La tomba degli Inquisitori nella Chiesa della Gancia

Nella chiesa della Gancia di Palermo, c'è una cappella intitolata alla Madonna di Guadalupe. Qui sono sepolti i preti spagnoli della Santa Inquisizione.

Autore:

Categoria:

Aiutaci a far crescere la pagina con un semplice clic sul pulsante...Grazie

22,443FansLike
1,079FollowersSegui
633FollowersSegui

Tutti noi conosciamo la Chiesa di Santa Maria degli Angeli, meglio nota come “La Gancia”, per la sua nota bellezza e per gli eventi storici che sono avvenuti qui nel 1860, con la sanguinosa rivolta che coinvolse le cosiddette Tredici Vittime.

Non tutti però conoscono un particolare dettaglio che si trova all’interno della chiesa, per la precisione nella Cappella della Madonna di Guadalupe. Qui infatti si trovano le sepolture di alcuni esponenti dell’Inquisizione Spagnola, con tanto di iscrizioni sulle lapidi e negli elementi decorativi in lingua iberica.

Ecco la storia di questo luogo.

La Cappella della Madonna di Guadalupe

serpotta gancia Guadalupe
Stucchi di Serpotta

Dopo la costruzione della chiesa della Gancia, nel 1508 la nazione spagnola ottenne la concessione della cappella principale situata alla destra dell’abside, allo scopo di farne un luogo di sepoltura per gli alti prelati inviati dalla Spagna come inquisitori e stabilitisi a Palermo.
Originariamente la cappella doveva avere un aspetto molto diverso da quello attuale. Nel 1522 il pittore napoletano Mario Di Laurito dipinse una grande icona posizionata all’interno della cappella, purtroppo andata perduta durante i rifacimenti del 1672, quando dei lavori di ampliamento delle sepolture poste sotto il presbiterio causarono un cedimento di parte dell’edificio, arrecando ingenti danni anche alla Cappella intitolata alla Nostra Signora di Guadalupe, forse in memoria di una risonante apparizione mariana avvenuta in Messico nel 1531 e del conseguente culto fortemente sentito in tutto l’impero spagnolo, oppure di un omonima Madonna situata nel Monastero medievale di Guadalupe, nella Spagna sud-occidentale.

Dopo i necessari lavori di ricostruzione, intorno al 1700, la cappella fu nuovamente decorata dai più illustri maestri del periodo. Antonino Musca realizzò i decori marmorei che adornano le pareti, il pittore Vincenzo Bongiovanni dipinse i due quadri laterali e quello posto di fronte alla cappella. Il maestro Giacomo Serpotta realizzò i decori in stucco che si trovano sopra l’altare, rappresentanti Dio e gli Angeli.

Sul pavimento, e nello spazio antistante la cappella, si trovano alcune lapidi con iscrizioni ed epitaffi in spagnolo. Qui sono sepolti alcuni dei nomi noti dell’Inquisizione spagnola, come Marco Antonio Cotoner, Giuseppe Luzan, Giovanni Girolamo Arango e persino il famoso (o famigerato) Giovanni Loper de Cisneros, l’unico inquisitore di Palermo rimasto ucciso “in servizio”, per mano di Fra Diego La Matina, che esasperato dalle continue minacce e torture decise bene di aggredirlo armato di spranga.

Tombe degli Inquisitori nella Chiesa della Gancia

Oltre alle tombe degli inquisitori, in un angolo seminascosto alla sinistra dell’altare, si trova anche una piccola lapide scura, posta sul luogo di sepoltura di Eleonora de Silvia e La Seta, insieme alla figlia Melchiora e i suoi tre mariti, tra cui il maestro di Campo Emanuele Gurilo y Toledo. A lei va attribuito il merito delle meravigliose opere d’arte che adornano la cappella, fu infatti lei a commissionare, a sue spese, l’abbellimento di questo spazio, perché potesse ospitare il luogo del suo riposo eterno.

Grazie donna Eleonora.

Di seguito la ricostruzione 3D della Cappella della Nostra Signora di Guadalupe, fatta in occasione del restauro commissionato nel 2018 dall’Opera Pia degli Stabilimenti Spagnoli in Italia, da cui sono tratte anche le fotografie dell’articolo.

Fonti: R. La Duca – Giornale di Sicilia 29 Gennaio 1982

Wikipedia.org – Madonna di Guadalupe

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile e redattore di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Pasta con le sarde

La pasta con le sarde è un classico della cucina palermitana, originale per l’accostamento dei suoi ingredienti così diversi e contrastanti, ma così bene...

La Biblioteca Comunale di Palermo “Leonardo Sciascia”

La Biblioteca Comunale di Palermo "Leonardo Sciascia", situata presso la chiesa di Casa Professa, nel quartiere Ballarò, rappresenta un vero e proprio polo culturale...

Listarelle di peperoni in agrodolce

I peperoni in agrodolce sono un contorno molto diffuso nella cucina siciliana, ottimi per accompagnare piatti a base di carne, di pesce o riso...

La mela cotogna e la cotognata

La mela cotogna è il frutto base per la preparazione della cotognata, quella merenda d'altri tempi che sicuramente chi ha qualche anno in più ricorderà benissimo! Un...

Tartufi alle noci

Protagonisti di questa antica ricetta siciliana sono le noci e il cioccolato. Ci sono numerose ricette che possiamo preparare con le noci, alimento ricco di proprietà nutritive e...

Giuseppe D’Alesi, il Masaniello siciliano

Tra le rivolte più memorabili avvenute a Palermo, non si può non raccontare quella di Giuseppe D’Alesi, un comune artigiano messosi a capo di...