Opera dei Pupi in Sicily

Autore:

Categoria:

SiI pupicily’s most popular form of traditional entertainment is the Opera dei Pupi (rod-marionette theatre), and the best place to attend a performance is in Palermo.
Marionettes were first introduced to the island by the Spanish in the 18th century and the art form was quickly embraced by locals, who were enthralled with the re-enacted tales of Charlemagne and his heroic knights Orlando and Rinaldo. Effectively the soap operas of their day, these puppet shows expounded the deepest sentiments of life: unrequited love, treachery, thirst for justice and the anger and frustration of the oppressed. Back then, a puppet could speak volumes where a man could not.
There are traditionally two types of Opera in Sicily, Palermitan (performed in Palermo, Agrigento and Trapani) and Catanese (in Catania, Messina and Syracuse).
The marionettes are carved from beech, olive or lemon tree wood, and some of them can stand over 1,5 meters high. Their joints are made with rods and they are richly decorated in every detail. The knights usually wear metal suits of armor, that make the figure shine and resonate when they engage in swordfights with horrifying monsters or ferocious Saracens.
The best puppeteers are judged on the dramatic effect they can create, with their voice, the stamping feet and the skill in directing the battle scenes. Nowadays the Opera dei Pupi has been relegated to folklore status, maintained by a few companies which perform usually for a small audience of tourists and children.

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile e redattore di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

U Sceccu, storia degli asini in Sicilia

  Come ben sappiamo l'asino in Sicilia viene chiamato "Sceccu", ma sapete perchè? Secondo una leggenda, per spiegare l’origine di questo nome, dobbiamo risalire al tempo...

Il ponte del diavolo e il castello di Calatrasi

Il castello di Calatrasi sorge sulla cima orientale del monte Maranfusa, vicino al paese di Roccamena.Era posto sopra un'altura che domina la vallata dove...

Quando a Palermo si facevano i mattoni

Quando a Palermo si facevano i mattoni nella borgata di Acqua dei Corsari nacque la moderna fabbrica di laterizi Puleo. Dopo l’unità d’Italia, la notevole...

Sofonisba Anguissola, la dama pittrice nella chiesa di San Giorgio dei Genovesi

Nella chiesa di S. Giorgio dei Genovesi a Palermo c’è una lapide dedicata a Sofonisba Anguissola, posta a sua memoria dal marito, il nobile...

Villa Branciforti di Butera a Bagheria

La Storia                  Don Giuseppe Branciforti, principe di Pietraperzia e conte di Raccuja, deputato del regno, già pretore di Palermo ed esponente di uno dei maggiori...

Chiesa di Santa Maria in Valverde

Ubicata nell'antico quartiere della Loggia, la chiesa di Santa Maria in Valverde, a cui era annesso un vasto convento Carmelitano fondato nel XII secolo...