I bambini e “Il giorno della Memoria”

Autore:

Categoria:

16,020FansLike
478FollowersSegui
619FollowersSegui

Il Giorno della memoria. Un’occasione per condividere il dolore e la compassione

Una mia amica si chiedeva se era il caso di proiettare a scuola, per il giorno della memoria, il film “La chiave di Sara” a bambini di V elementare.
Da quello che emergeva dalle sue parole, sembrava che il film fosse intessuto di scene che avrebbero quasi traumatizzato la bambina di 10 anni. Preso dalla curiosità ho visto il film e francamente al confronto, Schindler’s List è un film horror.
Al di là del film in questione, mi sembra che da parte degli adulti ci sia una forma di ritrosia nei confronti delle emozioni forti. E che questo stato d’animo venga proiettato nei bambini, quasi come una sorta di autodifesa.
Ebbene, credo che a 10 anni i “bambini” devono essere messi in condizione di affrontare la realtà, anche se con l’apporto dei genitori e degli insegnanti. Perché se è giusto che ad una certa età si deve dare spazio all’immaginazione, alla creatività, al sogno e alla speranza, mi sembra opportuno e fondamentale per la loro crescita, anche confrontarsi con le esperienze reali che molto spesso implicano commozione, compassione e dolore. O dovrebbero forse piangere solo per il mancato acquisto di uno smartphone?
Il termine compatire molto spesso viene usato in maniera negativa: compatire come sopportare, lasciar perdere. Mentre in realtà significa soprattutto provare il dolore degli altri o immedesimarsi e patire con l’altro.
Ecco, quando mi capita di vedere un film sulla shoah, non posso fare altro che commuovermi e condividere il loro dolore ed è una cosa che (paradossalmente) mi fa stare bene e invece di imprecare con tutto l’odio possibile nei confronti dei carnefici mi metto nei panni di chi ha subito tanta crudeltà. E se guardo l’essere umano con questi occhi non posso fare altro che amarlo, con tutti i suoi difetti e con tutte le sue stravaganze e contraddizioni, anche se per carattere (o per deformazione professionale) queste stravaganze e contraddizioni, non posso fare a meno di criticarle.
Mi piace concludere questo articolo con le ultime parole della protagonista de ” La chiave di Sara:
Ogni storia deve essere raccontata e quando si racconta diventa qualcos’altro: Il ricordo di chi siamo stati e la speranza di chi vogliamo diventare.”

Giuseppe Compagno

Foto di copertina by Luke Lawreszuk

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Giuseppe Compagno
Giuseppe Compagno
Direttore della testata giornalistica di Ficarazzi - Villabate "Statale 113.it".

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Celebrazione di matrimonio di massa a Palermo

Nel 1934 a Palermo come in altre città d'Italia si celebrò "la Sagra della Nuzialità", una celebrazione di matrimoni di massa voluti da Mussolini ...

Antonio Veneziano, il poeta sciupafemmine

Tutti noi conosciamo Antonio Veneziano per le sue bellissime poesie, prevalentemente scritte in lingua siciliana. Tuttavia pochi conoscono i dettagli sulla sua vita piena...

Pasta a taianu

La Pasta a "taianu" o in tegame, è un piatto tipico di Cefalù, cittadina in provincia di Palermo ma che in realtà, come tante pietanze siciliane,...

Palermo e le Sedie Volanti

Come molti sanno, a Palermo esiste una strada chiamata via delle sedie volanti. Questo nome, così curioso, ha sempre risvegliato la fantasia popolare che...

Via Lungarini

La via Lungarini va da piazza Marina a via Alessandro Paternostro. Questa strada prende il nome dal sontuoso palazzo costruito intorno alla metà del XVII...

Via Solunto

La via Solunto va dalla via Emiro Giafar al largo Giuliana. Solunto fu, insieme a Mozia e Palermo, una delle tre principali città puniche della...