Pasta con pesto di pistacchio di Bronte speck e noci

Autore:

Categoria:

15,943FansLike
478FollowersSegui
580FollowersSegui

??????????????Il pistacchio (dal greco Pistàkion) è una pianta Mediterranea, coltivata per i semi.
In siciliano viene anche chiamato “frastuca e frastucara” che stanno ad indicare rispettivamente il frutto e la pianta.
Termini derivanti dall’arabo “fristach” e “frastuch”.
Il termine “frastucata” indica anche un dolce di Bronte a base di pistacchio, mentre il termine  “frastuchino” il colore verde pistacchio.
Una varietà di pistacchi, molto rinomata per gusto e profumo cresce sui terreni accidentati di Bronte (provincia di Catania) e in nessun altra parte d’Europa.
Il pistacchio è un ingrediente fondamentale di molte preparazioni tipiche siciliane,  ed è con un pesto di pistacchio, magari appunto di Bronte, che oggi vi consiglio di preparare delle caserecce o delle trofie o delle classiche pennette, e vedrete come conquisterete i migliori palati della vostra tavola!

Ingredienti x 4 persone

400 gr. pasta a scelta
150 gr. speck
un vasetto di pesto di pistacchio circa 200 gr
pistacchio in granelli (di Bronte)
olio extravergine d’oliva
1 confezione di panna da cucina
10 noci circa
pepe nero macinato

Procedura:

Fate bollire dell’acqua, salatela e appena raggiunta la bollitura versate la pasta. Nel frattempo prendete una padella antiaderente versate un po’ d’olio e aggiungete lo speck tagliato a striscioline fate rosolare, ora versate il vasetto di pesto e continuare la cottura ancora per 1 minuto, a questo punto versare una confezione di panna da cucina, amalgamare il tutto e spegnete il fuoco.
Quando la pasta sarà cotta, scolatela lasciandola umida (conservate in un recipiente un po’ di acqua di cottura), versatela nella padella e accendete nuovamente la fiamma amalgamate per 1 min. Qualora risultasse asciutta aggiungere un po’ di acqua di cottura.
Pepate e aggiungete i gherigli di noci precedentemente pestati grossolanamente.
Disponete la pasta nei piatti e cospargete di granella di pistacchio.

Buon appetito…

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Come partecipare al X Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi”

Ancora due mesi per partecipare al X Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi” Ci sono ancora due mesi di tempo per aderire alla decima...

Villa Branciforti di Butera a Bagheria

STORIA                   Don Giuseppe Branciforti, principe di Pietraperzia e conte di Raccuja, deputato del regno, già pretore di Palermo ed esponente di uno dei maggiori casati...

Il giardino della Cuncuma a Palermo

Forse oggi è una rarità poter ascoltare la parola Cuncuma in un discorso comune tra le nuove generazioni, giocoforza la lentissima ma inesorabile scomparsa...

Carusi, addevi e picciriddi: i bambini in Sicilia

Sono molti i modi in cui chiamiamo i bambini in Sicilia. Dipende dalle diverse province dell’isola dove il termine bambino cambia, pur mantenendo lo...

La Sala delle Donne

A Palermo in passato non erano molti i luoghi pubblici dedicati solo alle donne. Eppure pochi sanno che ve ne era uno in particolare...

Jack Churchill: L’ufficiale che sbarcò in Sicilia con arco e spada

Che qualcuno sia sbarcato in Sicilia armato di spada, arco lungo e frecce, non è certo una novità nella storia millenaria della nostra isola....