Congiuntivite da Covid: è possibile?

La congiuntivite può essere un sintomo del coronavirus

Aggiornato al:

Autore:

Categoria:

Aiutaci a far crescere la pagina con un semplice clic sul pulsante...Grazie

22,438FansLike
1,077FollowersSegui
633FollowersSegui

Secondo una ricerca pubblicata su BMJ Open Ophthalmology è stato affermato che l’1% e il 31% delle persone affette da COVID-19 oltre ad avere i sintomi  più comuni quali febbre, tosse e problemi respiratori hanno riscontrato anche infezioni agli occhi, quali prurito, iperemia congiuntivale (occhio rosso), gonfiore e fotofobia; sintomi che si presentano quando si è affetti da congiuntivite.
I sintomi elencati si presentano quando un virus esterno, infetta un tessuto chiamato congiuntiva, che copre la parte bianca dell’occhio o l’interno delle palpebre.

Congiuntivite da COVID-19

congiuntivite Occhio

L’occhio è una porta d’ingresso per il virus (attraverso la congiuntiva) e le lacrime possono essere fonte di un possibile contagio. La congiuntivite da Covid è una congiuntivite virale che colpisce un occhio solo. L’occhio acquisisce una tonalità rosata e, rispetto alla più comune congiuntivite batterica, non compare la secrezione che tende a appiccicare le palpebre. Inoltre, si è riscontrato che insieme alla congiuntivite da coronavirsu, si ha ha ingrossato il linfonodo dietro l’orecchio – a livello della mandibola e sempre dal lato dell’occhio arrossato.

Questi sintomi sono comuni a una congiuntivite virale non provata dal Covid -19 eppure devono essere considerati come possibili manifestazioni da contagio coronavirus. Fondamentale è rivolgersi a un medico oculista capace di trattare, in tutta sicurezza e professionalità, l’infiammazione oculare e fare una corretta diagnosi differenziale con una precisa anamnesi e approfondito esame obiettivo.

Come proteggere gli occhi dal COVID-19

Anche attraverso gli occhi il coronavirus può contagiare una persona. Anche per questo motivo è importantissimo proteggere gli occhi dalle goccioline emesse dal naso e dalla bocca di persone contagiate.
Dal momento che ci tocchiamo il viso in maniera inconsapevole, è fondamentale mettere in atto alcune semplici precauzioni per limitare al massimo i rischi.

Ecco come fare:

  • non strofinare gli occhi se non si hanno le mani igienizzate
  • indossare preferibilmente gli occhiali e non le lenti a contatto
  • utilizzare asciugamani personali

Dottor Gregorio Lo Giudice
Oculista ARNAS Civico Palermo

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo!

Disclaimer

I contenuti degli articoli, per quanto frutto di ricerche accurate, hanno uno scopo esclusivamente informativo e non sostituiscono in alcun modo l’intervento o l’opinione del medico o la sua diagnosi in relazione ai casi concreti. Tutte le terapie, i trattamenti ed i consigli di qualsiasi natura non devono essere utilizzati a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione psicofisica. Conseguentemente si consiglia in ogni caso di contattare il medico di fiducia.

Dr. Gregorio Lo Giudice
Dr. Gregorio Lo Giudicehttp://www.gregoriologiudice.it
Medico Oculista ARNAS Ospedale Civico di Palermo - cellulare: 331 144 6151

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare...