Fiabe Siciliane: L’amore proibito del principe e della popolana

Autore:

Categoria:

Aiutaci a far crescere la pagina con un semplice clic sul pulsante...Grazie

22,370FansLike
1,065FollowersSegui
633FollowersSegui

Questa triste fiaba siciliana, racconta la storia di un giovane principe che a dispetto del suo titolo si innamora di una bellissima ragazza del popolo. Nonostante il forte amore che li lega, i due si vedranno costretti ad affrontare l’ostilità di una società fortemente classista, che li vorrebbe legati solo a persone del loro stesso rango.

Ve la raccontiamo.

Il principe e la popolana

Nella felicissima Palermo del ‘700, sotto il cielo azzurro che si stendeva come un manto sopra la città, viveva il giovane Alessandro Lopez, principe di Montereale, erede di una delle famiglie più antiche e rispettate del Regno. Il suo palazzo era un labirinto di sale sontuose e giardini lussureggianti, ma il suo cuore era vuoto, come se ogni tesoro materiale non potesse colmare il bisogno di qualcosa di più autentico e vero.

Marianna Giacalone, al contrario, era una ragazza del popolo, cresciuta tra le strade strette e vivaci del mercato di Ballarò, dove l’aria era sempre piena del chiacchiericcio della gente e del profumo di spezie e di mare. Marianna era bellissima, tanto che nonostante l’abbigliamento semplice e l’aspetto pratico e spartano, la sua figura risaltava con facilità anche in mezzo ad una strada affollata.

Il destino volle che i loro cammini si incrociassero durante il festino di Santa Rosalia, patrona della città. Alessandro Lopez, travestito da cittadino comune per godersi la festa senza essere riconosciuto, vide Marianna danzare in piazza con altre ragazze. Fu colpito dalla sua grazia, che non aveva nulla da invidiare alle dame che frequentavano la corte, e dal modo in cui la sua risata si elevava libera e cristallina sopra il rumore della folla.

Da quel momento, il principe non riuscì più a togliersi Marianna dalla mente. Iniziò a seguirla di nascosto, scoprendo la sua vita semplice ma piena di dignità.
Era orfana di madre, che era cresciuta dovendo far fronte alle lunghe assenze del padre pescatore, impegnato in mare, curandosi anche di quattro sorelle più piccole. Nonostante l’impegno costante, aiutava la famiglia anche con dei piccoli lavoretti, cuciva, lavava e rammendava i panni per alcune famiglie benestanti. In più aiutava anche il padre nella vendita del pesce.

Quando Alessandro finalmente trovò il coraggio di parlarle, all’inizio si presentò come un semplice artigiano, temendo che la verità sul suo rango potesse spaventarla o peggio, attirarla per i motivi sbagliati. Lei accettò le attenzioni di questo bel giovane, che nonostante l’abbigliamento da popolano, mostrava una cultura ed una bellezza che non aveva mai visto tra la gente comune.
Alla fine, incalzato dalle domande della ragazza, che di certo stupida non era, alla fine il principe rivelò la sua vera identità, ma ormai non aveva importanza, i due si amavano e approfittavano di ogni occasione per incontrarsi di nascosto.

I loro incontri segreti divennero l’unico momento di gioia pura nelle loro vite. Si vedevano la notte in un casotto, nel giardino del palazzo dei Lopez, dove il tempo sembrava fermarsi. Lui le raccontava delle stelle che vedevano attraverso le alte finestre e dei viaggi che avrebbe voluto fare, lei delle leggende del mare e delle canzoni che sua madre le cantava da bambina.

Ma come in ogni storia che sfida le convenzioni, la realtà alla fine si fece strada tra i sogni. Il padre di Alessandro, Guglielmo Lopez, scoprì il loro amore clandestino. In un attacco di furia per l’onore macchiato, fece leva sulle sue amicizie più potenti e, con una serie di calunnie infamanti, fece bandire Marianna dalla città, minacciando anche di distruggere la sua famiglia se avesse cercato di contattare il figlio.

Alessandro, devastato, si ritrovò intrappolato in una vita che detestava, costretto a indossare una maschera di indifferenza mentre il suo cuore piangeva l’assenza di Marianna. Lei, da parte sua, trovò rifugio in un piccolo villaggio di pescatori lontano da Palermo, dove le onde le portavano l’eco lontano del loro amore perduto. Nonostante la sofferenza, i due non si rividero mai più, sebbene i loro cuori continuarono ad appartenersi per tutto il resto delle loro vite.

La loro storia, narrata sottovoce, divenne leggenda. Un monito sul potere distruttivo delle convenzioni sociali e sulla purezza di un amore che, nonostante tutto, non smise mai di brillare nel buio, come una stella caduta tra le strade di Palermo.

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile e redattore di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Risotto con funghi e piselli

Il risotto con funghi e piselli è un piatto semplice e saporito, un ottimo primo da preparare in qualsiasi occasione e in qualsiasi stagione...

Torta soffice al limone

La torta soffice al limone è un classico della tradizione italiana, ma la Sicilia è terra di agrumi, simbolo stesso dell’Isola, definita da Goethe “la...

Calamari ripieni

  I calamari sono squisiti molluschi con i quali è possibile preparare moltissime ricette. Possiamo usarli per preparare antipasti,  per condire primi piatti, insalate di...

Il Pan d’arancio

Il pan d'arancio è una torta soffice, tipica della cucina tradizionale siciliana, o meglio palermitana, perfetta a colazione o  servita a merenda accompagnata da un...

La Chiesa scomparsa: “La Madonna di Piedigrotta alla Cala”

Ubicata sulla sponda sinistra della Cala, più o meno dove oggi è l'edificio del mercato ittico, si ergeva fino al 22 marzo del 1943,...

Il Castello della Zisa

Il palazzo della Zisa, o Castello della Zisa o semplicemente "la Zisa" è uno dei capolavori Arabo-Normanni di Palermo, dal 2018 Patrimonio Mondiale dell'Umanità...