Pasta a taianu

Autore:

Categoria:

15,943FansLike
478FollowersSegui
580FollowersSegui
pastaLa Pasta a “taianu” o in tegame, è un piatto tipico di Cefalù, cittadina in provincia di Palermo ma che in realtà, come tante pietanze siciliane, risale agli arabi.
Il termine ‘taianu’, infatti, in arabo “taio”, non è che un recipiente di terracotta, usato per la cottura della pasta.
Questo semplice piatto, viene tradizionalmente preparato oggi, nel periodo tra la festa del Santo Patrono Santissimo Salvatore, dal 4 al 6 di Agosto e il Ferragosto.

Ingredienti:
500 g penne lisce o “ziti”
1 litro passata di pomodoro
400 g di carne bovina
2 melenzane viola tonde
100 g pecorino grattugiato
olio extravergine d’oliva
1/2 bicchiere di vino bianco
basilico fresco
sale q.b.

Preparazione:

Mettete un po’ d’olio extra vergine d’oliva in un tegame a sponde alte, fate riscaldare e ponete la carne intera. Fatela rosolare da tutti i lati, versate il vino e fate sfumare.
Versate la passata di pomodoro, salate, pepate e aggiungete un po’ d’acqua e insieme delle foglioline di basilico precedentemente lavate. Lasciate cuocere a fiamma bassa per almeno un’ora: la carne deve essere ben cotta e il sugo ben ristretto.
Nel frattempo sbucciate e tagliate a fette le melanzane, fatele friggetele da entrambi i lati nell’olio d’oliva.
Prendete la carne dal sugo e sfilacciatela grossolanamente. Sfilacciate a mano anche le melanzane. Cuocete la pasta  al dente e quando l’avrete scolata, prendete un grosso tegame alto, mettete sul fondo un po’ di sugo e un po’ d’olio e cominciate a fare degli strati, intervallando pasta, sugo, carne, melanzane, formaggio.
Coprite e lasciate cuocere così per qualche minuto, mescolare sempre sul fuoco acceso, affinché non sarà ben amalgamato.
Mettete nei piatti e guarnite col basilico rimanente.

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Il giardino della Cuncuma a Palermo

Forse oggi è una rarità poter ascoltare la parola Cuncuma in un discorso comune tra le nuove generazioni, giocoforza la lentissima ma inesorabile scomparsa...

[Palermo] ACQUA. Lavori Amap ed Enel. Disservizi in città e nella zona nord-ovest della provincia

A causa di alcuni lavori concomitanti di Amap ed Enel sull'adduttore Jato e alla condotta proveniente dall'invaso di Piana degli Albanesi, nella gioranta di...

Carusi, addevi e picciriddi: i bambini in Sicilia

Sono molti i modi in cui chiamiamo i bambini in Sicilia. Dipende dalle diverse province dell’isola dove il termine bambino cambia, pur mantenendo lo...

La Sala delle Donne

A Palermo in passato non erano molti i luoghi pubblici dedicati solo alle donne. Eppure pochi sanno che ve ne era uno in particolare...

Jack Churchill: L’ufficiale che sbarcò in Sicilia con arco e spada

Che qualcuno sia sbarcato in Sicilia armato di spada, arco lungo e frecce, non è certo una novità nella storia millenaria della nostra isola....

Le Sorgenti del Gabriele

Ad est dell’aeroporto di Boccadifalco, ai piedi della “conigliera”così conosciuta dai palermitani, sotto la via Umberto Maddalena,  sorgono le Sorgenti del Gabriele dall’arabo Garbel...