I Quaresimali

I "Quaresimali" sono biscotti tipici del periodo che precede la Pasqua

Autore:

Categoria:

Un tempo la quaresima era un periodo di più stretto rigore rispetto a oggi, infatti oltre ad essere vietato mangiare carne, era proibito anche il consumo del latte e dei suoi derivati, delle uova e dei grassi animali.
In quel tempo le migliori pasticcerie della città erano i monasteri, le suore di clausura, infatti, erano dei mastri pasticceri d’eccezione che suscitavano gelosie tra i cuochi dei palazzi nobiliari che cercavano di imitarle senza successo.
Per far fronte al sostentamento del convento, le laboriose monache servivano così tutti i ceti palermitani, i loro piccoli peccati di gola, che traevano da ricette segrete o inventavano di volta in volta, erano una vera esplosione di colori e sapori che conquistavano gli occhi e il palato. Succedeva però che proprio nel tempo quaresimale, proprio per il divieto di consumo di alcune materie prime, le suore pasticcere non potevano preparare i loro prodotti e quindi non potevano supplire alla insufficienza economica. Fu così che pensarono di confezionare un “dolcetto” adoperando solo prodotti vegetali per rimediare al periodo di astinenza, usando mandorle, zucchero e farina, crearono i quaresimali, ideali per quel periodo.

 INGREDIENTI per circa 30 biscotti
300 g di mandorle intere sbucciate
75 g di mandorle intere non sbucciate
375 g di zucchero
75 g di farina 00
3 albumi
la buccia grattugiata di un limone non trattato
un pizzico di sale
1/2 cucchiaino di cannella in polvere
olio q.b.
PROCEDIMENTO
Mettere le mandorle nel mixer con metà dello zucchero e la cannella e ridurle in farina (Otterrete una farina migliore mettendo prima le mandorle nel freezer fino a che saranno sufficientemente fredde, questo eviterà di avere una farina più oleosa). Alla farina di mandorle aggiungere la farina 00 e la buccia di limone, mescolare con cura. Lavorare gli albumi con uno sbattitore elettrico fino a che saranno schiumosi aggiungere lo zucchero rimasto e montare fino a che non sono lucidi, ma non a neve ferma. A questo punto, cambiando le fruste dello sbattitore, unire le farine mescolate in precedenza, continuando a lavorarle al minimo fino a che si ottiene un impasto omogeneo. Infine unire le mandorle intere con la buccia.
Con le mani unte di olio formare dei pani larghi 3 cm, adagiarli su una placca ricoperta con carta da forno. Mettere in forno preriscaldato a 200° per 15-20 minuti. Estrarre la placca, lasciare intiepidire quindi con un coltello a sega, tagliare i pani in fette di 1 cm. e posizionarli dalla parte tagliata, sulla placca sempre ricoperta da carta da forno. Lasciare raffreddare, successivamente passare in forno preriscaldato a 150° fino a che i quaresimali non siano asciutti e dorati (girandoli).
Dato che i biscotti devono asciugare, nella seconda cottura può rendersi necessario lasciare lo sportello del forno aperto di 10 cm inserendo un cucchiaio di legno fra lo sportello e l’imboccatura del forno.

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Maria Floriti
Maria Floriti
Donna eclettica e versatile, dai fornelli alle ricerche sulle storie e tradizioni più curiose della nostra città.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Le rovine di Solunto

“Pochi posti in Europa possono rivaleggiare con Solunto per bellezza di panorama, e questa circostanza accresce il merito delle rovine stesse di questa Pompei...

Enrico VII: Il re poppante figlio di Federico II

Tra gli episodi più curiosi avvenuti in Sicilia, non molti conoscono quello legato all’incoronazione di Enrico VII di Hohenstaufen a Re di Sicilia.Cosa c’è...

L’Oratorio dell’Immacolatella

L'Oratorio dell'Immacolatella è un piccolo oratorio di eccezionale valore artistico e culturale che si trova in un angolo nascosto del centro storico, in via...

Palazzo Ajutamicristo

Il Palazzo Ajutamicristo è uno splendido edificio di architettura Gotico-Catalana, con chiari influssi rinascimentali sito nell'odierna via Garibaldi, l'antica “ruga di Portae Thermarum”, una...

Torta di carote

Un dolce genuino e facile da preparare, non tipico siciliano, ma da noi siciliani molto usato per la merenda dei nostri bambini che mangerebbero...

5 luoghi da fotografare a Palermo

Quante volte, passeggiando per la città, ci siamo ritrovati davanti ad un monumento, un tramonto o uno scorcio caratteristico degno di essere immortalato? Moltissime...