Padre Messina il benefattore palermitano

Autore:

Categoria:

Padre Giovanni Messina ricordato dai palermitani come “il pazzo di Dio” fu un sacerdote e benefattore palermitano, nato nel 1871 e morto nel 1949.
Padre Messina proveniva da una famiglia numerosissima (aveva ben 16 fratelli). Si ordinò sacerdote nel 1896 e per i primi tempi rimase nella chiesa di S. Matteo, in corso Vittorio Emanuele, ma ben presto scelse di dedicarsi ai rioni poveri ed umili della Kalsa e di S. Erasmo, che lui affettuosamente chiamava “L’Africa di Palermo”.
Era un uomo dall’indole semplice, estroso e volitivo, ma talvolta anche impulsivo e indelicato, non certo sottomesso alle alte cariche ecclesiastiche che spesso non mostravano benevolenza nei suoi riguardi.
padre-messinaIl suo obiettivo fondamentale fu sempre quello di aiutare i poveri vivendo in mezzo a loro. Così, con il solo aiuto delle elemosine e della Provvidenza (come spesso amava sottolineare), costituì la “Casa Lavoro e Preghiera” per l’infanzia abbandonata, a S. Erasmo e ristrutturò la casina estiva dei principi di Cutò.
Per assistere al meglio i tanti bambini che venivano accolti, istituì un ordine di suore, le cosiddette Operaie Francescane o Orsoline del Sacro Cuore. Alla sua morte lasciò un gran numero di scritti e lettere, non dei capolavori dal punto di vista stilistico, ma dal contenuto certamente efficace.

Nel 1982 il cardinale Pappalardo investì il Tribunale Ecclesiastico del compito di istituire il processo canonico riguardante la sua vita e le sue opere, virtù e miracoli. Un busto alla villa Giulia lo ricorda, insieme alla parole da lui pronunciate: “Se non fosse per i miei bambini, che noia la vita!”.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

12,825FansLike
478FollowersSegui
567FollowersSegui
Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

L’Ammiraglio Gravina, il palermitano che affascinò Napoleone

Tra i personaggi illustri della nostra città, merita senza dubbio una menzione Federico Carlo Gravina, principe di Montevago, palermitano di nobili origini che fece...

Borghi dei Tesori. Nasce il network di 42 piccoli comuni siciliani sotto l’egida delle Vie dei Tesori

PALERMO. Dai siti archeologici alle fortezze saracene, dalle miniere abbandonate alle concerie fantasma, dai castelli aggrappati al cielo agli acquedotti seminterrati, dagli ipogei ai...

Ma quanto è buono il pane a Palermo!?

Il pane è buono dappertutto, e in ogni luogo ha la sua forma, il suo sapore, la sua tradizione. Come non ricordare il famoso...

Un anno di Covid

Esattamente un anno fa, il 25 febbraio 2020, abbiamo avuto in Sicilia il primo caso di coronavirus, una turista bergamasca in visita a...

Le Catacombe dei Cappuccini

Chi visita il cimitero sotterraneo dei Cappuccini si appresta a compiere un viaggio a ritroso nel tempo e nello spazio, certo, ma soprattutto in...

Pasta al ragù siciliano

Quando ero bambina uno degli odori che mi svegliava nelle fredde domeniche d’inverno era quello del “ragù siciliano”. Mamma si alzava alle sei del mattino...