I Pupi cu’ l’ova

Biscotti dalle varie forme che contengono, immerso o affiorante, un uovo

Autore:

Categoria:

13,528FansLike
478FollowersSegui
576FollowersSegui
L’uovo è  il simbolo che rappresenta la Pasqua, ma è sempre stato considerato, sin dall’antichità anche simbolo della vita, della fertilità, della purezza. Anche qui da noi, in Sicilia, c’è l’uso di regalare le uova di cioccolato, ma usanza tipica è pure, in quasi  tutta l’isola, disporre a tavola uova sode colorate e di preparare  “i pupi cu l’ova“, biscotti dalle varie forme che contengono, immerso o affiorante, un uovo. Le forme di questi dolci casalinghi sono tantissime e spesso curiose come i nomi con i quali vengono indicati nelle varie zone: aceddi cu l’ova, panarina, cuddùra, cudduredda…., vengono preparati nei giorni prima di Pasqua e sono abbastanza facili da realizzare, e al di là di tutte le simbologie, saranno molto graditi dai vostri bambini (e non) che saranno ben felici di gustarli!
INGREDIENTI per 6 pupi

PUPO_CU_L_OVA

500 g farina 00
125 g sugna
150 g zucchero
3 tuorli d’uovo
1 bustina lievito per dolci
1 bustina vaniglina
la buccia grattugiata di un arancio non trattato
100 ml latte circa
Per la Glassa
220 g zucchero a velo
1 albume
qualche goccia di limone
diavoletti
Fate rassodare 6 uova, mettetele in acqua fredda per 10 minuti circa, fatele sgocciolare bene (devono essere asciutte).
Ponete la farina su una spianatoia e mischiatela con lo zucchero, la vaniglina, il lievito e la buccia grattugiata dell’arancio.
Disponetela a fontana e mettete al centro i tuorli, amalgamateli con la farina e la sugna che avrete tenuto a temperatura ambiente. Aggiungete un po’ alla volta il latte e impastate fino ad ottenere una pasta liscia e omogenea.
Da questo impasto ricavare 6 palline di ugual peso, e con queste confezionare i “pupi cu’ l’ova; spianare ogni pallina fino a uno spessore di 1/2 cm e date la forma che più vi piace, di cestino, di cuore, di angelo o di pecorella,insomma potete sbizzarrirvi e divertirvi a creare i vostri “pupi”, su cui poggerete l’uovo sodo che andrete a ricoprire con la pasta.
Quando avrete completato le confezioni, aiutandovi con una palettina, adagiarle in una placca da forno unta di olio, e metterle in forno preriscaldato a 180°.
Preparare la glassa montando l’albume con qualche goccia di limone e aggiungere poco per volta lo zucchero a velo, continuare a mescolare finché la glassa non è pronta.
Spennellate i “pupi”, che nel frattempo saranno cotti e intiepiditi, con un velo di glassa e colorateli con i diavoletti!
NOTA:
solitamente si usa incorporare l’uovo con il guscio, io preferisco metterlo già sgusciato perché è più semplice gustare il biscotto senza preoccuparsi di eliminare il guscio. Per questo bisogna ricoprire l’uovo completamente con la pasta, mentre nella versione con il guscio l’uovo rimane coperto solo parzialmente.

 

 

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Maria Floriti
Donna eclettica e versatile, dai fornelli alle ricerche sulle storie e tradizioni più curiose della nostra città.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

La storia della manna in Sicilia

La storia della manna in Sicilia ha radici molto antiche, risalgono probabilmente agli arabi che importarono nella "terra del sole" i frassini da manna,...

La Chiesa dei Naufragati e il Serraglio di Palermo

Nella nostra visione “moderna”, i nomi di alcuni luoghi di Palermo suonano piuttosto curiosi, come ad esempio quello della chiesa che si trova lungo...

Bonus cultura: una guida per aiutare i diciottenni a capire come utilizzarlo

Come usare il bonus Cultura 18app? È un'iniziativa del Ministero per i giovani ed è dedicata a promuovere la cultura! Se sei nato nel 2002 e...

Villa Trabia

Com'è abbastanza noto, sin dal XVII secolo presso l'aristocrazia siciliana, che possedeva già sontuosi palazzi a Palermo, si era affermata la consuetudine di costruire...

Chiesa del Carmine: dentro il cuore di Ballarò

Quante volte, da ragazzo, sono passato davanti al portone della chiesa del Carmine senza accorgermi della sua esistenza? Gli anni della prima adolescenza, quando...

Rosalia Sinibaldi “la Santuzza”, Signora di Palermo

Rosalia Sinibaldi non è soltanto un’immagine ritratta in uno dei quadri presenti all’interno della Galleria Regionale di Palazzo Abatellis, né una rappresentazione lapidea che...