Zuppa di lenticchie

Un classico della cucina siciliana, ottima sostituta di una bistecca e amata da grandi e piccini

Autore:

Categoria:

15,943FansLike
478FollowersSegui
580FollowersSegui

La potete gustare al naturale con dei crostini di pane abbrustolito o passarla nel passaverdure per ottenere una delicata vellutata o aggiungendo della pasta che può variare di formato o spaghetti tagliuzzati, o ditalini o conchigliette, insomma quello che più preferite. Una ricetta semplice genuina e che fa tanto bene perché ricca di ferro, vitamine e sali minerali.
La Sicilia è un’ottima produttrice di lenticchie ottime le lenticchie di Ustica piccole, tenere, saporite e dal colore marrone scuro e di Villalba di dimensioni piuttosto grandi

  • 400 g di lenticchie piccole
  • 2 carote
  • 1 cipolla piccola
  • 2 pomodori maturi o 2 cucchiai di pelati in scatola
  •  olio extravergine di oliva

Lavare bene le lenticchie e lasciarle per circa 2 ore a bagno in acqua fredda, trascorso il tempo di ammollo, scolatele con un colino. A questo punto avete due possibilità, o mettete insieme lenticchie, cipolla tritata, carote grattugiate e pomodoro in una pentola e coprite d’acqua, per una zuppa più dietetica, oppure prima soffriggete la cipolla con le carote, aggiungete il pomodoro e in seguito le lenticchie e coprite sempre d’acqua necessaria alla cottura. Come diciamo in Sicilia, ciò che è soffritto è sempre più buono, ma vi assicuro che la zuppa di lenticchie è sempre buona anche se non soffriggiamo prima le verdurine. Aggiustate di sale e pepe e cuocete a fiamma dolce per circa 50 minuti. Ricordate di mescolare spesso perché i legumi tendono ad attaccarsi sul fondo della pentola.
Appena cotte condite con olio extra vergine d’oliva e servite come più preferite. Se desiderate mangiare la pasta con le lenticchie, aggiungete del’acqua e quando raggiungerà il bollore, aggiungete la pasta che più vi piace, mescolate spesso vi raccomando!

 

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Villa Branciforti di Butera a Bagheria

STORIA                   Don Giuseppe Branciforti, principe di Pietraperzia e conte di Raccuja, deputato del regno, già pretore di Palermo ed esponente di uno dei maggiori casati...

Come partecipare al X Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi”

Ancora due mesi per partecipare al X Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi” Ci sono ancora due mesi di tempo per aderire alla decima...

Pasta con crema di zucchine e gamberetti

La pasta con crema di zucchine e gamberetti è un delizioso e delicato piatto che non fa parte strettamente della cucina tipica siciliana, ma...

Il giardino della Cuncuma a Palermo

Forse oggi è una rarità poter ascoltare la parola Cuncuma in un discorso comune tra le nuove generazioni, giocoforza la lentissima ma inesorabile scomparsa...

Carusi, addevi e picciriddi: i bambini in Sicilia

Sono molti i modi in cui chiamiamo i bambini in Sicilia. Dipende dalle diverse province dell’isola dove il termine bambino cambia, pur mantenendo lo...

La Sala delle Donne di Palermo

A Palermo in passato non erano molti i luoghi pubblici dedicati solo alle donne. Eppure pochi sanno che ve ne era uno in particolare...