I Quaresimali

I "Quaresimali" sono biscotti tipici del periodo che precede la Pasqua

Autore:

Categoria:

Un tempo la quaresima era un periodo di più stretto rigore rispetto a oggi, infatti oltre ad essere vietato mangiare carne, era proibito anche il consumo del latte e dei suoi derivati, delle uova e dei grassi animali.
In quel tempo le migliori pasticcerie della città erano i monasteri, le suore di clausura, infatti, erano dei mastri pasticceri d’eccezione che suscitavano gelosie tra i cuochi dei palazzi nobiliari che cercavano di imitarle senza successo.
Per far fronte al sostentamento del convento, le laboriose monache servivano così tutti i ceti palermitani, i loro piccoli peccati di gola, che traevano da ricette segrete o inventavano di volta in volta, erano una vera esplosione di colori e sapori che conquistavano gli occhi e il palato. Succedeva però che proprio nel tempo quaresimale, proprio per il divieto di consumo di alcune materie prime, le suore pasticcere non potevano preparare i loro prodotti,e quindi non potevano supplire alla insufficienza economica. Fu così che pensarono di confezionare un “dolcetto” adoperando solo prodotti vegetali per rimediare al periodo di astinenza, usando mandorle, zucchero e farina, crearono i quaresimali, ideali per quel periodo.

 INGREDIENTI per circa 30 biscotti
300 g di mandorle intere sbucciate
75 g di mandorle intere non sbucciate
375 g di zucchero
75 g di farina 00
3 albumi
la buccia grattugiata di un limone non trattato
un pizzico di sale
1/2 cucchiaino di cannella in polvere
olio q.b.
PROCEDIMENTO
Mettere le mandorle nel mixer con metà dello zucchero e la cannella e ridurle in farina (Otterrete una farina migliore mettendo prima le mandorle nel freezer fino a che saranno sufficientemente fredde, questo eviterà di avere una farina più oleosa). Alla farina di mandorle aggiungere la farina 00 e la buccia di limone, mescolare con cura. Lavorare gli albumi con uno sbattitore elettrico fino a che saranno schiumosi aggiungere lo zucchero rimasto e montare fino a che non sono lucidi, ma non a neve ferma. A questo punto, cambiando le fruste dello sbattitore, unire le farine mescolate in precedenza, continuando a lavorarle al minimo fino a che si ottiene un impasto omogeneo. Infine unire le mandorle intere con la buccia.
Con le mani unte di olio formare dei pani larghi 3 cm, adagiarli su una placca ricoperta con carta da forno. Mettere in forno preriscaldato a 200° per 15-20 minuti. Estrarre la placca, lasciare intiepidire quindi con un coltello a sega, tagliare i pani in fette di 1 cm. e posizionarli dalla parte tagliata, sulla placca sempre ricoperta da carta da forno. Lasciare raffreddare, successivamente passare in forno preriscaldato a 150° fino a che i quaresimali non siano asciutti e dorati (girandoli).
Dato che i biscotti devono asciugare, nella seconda cottura può rendersi necessario lasciare lo sportello del forno aperto di 10 cm inserendo un cucchiaio di legno fra lo sportello e l’imboccatura del forno.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

10,936FansLike
478FollowersSegui
553FollowersSegui
Maria Floriti
Maria Floriti
Donna eclettica e versatile, dai fornelli alle ricerche sulle storie e tradizioni più curiose della nostra città.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

I tetti della Cattedrale di Palermo

Da una porta, all'interno della Cattedrale di Palermo, si accede ad una scala  un po' scialba, come di una vecchia casa, che ti immette...

Quando nacquero i primi giornali a Palermo?

Il primo numero del Giornale di Sicilia fu pubblicato il 7 giugno 1860 con la testata “Giornale Officiale di Sicilia” sotto la direzione di...

Il Santo Nero patrono di Palermo

Benedetto da San Fratello, noto soprattutto come San Benedetto il Moro, è uno dei patroni della città di Palermo. Ecco la sua storia straordinaria. Percorrendo...

Monte Pellegrino

Ho voluto iniziare la descrizione del monte Pellegrino con queste belle parole tratte dal libro "Viaggio in Sicilia" di Bernard Berenson del 1957, perché...

La scuola di una volta

Chiariamo subito che non si tratta degli anni 30 o 40, quando ancora si usavano penna e calamaio, anche se i banchi della scuola...

Il prezioso archivio dell’Architetto Salvatore Cardella

È in fase di riordino un prezioso fondo privato di notevole valore storico artistico: l’archivio del Prof. Arch. Salvatore Cardella (Caltanissetta 24/06/1896 – Palermo...