Padre Messina il benefattore palermitano

Autore:

Categoria:

Aiutaci a far crescere la pagina con un semplice clic sul pulsante...Grazie

22,438FansLike
1,077FollowersSegui
633FollowersSegui

Padre Giovanni Messina ricordato dai palermitani come “il pazzo di Dio” fu un sacerdote e benefattore palermitano. Nato a Palermo nel quartiere della Kalsa nel 1871 e morto nel 1949.

Padre Messina proveniva da una famiglia numerosissima (aveva ben 16 fratelli). Si ordinò sacerdote nel 1896 e per i primi tempi rimase nella chiesa di S. Matteo, in corso Vittorio Emanuele, ma ben presto scelse di dedicarsi ai rioni poveri ed umili della Kalsa e di S. Erasmo, che lui affettuosamente chiamava “L’Africa di Palermo”.
Era un uomo dall’indole semplice, estroso e volitivo, ma talvolta anche impulsivo e indelicato, non certo sottomesso alle alte cariche ecclesiastiche che spesso non mostravano benevolenza nei suoi riguardi.

padre-messinaIl suo obiettivo fondamentale fu sempre quello di aiutare i poveri vivendo in mezzo a loro. Così, con il solo aiuto delle elemosine e della Provvidenza (come spesso amava sottolineare), costituì la “Casa Lavoro e Preghiera” per l’infanzia abbandonata, a S. Erasmo e ristrutturò la casina estiva dei principi di Cutò.
Per assistere al meglio i tanti bambini che venivano accolti, istituì un ordine di suore, le cosiddette Operaie Francescane o Orsoline del Sacro Cuore. Alla sua morte lasciò un gran numero di scritti e lettere, non dei capolavori dal punto di vista stilistico, ma dal contenuto certamente efficace.

Nel 1982 il cardinale Pappalardo investì il Tribunale Ecclesiastico del compito di istituire il processo canonico riguardante la sua vita e le sue opere, virtù e miracoli. Un busto alla villa Giulia lo ricorda, insieme alla parole da lui pronunciate: “Se non fosse per i miei bambini, che noia la vita!”.

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Il Santuario di Santa Rosalia

Da quando il 15 luglio del 1624 sono state trovate le ossa che si suppone possano essere della Santuzza, il santuario di Santa Rosalia...

Torrone siciliano a “minnulata”

Tra i prodotti dolciari tipici della Sicilia dobbiamo inserire il Torrone Siciliano comunemente chiamato anche "mandorlata" o come si dice in siciliano "minnulata", un...

Villa Niscemi ai Colli

L’area dove sorge Villa Niscemi è quella zona nella periferia nord di Palermo denominata piana dei Colli: una vasta area pianeggiante che si allunga...

Il Faro del Molo Nuovo di Palermo

Abbiamo già parlato del costosissimo Molo Nuovo costruito a Palermo verso il 1590, adesso non resta che completare il racconto con la storia del...

Secondi piatti in Sicilia

sformato di melanzane, tonno con cipolla in agrodolce, polpette di sarde, involtini di pesce spada, sarde a beccafico, calamari ripieni, baccalà fritto, capretto in...

Il mistero della Madonna della Provvidenza ai Teatini

A Palermo, sotto la chiesa di San Giuseppe dei Teatini, si trova una grande chiesa ipogea intitolata alla Madonna della Provvidenza. Qui c'è un...