Congiuntivite da Covid: è possibile?

La congiuntivite può essere un sintomo del coronavirus

Autore:

Categoria:

Secondo una ricerca pubblicata su BMJ Open Ophthalmology è stato affermato che l’1% e il 31% delle persone affette da COVID-19 oltre ad avere i sintomi  più comuni quali febbre, tosse e problemi respiratori hanno riscontrato anche infezioni agli occhi, quali prurito, iperemia congiuntivale (occhio rosso), gonfiore e fotofobia; sintomi che si presentano quando si è affetti da congiuntivite.
I sintomi elencati si presentano quando un virus esterno, infetta un tessuto chiamato congiuntiva, che copre la parte bianca dell’occhio o l’interno delle palpebre.

Congiuntivite da COVID-19

congiuntivite Occhio

L’occhio è una porta d’ingresso per il virus (attraverso la congiuntiva) e le lacrime possono essere fonte di un possibile contagio. La congiuntivite da Covid è una congiuntivite virale che colpisce un occhio solo. L’occhio acquisisce una tonalità rosata e, rispetto alla più comune congiuntivite batterica, non compare la secrezione che tende a appiccicare le palpebre. Inoltre, si è riscontrato che insieme alla congiuntivite da coronavirsu, si ha ha ingrossato il linfonodo dietro l’orecchio – a livello della mandibola e sempre dal lato dell’occhio arrossato.

Questi sintomi sono comuni a una congiuntivite virale non provata dal Covid -19 eppure devono essere considerati come possibili manifestazioni da contagio coronavirus. Fondamentale è rivolgersi a un medico oculista capace di trattare, in tutta sicurezza e professionalità, l’infiammazione oculare e fare una corretta diagnosi differenziale con una precisa anamnesi e approfondito esame obiettivo.

Come proteggere gli occhi dal COVID-19

Anche attraverso gli occhi il coronavirus può contagiare una persona. Anche per questo motivo è importantissimo proteggere gli occhi dalle goccioline emesse dal naso e dalla bocca di persone contagiate.
Dal momento che ci tocchiamo il viso in maniera inconsapevole, è fondamentale mettere in atto alcune semplici precauzioni per limitare al massimo i rischi.

Ecco come fare:

  • non strofinare gli occhi se non si hanno le mani igienizzate
  • indossare preferibilmente gli occhiali e non le lenti a contatto
  • utilizzare asciugamani personali

Dottor Gregorio Lo Giudice
Oculista ARNAS Civico Palermo

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Dr. Gregorio Lo Giudice
Dr. Gregorio Lo Giudicehttp://www.gregoriologiudice.it
Medico Oculista ARNAS Ospedale Civico di Palermo - cellulare: 331 144 6151

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

La riscoperta di Porta Mazzara

La magnifica Porta Mazzara, una delle più antiche di Palermo, si può ammirare tutt'ora in via dei Benedettini, poco distante dalla chiesa di San...

Piazza Acquasanta

La piazza Acquasanta (o Acqua Santa), si trova tra le vie Com. Simone Gulì e Amm. Giovanni Bettolo. La piazza, così come l’intera borgata, prendono...

Il fantasma del Turco: una presenza oscura nel cuore di Palermo

Hai sentito mai parlare del fantasma del Turco che aleggerebbe dentro un vecchio palazzo nobiliare in via san Isidoro a Palermo? Una storia raccontata...

Muffin di cioccolata con cuore morbido fondente

Ecco come preparare un buon dessert, dalla consistenza soffice, non tipicamente siciliano, ma una dolce tentazione che tanto volentieri noi siciliani facciamo. Un dolce molto...

Marmellata di noci

Le noci, insieme agli anacardi, le mandorle e il cocco  sono le tipologie di frutta secca più ricche in fibra. Ricchi anche di acidi...

Luoghi di culto a Palermo

A Palermo la religione è molto sentita. Tutta la Sicilia vive ancora delle tradizioni che affondano le radici nella religiosità che da sempre li...