La regina Ghanese di Palermo

La comunità del Ghana è certamente una delle più variopinte di Palermo. Tra le numerose tradizioni di questo popolo spicca l'usanza di eleggere una regina che governi la comunità locale e rappresenti i ghanesi.

Autore:

Categoria:

Come sappiamo, Palermo è una città florida di culture ed usanze provenienti dai numerosi popoli che l’hanno abitata nel corso dei millenni e anche oggi alcuni quartieri sono degli autentici simboli del multiculturalismo che da sempre ha caratterizzato la Sicilia.

Molti dei popoli che a Palermo hanno trovato una seconda casa, si sono organizzati in comunità più o meno grandi, che in qualche modo cercano di mantenere vive le proprie usanze e tradizioni, anche se a migliaia di chilometri dalla propria terra d’origine.

regina ghanaChe sia un grande stato o un minuscolo condominio, è abbastanza normale che un gruppo organizzato scelga un portavoce o un leader che si rapporti con le istituzioni o che risolva i piccoli conflitti interni, tuttavia una popolazione africana fa qualcosa in più.
A Palermo, e non solo, le comunità Ghanesi eleggono una regina che svolga il ruolo di Madre del Popolo, che ne simboleggi la storia e le tradizioni.
Contrariamente a quanto siamo abituati ad immaginare, la regina della comunità Ghanese (detta Nana) è quasi sempre una persona normale con un comune stile di vita.

A volte è presente anche un re, che però non è il marito della regina e che comunque ricopre un ruolo di solito meno importante, come previsto dai modelli organizzativi matriarcali, tipici di molti popoli africani.

La regina dunque rappresenta ufficialmente il suo popolo, dirime le controversie all’interno della comunità ghanese e presiede a tutte le cerimonie ufficiali, vestendo i tipici abiti cerimoniali e grossi monili adornati con pietre e conchiglie.

Tornando con la memoria alle cronache di qualche anno fa, spicca la festa che si è svolta nel 2008 nel quartiere dell’Albergheria per il decimo anniversario dell’incoronazione della regina di Palermo Agnes Osei, di professione commerciante e proprietaria di un negozio di abiti tradizionali sito in via del Bosco. In questa occasione la regina, nota con il nome reale di Nana Akuamoah Boateng, fu portata in giro per le vie del quartiere su una portantina, tra i colori le danze ed i ritmi tipici del Ghana.
Alcuni palermitani curiosi parteciparono, travolti dalla musica e dalla folla variopinta, gustando cibi tradizionali africani e tutto il sapore di un’esperienza che sicuramente non capita tutti i giorni.

Immagini: Julie Hoyle
Redbubble

Fonti: Ghanaweb
Alli Traina – 101 Storie si Palermo che non ti hanno mai raccontato
Archivi Repubblica

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile e redattore di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Il carcere delle Benedettine (già Ritiro delle Zingare)

Quante volte i palermitani sono passati davanti a quel massiccio edifico fatiscente di fronte a San Giovanni degli Eremiti? Lo chiamavamo Carcere delle Benedettine...

La fontana del chiostro di santa Caterina

La fontana del chiostro di santa Caterina al Cassaro fu realizzata per volontà della madre priora, suor Rosalia Migliaccio, nel 1781, e collocata al...

Chiesa Cripta e Confraternita dei Cocchieri

Nei decenni successivi al "Concilio Tridentino", tra la seconda metà del XVI e l'inizio del XVII secolo la Sicilia vide il proliferare di numerose...

Insalata di pasta con pollo e pomodorini di pachino

Con il caldo estivo viene voglia di piatti freddi, semplici e genuini. Ottimo piatto per queste occasioni è un' insalata di pasta con pollo, pomodorini di pachino,...

L’Oratorio di Santa Cita

L'oratorio del SS. Rosario in Santa Cita, fondato dall'omonima confraternita, rappresenta uno fra i siti artistici più celebri di Palermo. “Uno dè più nobili...

Museo Diocesano di Palermo

Opere restaurate, un Novelli e un Borremans inediti, e altre scoperte al Museo Diocesano di Palermo Il piano nobile del palazzo Arcivescovile, sede del Museo...