Alla scoperta di Ballarò: il mercato rionale più antico di Palermo

Autore:

Categoria:

Il mercato di Ballarò, con i suoi oltre 1000 anni di storia, è una delle testimonianze più antiche ancora esistenti a Palermo.

I mercati storici di Palermo sono assolutamente un must degli itinerari e tour della Sicilia proposti ai turisti. Visitare questi mercati ti proietta in una dimensione sconosciuta e senza tempo: i prodotti, le grida dei venditori, i colori e le fragranze sono le stesse da secoli. Il più antico mercato di Palermo è il Ballarò, nel quartiere popolare dell’Albergheria. Ecco tutto quello che dovete sapere sul mercato di Ballarò.

Storia, origini e significato del nome

Le origini di questo mercato vengono fatte risalire al X sec. durante la dominazione araba in Sicilia. Il nome deriva dal termine arabo Balhara, nome del villaggio di commercianti arabi che vendeva spezie e prodotti vari al mercato. Era il Suq Al-Balhara, tradotto nell’attuale palermitano “Ballarò”.

Il miglior luogo dove comprare generi alimentari

Al contrario di altri mercati antichi di altre città, il Ballarò è a Palermo ancora molto popolare e molto vivace, e nonostante la diffusione di grandi centri commerciali, è ancora il miglior posto dove acquistare prodotti alimentari a Palermo. Tra le bancarelle e i negozietti del Ballarò si possono comprare carne, pesce freschissimo, frutta e verdura a km 0, proveniente direttamente dalla campagna palermitana, e ancora formaggi, prodotti tipici, dolci.
Secondo quanto sostengono molti palermitani, il rapporto qualità prezzo al Ballarò è eccellente.

Il valore turistico e culturale: ecco cosa vedere

I mercati storici di Palermo, ed il Ballarò in primis, sono fra le cose da vedere assolutamente a Palermo, tappe obbligate di un qualunque itinerario cittadino che si rispetti. In questi luoghi è possibile scoprire tesori di una bellezza architetturale rara, come la Chiesa del Carmine Maggiore, del 1600, con splendide maioliche colorate; la chiesa è uno dei simboli del barocco siciliano e palermitano, con stucchi elaborati nella facciata esterna e opere sacre all’interno, nelle cappelle laterali e nelle navate, opera di maestri del calibro dei Serpotta.
Altri tesori sono ad esempio il coro ligneo nell’abside e la statua argentea della Madonna del Carmine, tanto preziosa da essere esposta soltanto nel mese di Luglio in occasione della celebrazione della Vergine.
Le stradine che si intersecano nell’intricata ragnatela del Ballarò ha anche ispirato lo scrittore Luigi Natoli, e il mercato è l’ambientazione del Romanzo “I Beati Paoli”.

Informazioni utili

  • Come arrivare a Ballarò: Il mercato si trova in pieno centro. E’ possibile giungere a piedi partendo dalla Stazione Centrale, prendendo corso Tukory e accedendo tramite Via Dalmazio Birago.
  • Orari: il miglior momento per visitare il mercato è la mattina

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

10,411FansLike
478FollowersSegui
543FollowersSegui
Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Il fiume Papireto fratello del Nilo

Uno dei principali fiumi di Palermo, il Papireto, ha svolto un ruolo molto importante nella storia antica della nostra città. Come sappiamo, fino al...

La città riparte: Chiese, Musei e Monumenti di Palermo aperti al pubblico

Dopo il lockdown, Palermo come tutte le città comincia a riaprire i siti turistici tanto apprezzati e così, la città riparte con le proprie...

Movida palermitana: le nuove regole

26 giugno 2020 - l sindaco Leoluca Orlando ha firmato ieri un'ordinanza che modifica gli orari di vendita e somministrazione di bevande alcoliche e...

Le chiavi di San Pietro

Le chiavi di San Pietro sono dei dolci tipici della tradizione di Palermo consumati il 29 giugno, per la festa dei Santi Pietro e...

Il fiume Oreto: storia, ricordi e speranze di recupero

Ricordo ancora quando da ragazzino scendevo dal ponte Oreto al fiume e insieme a qualche amico esploravamo quella zona di terra fangosa, acqua, canneti...