Ricci del Gattopardo

Autore:

Categoria:

I Ricci del Gattopardo, sono degli squisiti biscottini di mandorle, resi famosi dal romanzo ”Il Gattopardo” e originari di Palma di Montechiaro (la Donnafugata), un paese della provincia di Agrigento in Sicilia, dove ancora oggi, oltre che a trovarli in tutte la pasticcerie in tempo pasquale, vengono preparati dalle suore Benedettine del monastero di clausura del SS. Rosario con la stessa antica ricetta che le suore utilizzavano al tempo del Principe di Salina.

”Il monastero di Santo Spirito era soggetto ad una rigida regola di clausura e l’ingresso ne era severamente vietato agli uomini. Appunto per questo il Principe era particolarmente lieto di visitarlo, perché  per lui, discendente diretto della fondatrice, la esclusione non vigeva, e di questo suo privilegio, che divideva soltanto con il Re di Napoli, era geloso e infantilmente fiero.(…) gli piacevano i mandorlati che le monache confezionavano su ricette centenarie.

( “Il Gattopardo” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa)





INGREDIENTI

400 g mandorle sgusciate
400 g zucchero semolato
4 albumi d’uovo
la buccia grattugiata di mezzo limone
5 g cannella in polvere
1 cucchiaio di farina
10 g burro

PREPARAZIONE

Tritate le mandorle unitamente a una parte dello zucchero, in modo da assorbire pian piano l’olio delle mandorle. Unite lo zucchero rimanente, la buccia di limone e la cannella, mescolando bene il tutto. In una ciotola montate a neve i bianchi d’uovo e uniteli alle mandorle tritate e lavorate delicatamente fino a che l’impasto risulti soffice.
Imburrate e infarinate due teglie da forno, mettete l’impasto in una siringa da pasticciere con il beccuccio largo e dentellato e  spremete sulle teglie delle strisce dritte o a forma di “S”, lunghe circa 7 centimetri. Infornate a 180° per circa 15 minuti fino a quando i biscotti avranno raggiunto una leggera doratura.

Foto da Facebook

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Le bellezze della “Terra nostra” riprese da un drone (video)

Il Team SiculDrone è pronto ad emozionarvi con un nuovo video realizzato, tra luoghi turistici ed angoli rurali,  per la promozione della nostra meravigliosa...

Pasta c’anciova e muddica

La pasta c'anciova si può dire che è l'alternativa alla più famosa pasta con le sarde. Tutte le volte che sento parlare di questo piatto,...

La Chiesa scomparsa: “La Madonna di Piedigrotta alla Cala”

Ubicata sulla sponda sinistra della Cala, più o meno dove oggi è l'edificio del mercato ittico, si ergeva fino al 22 marzo del 1943,...

Il fiume Papireto fratello del Nilo

Uno dei principali fiumi di Palermo, il Papireto, ha svolto un ruolo molto importante nella storia antica della nostra città. Come sappiamo, fino al...

Il giardino della Cuncuma a Palermo

Forse oggi è una rarità poter ascoltare la parola Cuncuma in un discorso comune tra le nuove generazioni, giocoforza la lentissima ma inesorabile scomparsa...

Libertà sessuale nella Palermo del 700: quando i mariti non erano gelosi

Parlare di libertà sessuale del popolo siciliano, da tutti riconosciuto come uno dei più gelosi, sembra davvero strano. Tuttavia sono così tanti i cronisti...