Da dove viene il termine Babbasone?

Nella nostra vita avremo conosciuto tanti Babbi e Babbasoni, ma da dove proviene questa curiosa parola? Proviamo a scoprirlo.

Autore:

Categoria:

13,528FansLike
478FollowersSegui
576FollowersSegui

Babbasuni (spesso italianizzato in Babbasone) è un epiteto non offensivo e per certi versi affettuoso, usato in Sicilia per indicare una persona buona e un po’ ingenua, nel complesso inoffensiva.

Tutti noi conosciamo qualcuno con la “faccia da Babbasone” se non addirittura Abbabbasunatu, ovvero dall’aspetto bonaccione, con la testa tra le nuvole e uno sguardo senza malizia.

Ma da dove viene questo termine?

BabbasoneCome abbiamo detto, il termine Babbasuni ha una valenza vagamente affettuosa, sicuramente più del suo parente linguistico babbo che, contrariamente al resto d’Italia, in Sicilia non indica un padre, a meno che non si abbia un padre babbo (il che è anche possibile).

Indagando sulle origini di questo simpatico vocabolo, è possibile scoprire come termini simili siano usati anche in altre zone d’Italia. Ad esempio babbasùn’ in lingua napoletana ha un significato simile a quello utilizzato da noi. Allo stesso modo nel dialetto salentino bbabbare o abbabbare significa stordire o rincretinire.
Un po’ diverso, ma probabilmente derivato dalla stessa radice, il termine romanesco bambacione, che indica una persona eccessivamente tenera, buona a nulla e incapace di farsi valere, figurativamente simile alla bambagia, che in un certo senso rende bene l’idea.

In realtà tutti questi aggettivi hanno un progenitore comune sconosciuto, probabilmente di origine tardo-latina, che ha generato anche vocaboli italiani come babbeo, babbione e l’arcaico babbuasso, che propriamente arricchito di un accrescitivo, diventerebbe proprio babbuassone, ovvero babbasone.

Secondo l’Accademia della Crusca l’origine di questa parola ha in realtà qualcosa in comune con il babbo, inteso come padre. Tralasciando l’aspetto legato al significato, i termini babbo, papà e mamma, sono riferiti al primo anno di vita dei bambini, periodo nel quale iniziano la lallazione, ovvero cominciano ad emettere i primi suoni sillabici.
Da qui un babbeo, con tutti i suoi derivati, è una persona ingenua come un bambino, sciocca, bonacciona e inoffensiva.

Dalla stessa radice viene anche il verbo babbiare, ovvero scherzare, che in molte lingue si traduce con un termine che richiama un comportamento non serio e un po’ stupido (ad esempio nello spagnolo tontear, letteralmente fare lo scemo).

Sarebbe da escludere invece l’ipotesi che queste parole derivino da Babele, luogo biblico diventato sinonimo di confusione.

Ecco spiegata l’origine (almeno per quanto ne sappiamo) del termine Babbasone. Se conoscete altre curiosità su questo simpatico vocabolo, scrivetele nei commenti.

Fonti: Accademia Della Crusca

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Samuele Schirò
Direttore responsabile, redattore e fotografo di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

La storia della manna in Sicilia

La storia della manna in Sicilia ha radici molto antiche, risalgono probabilmente agli arabi che importarono nella "terra del sole" i frassini da manna,...

Villa Trabia

Com'è abbastanza noto, sin dal XVII secolo presso l'aristocrazia siciliana, che possedeva già sontuosi palazzi a Palermo, si era affermata la consuetudine di costruire...

Bonus cultura: una guida per aiutare i diciottenni a capire come utilizzarlo

Come usare il bonus Cultura 18app? È un'iniziativa del Ministero per i giovani ed è dedicata a promuovere la cultura! Se sei nato nel 2002 e...

Chiesa del Carmine: dentro il cuore di Ballarò

Quante volte, da ragazzo, sono passato davanti al portone della chiesa del Carmine senza accorgermi della sua esistenza? Gli anni della prima adolescenza, quando...

L’urna con le ossa di Santa Rosalia

Fra qualche giorno ricorrerà il 397° festino della nostra amatissima patrona Santa Rosalia, ma anche quest’anno ci toccherà rinunciare alla sfilata del carro trionfale...

Rosalia Sinibaldi “la Santuzza”, Signora di Palermo

Rosalia Sinibaldi non è soltanto un’immagine ritratta in uno dei quadri presenti all’interno della Galleria Regionale di Palazzo Abatellis, né una rappresentazione lapidea che...