Zuppa di lenticchie

Un classico della cucina siciliana, ottima sostituta di una bistecca e amata da grandi e piccini

Autore:

Categoria:

Aiutaci a far crescere la pagina con un semplice clic sul pulsante...Grazie

21,849FansLike
1,032FollowersSegui
633FollowersSegui

La potete gustare al naturale con dei crostini di pane abbrustolito o passarla nel passaverdure per ottenere una delicata vellutata o aggiungendo della pasta che può variare di formato o spaghetti tagliuzzati, o ditalini o conchigliette, insomma quello che più preferite. Una ricetta semplice genuina e che fa tanto bene perché ricca di ferro, vitamine e sali minerali.
La Sicilia è un’ottima produttrice di lenticchie ottime le lenticchie di Ustica piccole, tenere, saporite e dal colore marrone scuro e di Villalba di dimensioni piuttosto grandi

  • 400 g di lenticchie piccole
  • 2 carote
  • 1 cipolla piccola
  • 2 pomodori maturi o 2 cucchiai di pelati in scatola
  •  olio extravergine di oliva

Lavare bene le lenticchie e lasciarle per circa 2 ore a bagno in acqua fredda, trascorso il tempo di ammollo, scolatele con un colino. A questo punto avete due possibilità, o mettete insieme lenticchie, cipolla tritata, carote grattugiate e pomodoro in una pentola e coprite d’acqua, per una zuppa più dietetica, oppure prima soffriggete la cipolla con le carote, aggiungete il pomodoro e in seguito le lenticchie e coprite sempre d’acqua necessaria alla cottura. Come diciamo in Sicilia, ciò che è soffritto è sempre più buono, ma vi assicuro che la zuppa di lenticchie è sempre buona anche se non soffriggiamo prima le verdurine. Aggiustate di sale e pepe e cuocete a fiamma dolce per circa 50 minuti. Ricordate di mescolare spesso perché i legumi tendono ad attaccarsi sul fondo della pentola.
Appena cotte condite con olio extra vergine d’oliva e servite come più preferite. Se desiderate mangiare la pasta con le lenticchie, aggiungete del’acqua e quando raggiungerà il bollore, aggiungete la pasta che più vi piace, mescolate spesso vi raccomando!

 

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

La “Chiesazza” normanna di Altavilla e il ponte Saraceno

Viaggiando lungo l’autostrada Palermo-Catania, all’altezza di Altavilla Milicia, è possibile imbattersi nel vecchio rudere della Chiesa di Santa Maria di Campogrosso, anche nota come...

Palazzo Plaja di Vatticani

Palazzo Plaja Vatticani si trova nel centro storico della città, immersa nel tessuto urbano, in uno dei quartieri più antichi di Palermo, in una...

Itinerario Arabo Normanno di Palermo: i 13 nuovi siti aggiunti

Oltre ai 9 siti attualmente riconosciuti dall’UNESCO come patrimonio mondiale dell’umanità, l’itinerario Arabo-Normanno di Palermo e provincia include anche 13 siti che non sono...

Rotolo con ricotta e gocce di cioccolato

Rotolo con ricotta e gocce di cioccolato

San Pietro la Bagnara, la chiesa normanna demolita

La chiesa di San Pietro la Bagnara era un pregevole monumento di epoca normanna situato a Palermo nei pressi della Cala. Come altri edifici...

Quando a Palermo si facevano i mattoni

Oggi è un ecomostro nella borgata di Acqua dei Corsari, ma un tempo, quando a Palermo si facevano i mattoni, era una delle più...