Porta Sant’Agata

Autore:

Categoria:

porta-santagata-3Alcuni autori hanno scritto che il nome della Porta Sant’Agata, che sorge nell’omonima piazzetta fra la via Cesare Battisti e il corso Tukory, risale all’anno 253, quando proprio da questa porta sarebbe uscita Sant’Agata per andare a Catania a subire il martirio, ma siccome a quei tempi la città non si sviluppava fino a tale luogo e quindi non c’era alcun motivo perché ci fosse proprio lì una porta, questa ipotesi pare non avere alcun fondamento. Più fondata, invece, la tesi che la Porta abbia preso il nome dall’antica Chiesa che si trova molto vicino alla Porta, in Via del Vespro, la Chiesa di Sant’Agata la Pedata così chiamata perché la dentro vi è ancora conservato un sasso con l’impronta di ciò che sembra proprio un piede di donna e che secondo la tradizione popolare sarebbe l’impronta della Santa che proprio lì si sarebbe fermata.

La pedataNon si hanno notizie certe dell’edificazione né della Porta né tanto meno della Chiesa che, passata dal governo di più ordini monastici (Mercedari scalzi e poi Agostiniani) è stata fatta e rifatta secondo criteri di ammodernamento che le hanno fatto perdere completamente il carattere semplice e antico di Chiesa di campagna.
L’unica testimonianza suggestiva permane nella famosa “Pedata” rimasta sulla pietra ormai seminascosta da un piccolo altarino secondario sul lato sinistro dell’altare maggiore.
La più remota notizia della Porta risale ad un atto di vendita del 4 febbraio del 1275, riguardante una casa sita nel quartiere dell’Albergheria, nella strada “attraverso la quale si va a Porta Sant’Agata“, ma sicuramente il suo impianto risale all’epoca normanna.
L’architettura della Porta è molto antica e sembra non avere subito rifacimenti posteriori.
porta sant'AgataSi tratta di una Porta in tufo, con fornice a doppio arco ogivale all’esterno e a sesto ribassato all’interno  e rappresenterebbe una delle espressioni più antiche della cinta muraria medievale.
Oggi si presenta ancora in buone condizioni, nonostante le incrostazioni di antiche tubazioni in argilla. Dopotutto, ancora oggi, lungo il perimetro esterno delle antiche mura si vedono tutta una serie di abitazioni costruite proprio addossate alla costruzione.
Nella parte superiore di Porta Sant’Agata era affrescata la Madonna del Carmelo, opera oggi non più visibile e nelle due lunette ai due lati dell’arco principale, s’intravedono le tracce di due puttini anch’essi non più distinguibili.
Resta un po’ di rammarico per l’incuria Istituzionale che quasi in nessun modo valorizza questo ed altri monumenti simili attraverso i quali i passanti ed i turisti vi passano distrattamente senza alcun interesse.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

10,948FansLike
478FollowersSegui
552FollowersSegui
Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Chiesa della Gancia (Santa Maria degli Angeli)

La Chiesa della Gancia di Palermo è un punto d'interesse molto importante nella storia della città. La storia Edificata per volere dei Frati Osservanti Riformati di...

Torna a Palermo “Le vie dei tesori”. Tutti i luoghi aperti alle visite

Le Vie dei Tesori è tra i più grandi Festival italiani dedicati alla valorizzazione del patrimonio culturale, monumentale e artistico delle città di Palermo ma anche della Sicilia.

Chi erano le Tredici Vittime di Palermo?

A Palermo esiste un noto slargo posto alla fine dell’odierna via Cavour che porta il nome di Piazza XIII Vittime. Qui c’è un obelisco...

Le Catacombe dei Cappuccini

Chi visita il cimitero sotterraneo dei Cappuccini si appresta a compiere un viaggio a ritroso nel tempo e nello spazio, certo, ma soprattutto in...

I tetti della Cattedrale di Palermo

Da una porta, all'interno della Cattedrale di Palermo, si accede ad una scala  un po' scialba, come di una vecchia casa, che ti immette...

Monte Pellegrino

Ho voluto iniziare la descrizione del monte Pellegrino con queste belle parole tratte dal libro "Viaggio in Sicilia" di Bernard Berenson del 1957, perché...