I bambini e “Il giorno della Memoria”

Autore:

Categoria:

Il Giorno della memoria. Un’occasione per condividere il dolore e la compassione

giornata-memoria-300x206Una mia amica si chiedeva se era il caso di proiettare a scuola, per il giorno della memoria, il film “La chiave di Sara” a bambini di V elementare.
Da quello che emergeva dalle sue parole, sembrava che il film fosse intessuto di scene che avrebbero quasi traumatizzato la bambina di 10 anni. Preso dalla curiosità ho visto il film e francamente al confronto, Schindler’s List è un film horror.
Al di là del film in questione, mi sembra che da parte degli adulti ci sia una forma di ritrosia nei confronti delle emozioni forti. E che questo stato d’animo venga proiettato nei bambini, quasi come una sorta di autodifesa.
Ebbene, credo che a 10 anni i “bambini” devono essere messi in condizione di affrontare la realtà, anche se con l’apporto dei genitori e degli insegnanti. Perché se è giusto che ad una certa età si deve dare spazio all’immaginazione, alla creatività, al sogno e alla speranza, mi sembra opportuno e fondamentale per la loro crescita, anche confrontarsi con le esperienze reali che molto spesso implicano commozione, compassione e dolore. O dovrebbero forse piangere solo per il mancato acquisto di uno smartphone?
Il termine compatire molto spesso viene usato in maniera negativa: compatire come sopportare, lasciar perdere. Mentre in realtà significa soprattutto provare il dolore degli altri o immedesimarsi e patire con l’altro.
Ecco, quando mi capita di vedere un film sulla shoah, non posso fare altro che commuovermi e condividere il loro dolore ed è una cosa che (paradossalmente) mi fa stare bene e invece di imprecare con tutto l’odio possibile nei confronti dei carnefici mi metto nei panni di chi ha subito tanta crudeltà. E se guardo l’essere umano con questi occhi non posso fare altro che amarlo, con tutti i suoi difetti e con tutte le sue stravaganze e contraddizioni, anche se per carattere (o per deformazione professionale) queste stravaganze e contraddizioni, non posso fare a meno di criticarle.
Mi piace concludere questo articolo con le ultime parole della protagonista de ” La chiave di Sara:
Ogni storia deve essere raccontata e quando si racconta diventa qualcos’altro: Il ricordo di chi siamo stati e la speranza di chi vogliamo diventare.”

Giuseppe Compagno

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

11,033FansLike
478FollowersSegui
557FollowersSegui
Giuseppe Compagno
Giuseppe Compagno
Direttore della testata giornalistica di Ficarazzi - Villabate "Statale 113.it".

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Movida palermitana: le nuove regole

Dal 17 ottobre sarà vietata la vendita di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione dalle ore 21 alle ore 6 del giorno successivo da parte degli...

Torna a Palermo “Le vie dei tesori”. Tutti i luoghi aperti alle visite

Le Vie dei Tesori è tra i più grandi Festival italiani dedicati alla valorizzazione del patrimonio culturale, monumentale e artistico delle città di Palermo ma anche della Sicilia.

La Frutta Martorana

La frutta Martorana è un dolce tipico siciliano, che si consuma soprattutto durante il periodo dei morti. Un po' di storia: In italiano è chiamata marzapane...

Panificazione. Apertura domenicale

Dal prossimo 18 ottobre le attività di panificazione da parte degli esercenti autorizzati potranno svolgersi a Palermo anche la domenica, perché cessino entro le...

Storie e curiosità della Chiesa di San Giovanni degli Eremiti

Situato nelle vicinanze del Palazzo Reale, nel cuore della Palermo storica, si trova un inconfondibile simbolo di Palermo. Stiamo parlando della Chiesa di San...

Ecco cosa prevede il nuovo dpcm, tutte le misure adottate dal Governo

13 ottobre 2020 Vietate le feste private al chiuso o all’aperto Raccomandato di evitare di ricevere in casa più di sei familiari o amici con...