I Passavolanti di Vicari

Autore:

Categoria:

13,528FansLike
478FollowersSegui
576FollowersSegui

I Passavolanti, o meglio passavulanti di Vicari, fanno parte della grande varietà di leccornie della pasticceria siciliana. Inventati nel ‘700 dai monaci del convento di San Francesco, a Vicari, paesino dell’entroterra palermitano, per omaggiare gli invitati al matrimonio della figlia del re, non sono altro che biscotti di mandorle,  fatti con ingredienti semplici e genuini come uova, farina, zucchero e mandorle. Ma perché “Passavolanti”? Dice la storia, che i monaci, non avendo previsto il gran numero di invitati alle nozze, cominciarono a passare velocemente i dolcetti tra i commensali che per assaggiarli, furono costretti a prenderli a volo.

Ecco la ricetta originale di Vicari

  • 1 kg di mandorle sbucciate
  • 4 uova (5 se sono piccole)
  • una bacca di vaniglia o una bustina di vaniglina
  • 800 grammi di zucchero
  • 200 grammi di farina
  • un buon pizzico di cannella
  • succo di mezzo limone

Tostate le mandorle e spezzettatele grossolanamente. In una ciotola  montare con la frusta le uova e lo zucchero per circa 15 minuti affinché diventino ben spumose. Aggiungere  la cannella, la vaniglia, le mandorle tostate, la farina,  il succo di limone e amalgamare il composto dal basso verso l’alto.
Oliate una teglia e mettete dei mucchietti d’impasto distanziati l’uno dall’altro. Mettere in forno preriscaldato a 180° per sei minuti nella parte bassa del forno e poi per altri sei minuti nella parte alta.
Togliere dal forno, far raffreddare e servire. Ottimi accompagnati da un tè o caffè.

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

La storia della manna in Sicilia

La storia della manna in Sicilia ha radici molto antiche, risalgono probabilmente agli arabi che importarono nella "terra del sole" i frassini da manna,...

Villa Trabia

Com'è abbastanza noto, sin dal XVII secolo presso l'aristocrazia siciliana, che possedeva già sontuosi palazzi a Palermo, si era affermata la consuetudine di costruire...

Bonus cultura: una guida per aiutare i diciottenni a capire come utilizzarlo

Come usare il bonus Cultura 18app? È un'iniziativa del Ministero per i giovani ed è dedicata a promuovere la cultura! Se sei nato nel 2002 e...

Chiesa del Carmine: dentro il cuore di Ballarò

Quante volte, da ragazzo, sono passato davanti al portone della chiesa del Carmine senza accorgermi della sua esistenza? Gli anni della prima adolescenza, quando...

L’urna con le ossa di Santa Rosalia

Fra qualche giorno ricorrerà il 397° festino della nostra amatissima patrona Santa Rosalia, ma anche quest’anno ci toccherà rinunciare alla sfilata del carro trionfale...

Rosalia Sinibaldi “la Santuzza”, Signora di Palermo

Rosalia Sinibaldi non è soltanto un’immagine ritratta in uno dei quadri presenti all’interno della Galleria Regionale di Palazzo Abatellis, né una rappresentazione lapidea che...