Ma quantu mi siḍḍìa? Origine di un verbo caro ai siciliani

Autore:

Categoria:

Lo abbiamo detto e sentito dire migliaia di volte, perché quando una cosa siḍḍìa, siḍḍìa e basta.
Per chi non lo sapesse, il verbo siḍḍijari in italiano è traducibile come scocciare, essere infastiditi o spesso non avere voglia di fare qualcosa.

Ma da dove viene questo termine? Le sue origini sono curiose e meno scontate del previsto.

Le origini del verbo siḍḍijari

Sebbene oggi venga spesso italianizzato con la parola “seccare” (ad esempio: mi secca; non ti seccare), le origini del termine siciliano siḍḍijari non hanno nulla a che vedere con l’equivalente della forma italiana, sebbene alcuni significati siano in qualche modo sovrapponibili.

L’italiano “seccare” infatti è un termine gergale figurativo che allude ad una forma di inaridimento, così come la parola stessa suggerisce. Sebbene non si conoscano per certo le origini di questo significato del termine, il suo equivalente siciliano sarebbe siccàri e non siḍḍijari.
Da dove viene allora questo verbo?

Tafano – Depositphotos

Secondo molti esperti di lingua e filologia siciliana, il termine proverrebbe dal latino asilum, ovvero tafano. Questo insetto particolarmente sgradevole per uomini e bestiame ha la caratteristica di infliggere fastidiose punture e di non essere facile da scacciare. Una volta allontanato, infatti tende sempre a ritornare sulla sua “preda”.

Nel tardo latino il termine asilum si trova spesso scritto come asillum, dal quale origina anche il verbo italiano “assillare”.

Con il tempo e le evoluzioni linguistiche, il siciliano ha adottato il termine, trasformando la doppia L in una doppia Ḍ, ovvero la D dal suono retroflesso tipica della nostra lingua, ma anche di molte altre lingue d’influenza araba. La trasformazione della doppia L in doppia avviene anche in molti altri casi, come ad esempio nei termini beḍḍu (lat. bellus), nuḍḍu (lat. nullus), cavaḍḍu (lat.caballum).

Quindi anche asillum è stato trasformato in asiḍḍum e poi gradualmente nel verbo siḍḍijari che ha dato origine a tutti gli altri termini, inclusa la forma riflessiva siḍḍijarisi.

L’accezione originale del termine dunque si riferiva ad una situazione di fastidio, come appunto suggerisce il legame con il tafano. Tale significato è valido ancora oggi, come nel caso in cui a siḍḍijari sia una determinata azione, per esempio, tipicamente siḍḍia il dover fare la fila in banca o il dover fare troppa strada per raggiungere un posto; insomma implica il compimento di un’azione in qualche modo sgradevole.

Il verbo però si è ulteriormente evoluto nel siciliano moderno, fino ad indicare una seconda accezione, quella in cui semplicemente non si ha voglia di fare qualcosa, quindi non più legato ad una situazione di fastidio, come invece prevedeva il vocabolo in origine.

Potrei dilungarmi ulteriormente sull’argomento, ma detto sinceramente mi siḍḍiò.
Alla prossima.

Leggi anche: Da dove viene il termine Locco?

Foto: Depositphotos

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile e redattore di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

La Fontana del Genio di Palermo a Villa Giulia

La Fontana del Genio di Palermo, che si trova nella magnifica Villa Giulia, è una scultura marmorea, realizzata dal maestro Ignazio Marabitti. Tra il 1775...

Via Lincoln

La via Lincoln va dal Foro Umberto I alla piazza Giulio Cesare. Prima del 1600, nel luogo in cui oggi si trova la strada non...

La Notte dei Pugnalatori di Palermo

La Notte dei Pugnalatori è un fatto di cronaca che ha fatto scalpore nel giovanissimo Regno d'Italia. Ecco i fatti e le dicerie dell'epoca. Il...

Vicolo Zappa Sarcano

Il vicolo Zappa Sarcano è una traversa della via Altarello e continuazione di via Micciulla. Sarcano è probabilmente la storpiatura del cognome Saccano (o Saccone),...

Frutta e verdura secondo la stagione

Oggi possiamo acquistare ogni tipo di frutta e verdura in quasi tutti i mesi dell’anno, troviamo fragole, pomodori, melanzane, zucchine e peperoni a Natale...

Macco di fave

Il macco di fave è una ricetta tipica siciliana e si prepara tradizionalmente per la festa di San Giuseppe, un piatto povero della cucina contadina. Il"macco” dal latino “maccare”, ridurre...