Pasta alla cipolla con salsa di pomodoro vellutata

Autore:

Categoria:

Questa ricetta di un primo piatto ottimo da gustare e per giunta salutare, non appartiene alla tradizione culinaria siciliana, se non per la pasta. Tuttavia l’abbiamo inserita perché frutto della fantasia di un nostro amico “cuoco per passione” che si diletta a reinventare o modificare piatti celebri. L’ingrediente “particolare” di questa ricetta è il kuzu, un alimento molto conosciuto dai salutisti e da chi segue una dieta vegana.
(Che cosa è il kuzu? E’ semplicemente un amido facilmente digeribile, estratto dalle radice di una pianta rampicante → Kuzu
Ingredienti per 4  persone.
400 g di pasta Bavette
600 cl di pomodoro
100 g di grana a scaglie
2 cipolle di tropea
Un bicchiere di vino bianco secco (o Vermouth)
1 bustina di zafferano in pistilli.
4 g di kuzu
Un patata piccola
Olio – sale – pepe.

Procedimento

Tritate mezza cipolla e fatela appassire in casseruola in un velo d’olio, unite la salsa e la patata e lasciate cuocere per una 20 di minuti.  Unite alla salsa il kuzu, sciolto in mezzo bicchiere di acqua fredda. Portate a ebollizione, spegnete e frullate il composto che diventerà spumoso e vellutato.
Portate a ebollizione l’acqua salata e lessate la pasta.
Tritate tutta la cipolla rimasta rosolatela in una casseruola, aggiungete il vino, fatelo evaporare, lo zafferano sciolto in un bicchiere di acqua calda e aggiungete la pasta, un poco alla volta, al composto e mescolate continuamente e portatela a cottura.

Presentazione

Accomodate nel fondo del piatto la vellutata di pomodoro e al centro del piatto posizionate una torre di bavette e cospargete con scaglie di grana.

Buon Appetito!

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Voci di strada: mestieri antichi a Palermo

Le voci di Strada appartengono classicamente ai venditori ambulanti. Ambulanti perché camminano, perché portano con sé la propria merce e la propongono ai propri...

Petru Fudduni: l’uomo, il poeta e il suo mito

Ho sentito parlare di Petru Fudduni da ragazzo per le storie che i grandi mi raccontavano: erano brevi aneddoti che lo descrivevano come un...

Si dice del mese d’Aprile

Aprili, lu duci durmiri Aprili nè livari, nè mettiri: un vecchio proverbio siciliano constata come in questo mese sia dolce il dormire e consiglia agli...

La festa della donna

Ma è proprio necessaria una giornata dedicata alla donna? Dispiace che debba esistere una giornata celebrativa della donna dal momento che denuncia ancora una volta di...

Tommaso di Canterbury, il santo inglese venerato anche a Palermo

Tra le tante curiosità che riguardano Palermo e la sua storia, ce ne sono alcune apparentemente inspiegabili, come ad esempio il culto di san...

Via Ruggero Settimo

La via Ruggero Settimo è definita il “salotto di Palermo”, per la presenza di negozi importanti nella zona e per essere, ormai da moltissimi...