Zuppa di lenticchie

Un classico della cucina siciliana, ottima sostituta di una bistecca e amata da grandi e piccini

Autore:

Categoria:

La potete gustare al naturale con dei crostini di pane abbrustolito o passarla nel passaverdure per ottenere una delicata vellutata o aggiungendo della pasta che può variare di formato o spaghetti tagliuzzati, o ditalini o conchigliette, insomma quello che più preferite. Una ricetta semplice genuina e che fa tanto bene perché ricca di ferro, vitamine e sali minerali.
La Sicilia è un’ottima produttrice di lenticchie ottime le lenticchie di Ustica piccole, tenere, saporite e dal colore marrone scuro e di Villalba di dimensioni piuttosto grandi

  • 400 g di lenticchie piccole
  • 2 carote
  • 1 cipolla piccola
  • 2 pomodori maturi o 2 cucchiai di pelati in scatola
  •  olio extravergine di oliva

Lavare bene le lenticchie e lasciarle per circa 2 ore a bagno in acqua fredda, trascorso il tempo di ammollo, scolatele con un colino. A questo punto avete due possibilità, o mettete insieme lenticchie, cipolla tritata, carote grattugiate e pomodoro in una pentola e coprite d’acqua, per una zuppa più dietetica, oppure prima soffriggete la cipolla con le carote, aggiungete il pomodoro e in seguito le lenticchie e coprite sempre d’acqua necessaria alla cottura. Come diciamo in Sicilia, ciò che è soffritto è sempre più buono, ma vi assicuro che la zuppa di lenticchie è sempre buona anche se non soffriggiamo prima le verdurine. Aggiustate di sale e pepe e cuocete a fiamma dolce per circa 50 minuti. Ricordate di mescolare spesso perché i legumi tendono ad attaccarsi sul fondo della pentola.
Appena cotte condite con olio extra vergine d’oliva e servite come più preferite. Se desiderate mangiare la pasta con le lenticchie, aggiungete del’acqua e quando raggiungerà il bollore, aggiungete la pasta che più vi piace, mescolate spesso vi raccomando!

 

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Palermo e l’uso della neve

Nella Palermo del ‘600 già non mancavano le estati afose che ancora oggi tormentano la nostra città. A quei tempi, però, non esistevano i...

Chi ha memoria del Conte Cappello?

Nella poliedricità di una città come Palermo, di certo non mancano i personaggi, anche storici, che si sono distinti per la loro particolarità, le...

Pasta con tonno e mollica atturrata

La pasta con tonno e mollica tostata è un primo piatto buonissimo, facile ed economico. Un classico primo piatto da fare velocemente, quando arrivate...

Agatone e Sergio: i due papi di Palermo

Abbiamo già parlato delle statue che circondano il piano della Cattedrale, ma non abbiamo specificato che due di esse rappresentano due papi di Palermo:...

Alici marinate

Le alici conosciute anche col nome di acciughe, sono pesci azzurri ricchi di Omega-3, di minerali, proteine, quindi ottimi per la nostra salute. Possiamo mangiarle...

La marmellata di arance con zucchero di canna

La marmellata di arance è una ricetta tanto facile, quanto buona. Ottima se gustata a colazione su di una fetta di pane, eccellente per farcire...