nell'omonimo paese del palermitano, sorge nei pressi della vecchia Magna via Panormi, la strada che una volta collegava Agrigento...

Bernardo da Corleone: Il santo spadaccino

Non tutti conoscono la singolare storia di san Bernardo da Corleone, che da giovane era considerato il miglior spadaccino della Sicilia e che tra...

Carciofi con la tappa dell’uovo (Cacocciuli ca tappa i l’ovu)

I Cacocciuli ca tappa i l’ovu o Carciofi con la tappa d'uovo sono un piatto tipico della cucina palermitana. Ca Tappa i l'ovu, vuol...

Polpette di pesce spada in agrodolce alla siciliana

Le polpette di pesce spada sono una ricetta tipica siciliana, apprezzata sia in agrodolce che al sugo. Oggi prepariamo quella in agrodolce! L’utilizzo dell’agrodolce è...

Bignè con crema pasticcera

I bignè sono dei dessert composti da pasta choux e ripieno di creme variamente aromatizzate. La ricetta della pasta choux, probabilmente, nacque durante il Rinascimento...