Le Chiacchiere di Carnevale

Autore:

Categoria:

15,943FansLike
478FollowersSegui
580FollowersSegui

chiacchiereFra i dolci di Carnevale non possono assolutamente mancare le chiacchiere. Tra l’altro si possono preparare con pochi ingredienti e in maniera veramente veloce, per la gioia dei più golosi.

Le origini delle chiacchiere sono antichissime, pare infatti che fossero già diffuse ai tempi dei romani, che erano soliti preparare dei dolci fritti nel grasso di maiale per festeggiare i “saturnali”, (festività corrispondenti all’odierno carnevale). Tali dolci avevano il nome generico di frictilia e, durante i festeggiamenti venivano distribuiti alla folla che in massa si riversava per le strade. Grazie alla facilità di preparazione era possibile cuocerne grandi quantità in poco tempo così da contentare tutti.

 INGREDIENTI

 500 g di farina 00

40 g zucchero

75 g di burro

2 tuorli  di uova

1 bicchiere vino bianco frizzante

un pizzico di sale

1/2 cucchiaino di lievito

olio di semi di girasole per friggere

Su una spianatoia mescolare la farina con lo zucchero, il sale, e il lievito, aggiungere il burro ammorbidito e i tuorli e amalgamate tutto aggiungendo un po’ alla volta il vino. Impastare fino ad ottenere una pasta liscia che farete riposare per circa mezz’ora. Trascorso questo tempo tirate con il mattarello una sfoglia sottilissima e tagliatela in tanti rettangoli o nelle forme che preferite. Friggetele in olio bollente fino a che saranno dorate in maniera uniforme. Scolatele e appoggiatele sulla carta da cucina.Una volta raffreddate cospargetele con lo zucchero a velo e servite.

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Maria Floriti
Maria Floriti
Donna eclettica e versatile, dai fornelli alle ricerche sulle storie e tradizioni più curiose della nostra città.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Come partecipare al X Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi”

Ancora due mesi per partecipare al X Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi” Ci sono ancora due mesi di tempo per aderire alla decima...

Villa Branciforti di Butera a Bagheria

STORIA                   Don Giuseppe Branciforti, principe di Pietraperzia e conte di Raccuja, deputato del regno, già pretore di Palermo ed esponente di uno dei maggiori casati...

Il giardino della Cuncuma a Palermo

Forse oggi è una rarità poter ascoltare la parola Cuncuma in un discorso comune tra le nuove generazioni, giocoforza la lentissima ma inesorabile scomparsa...

Carusi, addevi e picciriddi: i bambini in Sicilia

Sono molti i modi in cui chiamiamo i bambini in Sicilia. Dipende dalle diverse province dell’isola dove il termine bambino cambia, pur mantenendo lo...

La Sala delle Donne

A Palermo in passato non erano molti i luoghi pubblici dedicati solo alle donne. Eppure pochi sanno che ve ne era uno in particolare...

Jack Churchill: L’ufficiale che sbarcò in Sicilia con arco e spada

Che qualcuno sia sbarcato in Sicilia armato di spada, arco lungo e frecce, non è certo una novità nella storia millenaria della nostra isola....