I bambini e “Il giorno della Memoria”

Autore:

Categoria:

Il Giorno della memoria. Un’occasione per condividere il dolore e la compassione

giornata-memoria-300x206Una mia amica si chiedeva se era il caso di proiettare a scuola, per il giorno della memoria, il film “La chiave di Sara” a bambini di V elementare.
Da quello che emergeva dalle sue parole, sembrava che il film fosse intessuto di scene che avrebbero quasi traumatizzato la bambina di 10 anni. Preso dalla curiosità ho visto il film e francamente al confronto, Schindler’s List è un film horror.
Al di là del film in questione, mi sembra che da parte degli adulti ci sia una forma di ritrosia nei confronti delle emozioni forti. E che questo stato d’animo venga proiettato nei bambini, quasi come una sorta di autodifesa.
Ebbene, credo che a 10 anni i “bambini” devono essere messi in condizione di affrontare la realtà, anche se con l’apporto dei genitori e degli insegnanti. Perché se è giusto che ad una certa età si deve dare spazio all’immaginazione, alla creatività, al sogno e alla speranza, mi sembra opportuno e fondamentale per la loro crescita, anche confrontarsi con le esperienze reali che molto spesso implicano commozione, compassione e dolore. O dovrebbero forse piangere solo per il mancato acquisto di uno smartphone?
Il termine compatire molto spesso viene usato in maniera negativa: compatire come sopportare, lasciar perdere. Mentre in realtà significa soprattutto provare il dolore degli altri o immedesimarsi e patire con l’altro.
Ecco, quando mi capita di vedere un film sulla shoah, non posso fare altro che commuovermi e condividere il loro dolore ed è una cosa che (paradossalmente) mi fa stare bene e invece di imprecare con tutto l’odio possibile nei confronti dei carnefici mi metto nei panni di chi ha subito tanta crudeltà. E se guardo l’essere umano con questi occhi non posso fare altro che amarlo, con tutti i suoi difetti e con tutte le sue stravaganze e contraddizioni, anche se per carattere (o per deformazione professionale) queste stravaganze e contraddizioni, non posso fare a meno di criticarle.
Mi piace concludere questo articolo con le ultime parole della protagonista de ” La chiave di Sara:
Ogni storia deve essere raccontata e quando si racconta diventa qualcos’altro: Il ricordo di chi siamo stati e la speranza di chi vogliamo diventare.”

Giuseppe Compagno

Rimani sempre aggiornato con la cultura, segui Palermoviva

9,939FansLike
413FollowersSegui
536FollowersSegui
Giuseppe Compagno
Giuseppe Compagno
Direttore della testata giornalistica di Ficarazzi - Villabate "Statale 113.it".

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

La tradizione dell’Immacolata in cucina

La festa dell'Immacolata inaugura il periodo delle festività natalizie e a Palermo devozione e tradizione si fondono facendo di questa ricorrenza una delle feste...

Pasta chi vruocculi arriminati

La pasta chi vruocculi arriminati è uno dei piatti palermitani per eccellenza insieme alla pasta con le sarde e gli anelletti al forno. Il nome...

La Cassata Siciliana

  La storia della cassata siciliana Dall'arabo "qas'at" anche la cassata ha la sua leggenda. Si racconta infatti che un pastore saraceno stava impastando della ricotta...

Listarelle di peperoni in agrodolce

I peperoni in agrodolce sono un contorno molto diffuso nella cucina siciliana, ottimi per accompagnare piatti a base di carne, di pesce o riso...

Cosa vedere a Palermo? I luoghi più belli e caratteristici

Itinerari Artistico-culturali Palermo La Cattedrale Una delle prime tappe turistiche per chi ha deciso di visitare Palermo è la Cattedrale,  gioiello storico di architettura e simbolo della...

Conclusi i lavori di consolidamento del Castello di Calatubo

Alcamo (TP), sabato 23 novembre 2019 Presentati oggi i lavori di consolidamento, appena conclusi, delle antiche strutture murarie del Castello di Calatubo ad Alcamo (TP),...