Taralli siciliani

Autore:

Categoria:

Aiutaci a far crescere la pagina con un semplice clic sul pulsante...Grazie

22,395FansLike
1,067FollowersSegui
633FollowersSegui

taralli siciliani1I Taralli sono dolci tradizionali siciliani ricoperti di glassa di zucchero al limone, morbidi, profumati e aromatizzati all’anice. In Sicilia li troviamo in tutti i panifici e biscottifici per le festività dei morti, ma è ovvio che un biscotto puoi mangiarlo quando vuoi, se poi è appena sfornato! Una prelibatezza per ogni palato.

 

Ingredienti

Per la pasta dei taralli:

  • 1 kg di farina 00
  • 300 g di zucchero semolato
  • 200 g di strutto
  • 4 uova
  • Una bustina di lievito per dolci
  • 10 g di ammoniaca per dolci
  • Un cucchiaio di semi di anice
  • Qualche goccia di estratto di anice (Tutone)
  • Latte q.b.
  • Un limone
  • Un pizzico di sale

Per la glassa:

  • 500 g di zucchero a velo
  • 1 limone
  • 40 ml di latte.
    Mettere in una spianatoia la farina setacciata il lievito, le uova, lo strutto ammorbidito, lo zucchero, il succo e la scorza grattugiata del limone, l’ammoniaca, i semi di anice, qualche goccia di estratto d’anice e impastare. Una volta che gli ingredienti si saranno ben amalgamati, aggiungere un pizzico di sale e il latte a filo fino ad ottenere un impasto abbastanza liscio, morbido  e compatto. Ricavare due bastoncini spessi 1 cm circa che avvolgerete su se stessi, tagliare ogni 12-15 centimetri, quindi chiudeteli a ciambelline.

    Posare quindi i taralli su una teglia rivestita di carta forno a una distanza di 2 cm circa e passare il tutto in forno preriscaldato a 180 °C per mezz’ora circa.

    Per la glassatura

    Sbattere bene lo zucchero a velo con il latte e il succo di tre limoni. Spennellare la glassa sulla parte superiore dei taralli, che andranno quindi riposti in forno a 150 °C. Trascorsi 5 minuti, tirare fuori i taralli dal forno e lasciarli raffreddare a temperatura ambiente prima di consumarli.

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Un giro in carrozza a Palermo

Il cocchiere (comunemente chiamato gnuri), colui che guida la carrozza è un mestiere ormai scomparso, un tempo poteva considerarsi un personaggio importante, egli assicurava...

La tradizione della “Calata ra Tila” a Palermo

Come sappiamo, Palermo è ricchissima di tradizioni legate ai vari periodi dell’anno. Alcune di esse sono ancora vive e molto sentite, almeno da una...

La Chimica Arenella, storia di un’eccellenza perduta

Il nome di Chimica Arenella forse non dirà niente ai più giovani, mentre qualcuno forse ne ricorderà le vicende passate, purtroppo molto spesso costituite...

Fiabe Siciliane: L’amore proibito del principe e della popolana

Questa triste fiaba siciliana, racconta la storia di un giovane principe che a dispetto del suo titolo si innamora di una bellissima ragazza del...

La leggenda del tesoro di Grisì

La leggenda del Tesoro di Grisì è una delle antiche storie di stampo arabo che circolano in Sicilia. La tradizione degli Arabi in Sicilia, ha...

Ferdinandea, l’isola siciliana che non esiste

Tra le tante isole che circondano le coste della Sicilia, in pochi conoscono l’Isola Ferdinandea. Il motivo è molto semplice, non esiste più, almeno...