Santa Rosalia dei naviganti

Autore:

Categoria:

Statua Santa RosaliaFino ai primi del ‘900, su Monte Pellegrino esisteva una grande statua di Santa Rosalia, circondata da un porticato e situata su un costone di roccia rivolto a nord, verso il mare. Questa statua, facilmente visibile dal mare, era un punto di riferimento per tutti i navigatori e i viaggiatori che, imbarcandosi, pregavano affinché la Santuzza li assistesse nel loro viaggio.
L’origine di tale monumento risale al 1664, quando un devoto, tale Carlo d’Orlando, fece costruire tutto il complesso, composto da un loggiato con 12 archi e 16 colonne con al centro la grande statua, alta più di 6 metri.
Il grande complesso, situato in una zona molto esposta alle intemperie, venne più volte danneggiato nel corso dei secoli. Il primo grosso danno alla statua risale alla metà del XIX secolo, quando un fulmine la colpì in pieno, riducendola in mille pezzi e costringendo il Senato palermitano a rivolgersi ad uno scultore (Rosolino Barbera, allievo del maestro Valerio Villareale) affinché provvedesse alla realizzazione di un nuovo monumento, analogo al primo.
Tuttavia anche questo durò poco, poiché alla fine dell’800 un altro fulmine colpì la statua, facendole saltare la testa. Prontamente restaurata, forse con una nuova testa, la povera Santuzza fu decapitata nuovamente da un terzo fulmine che la colpì nei primi anni del ‘900.
Questo monumento senza pace sopravvisse sino agli anni sessanta quando, ormai rimaneggiato e sfigurato in più punti, fu demolito durante i lavori di allargamento della spianata. Al suo posto, a distanza di qualche metro, fu collocata una nuova statua, opera bronzea dello scultore Benedetto De Lisi, che ancora oggi veglia sul mare di Palermo.

Foto: Panoramio
Foto: Panoramio

A memoria di quell’antico simulacro una delle teste, forse quella dell’opera originale, fu incastonata nel muro che circonda il piazzale, proprio nel lato che guarda il mare, permettendo ai navigatori, e ai romantici, di omaggiarla ancora una volta.

 

Samuele Schirò

Santa Rosalia Monte PellegrinoBibliografia:

R. La Duca – La città passeggiata

V. Auria – Vita di Santa Rosalia Vergine

A. Mongitore – Scritti vari

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

12,102FansLike
478FollowersSegui
567FollowersSegui
Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile, redattore e fotografo di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Emergenza freddo! Attivo nuovo numero telefonico per aiutare i senzatetto della città

Emergenza freddo! Per i cittadini che volessero segnalare la presenza di persone senza dimora che necessitano di assistenza, è sempre attivo h24 il numero della...

Caponata di carciofi

I carciofi sono ortaggi molto apprezzati e usati nella cucina siciliana. La Caponata di carciofi è una variante invernale della conosciutissima Caponata di melanzane...

La Chimica Arenella, storia di un’eccellenza perduta

Il nome di Chimica Arenella forse non dirà niente ai più giovani, mentre qualcuno forse ne ricorderà le vicende passate, purtroppo molto spesso costituite...

La chiesa nascosta sotto la Cappella Palatina

Dentro il Palazzo dei Normanni, fiore all’occhiello di Palermo, si trova la semi sconosciuta Chiesa di Santa Maria delle Grazie, spesso impropriamente scambiata per...

Cassata siciliana al forno

La cassata siciliana al forno è un dolce buonissimo di pasta frolla che racchiude un ripieno cremoso di ricotta di pecora e gocce di cioccolato fondente, una variante della...

Da dove viene il termine Locco?

Dopo aver analizzato le origini del termine Babbasone, andiamo a ricercare le origini di un altro aggettivo molto popolare a Palermo. Locco è un...