Pasta con cozze e tenerumi

Un piatto estivo davvero unico, ricco di gusto e di freschezza

Autore:

Categoria:

16,020FansLike
478FollowersSegui
596FollowersSegui

La pasta con cozze e tenerumi è un primo piatto estivo tipicamente siciliano, una rivisitazione della classica e sicilianissima “minestra con i tenerumi”, quella minestra che nonostante il caldo estivo, noi tutti mangiamo con piacere. In questo  piatto il gusto deciso delle cozze si sposa benissimo col delicato e particolare gusto dei tenerumi che arricchiti da quello che noi siciliani chiamiamo “pic pac” o “picchi pacchi” un condimento semplice preparato con olio, aglio, polpa di pomodoro, danno un risultato finale eccezionale. Roba da non crederci! Ma credetemi un vero successo in tavola.

Ingredienti

  • 350 g di Spaghetti alla chitarra o spaghettoni 
  • 1kg e mezzo di cozze
  • 2 mazzetti di tenerumi
  • 8 pomodori  maturi
  • olio extra vergine d’oliva
  • 3 spicchi d’aglio
  • peperoncino a piacere
  • sale
  • pepe neroPulite i tenerumi, lavateli e tagliate le foglie più tenere. Bollitele per circa 10 minuti in acqua leggermente salata


    Lavate le cozzeeliminate il filo esterno e raschiate il guscio con un coltello. Mettete le cozze pulite in una casseruola, coprite con il coperchio e fate aprire le cozze a fiamma media. Quando le cozze saranno aperte, toglietele dal fuoco e privatele del guscio e mettetele da parte. Filtrate una tazzina di brodo di cozze e mettetelo anche da parte.In una ampia padella fate dorare i tre spicchi d’aglio col peperoncino e aggiungete il pomodoro precedentemente pelato e ridotto a pezzetti, salate leggermente, coprite e fate sobbollire per circa 5 minuti. A questo punto aggiungete i tenerumi scolati, aggiungete la tazzina di brodo filtrato e lasciare insaporire per un paio di minuti, infine aggiungete le cozze. Fate insaporire per qualche minuto e spegnete. Nell’acqua dei tenerumi, portata nuovamente a bollore mettete la pasta, e quando sarà molto al dente scolatela e buttatela in padella col condimento preparato, amalgamatela lasciandola arrivare a cottura desiderata.
    Servitela cospargendola di pepe nero

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Via Ippolito Pindemonte

La via Pindemonte va dal Corso Calatafimi fino a Piazza Cappuccini. Prende il nome dal poeta e letterato veronese Ippolito Pindemonte, nato il 13 novembre...

Via Angiò

La via Angiò va dalla via Montepellegrino alla via Salvatore Puglisi. In questa via i duchi d’Angiò fecero edificare la loro villa di campagna, negli...

Palazzo dei Principi Papè di Valdina

Di origini certamente medievali. Si distingue per l'originalità della sua pianta ad U, un corpo centrale con due bracci laterali, tipicamente settecentesca. Prima di...

La Frutta Martorana e la sua storia

La frutta Martorana è un dolce tipico siciliano, che si consuma soprattutto durante il periodo dei morti. Un po' di storia: In italiano è chiamata marzapane...

Il Principe mago

L'ultimo ad abitarla fu Raniero Alliata dei Duchi di Pietratagliata, entomologo di fama mondiale la cui collezione di farfalle e insetti più grande d'Italia,...

Via Gioacchino Di Marzo

La via Di Marzo va da via Libertà a via Sciuti. È intitolata all’erudito e storico dell’arte Gioacchino di Marzo, palermitano nato nel 1839 e...