Il Castello La Grua Talamanca di Carini

Autore:

Categoria:

Il Castello La Grua Talamanca di Carini era in origine una roccaforte di avvistamento dei nemici, proprio come la maggior parte dei castelli siciliani sorti in posizioni strategiche.

Le origini del castello di Carini

La prima costruzione risale al periodo arabo, anche se non restano testimonianze in tal senso. Le notizie storiche cominciano ad apparire nel periodo normanno (XI-XII secolo) sotto il feudatario Rodolfo Bonello. Nel 1238 la proprietà del castello passa alla famiglia Abate e nel 1397, per volere del re di Sicilia Martino I, la famiglia La Grua acquisisce il castello e con esso la baronia di Carini.
Quando l’unica figlia di Umberto La Grua, Ilaria, sposò Gilberto Talamanca, diede origine alla dinastia La Grua Talamanca, da cui prende oggi il nome il castello. La famiglia La Grua Talamanca rimase proprietaria del castello a lungo anche se, dopo la caduta del feudalesimo nel 1812, fu costretta a lasciare la Sicilia per trasferirsi in Francia e il castello, abbandonato, cadde nel degrado. Nel 1975 crolla l’ala ovest e gli eredi decidono di donare il castello al Comune di Carini che agli inizi degli anni ’80, inizia i lavori di restauro.
Il castello è noto soprattutto per la storia della baronessa di Carini, Laura Lanza di Trabia, figlia di Cesare Lanza, che viene data in moglie a 14 anni a Vincenzo La Grua Talamanca, appena sedicenne. Non fu un matrimonio d’amore e ben presto Laura, stanca dei continui impegni del marito, trova conforto in Ludovico Vernagallo, amico di famiglia, per il quale nutre una certa simpatia anche prima del matrimonio. I due diventano amanti ma quando il padre viene a conoscenza dell’affaire, va su tutte le furie ed il 4 dicembre 1563 uccide la figlia, dando vita ad uno dei primi delitti d’onore del periodo.

Architettura e merlature del castello

Dal punto di vista architettonico, le mura medievali risalgono all’XI e XII secolo. Elementi arabo-normanni sono riscontrabili sulla seconda porta del castello, dove l’arcata a sesto acuto ne prolunga lo slancio. Lo stemma è della famiglia Abbate. I portali sono sormontati da alcuni scudi che rappresentano una gru, allusiva della casata La Grua; altri mostrano tre zolle di terra, probabilmente simbolo dei Chiaramonte. In quello del piano superiore si trova lo stemma dei Lanza-La Grua, caratterizzato da due leoni rampanti.

Gli interni ricchi di colori

All’aspetto esterno, molto sobrio e austero, tipico del periodo medioevale, si contrappone un interno, molto più colorato. Sebbene il castello sia ancora in fase di restauro, sono molte le parti che si possono visitare, anche con una guida.
Di notevole interesse sono le stanze affrescate, che spesso mostrano stili diversi e sovrapposti, a dimostrazione del fatto che nel corso dei secoli sono stati parecchi, i lavori svolti nel castello e gli abbellimenti. La particolarità degli affreschi sta nei colori chiari, pastello, che misti alla luce proveniente dalle ampie finestre, danno un senso di serenità a bellezza. Sulla volta della stanza della baronessa si trova il bellissimo affresco di Penelope ed Ulisse.

Piano terra

Entrando a piano terra, si trova una stanza con volta a crociera che originariamente era un muro esterno. Un altro vano, privo del pavimento, mostra le fondamenta di strutture precedenti. Un grande salone è diviso da due arcate a sesto acuto con colonna centrale. Nel lato est del castello si possono vedere: in un locale un lavatoio in pietra di Billiemi; una cappella affrescata a trompe-l’oeil, una statua in marmo che raffigura la Madonna di Trapani.

La cappella gentilizia

Nella cappella si ammira un artistico tabernacolo ligneo del primo decennio del Seicento con colonnine corinzie che scandiscono prospetticamente lo spazio. Un matroneo in legno permetteva la vista dal piano superiore.

 Piano superiore

Al piano superiore, all’ingresso di quella che era l’ala quattrocentesca del castello, troviamo un portale marmoreo dove, tra due fenici che rinascono dalle fiamme, c’è la scritta Et nova sint omnia (E tutto sia rinnovato), che è la continuazione di un’altra dicitura presente su un secondo portale marmoreo sempre sul lato sud-ovest dove si legge Recedant Vetera (Sia cancellato il passato), probabilmente collocate quando l’edificio, sotto la direzione dell’architetto netino Matteo Carnalivari, cambiò la sua destinazione d’uso trasformandosi da caserma a dimora signorile (seconda metà del Quattrocento)

Il soffitto ligneo del salone delle feste

Dalla porta accanto si accede al salone delle feste, caratterizzato da un soffitto ligneo a cassettoni, con stalattiti decorate con stemmi nobiliari, salmi dedicati alla Madonna e didascalie allegoriche, tra le quali quella sull’asse centrale: In medio consistit virtus e quelle sulle mensole laterali: Et in estremis labora. Il soffitto ligneo fu realizzato in concomitanza con i lavori di riammodernamento, fatti quando i La Grua Talamanca si imparentarono con la famiglia Ajutamicristo. Un esempio simile si conserva infatti presso il palazzo palermitano della stessa casata, capolavoro dell’architettura gotico-catalana in Sicilia.

 Salone delle feste

Il salone delle feste del piano nobiliare è un classico esempio di ambiente quattrocentesco con soffitto ligneo a cassettoni, un camino impreziosito dallo stemma dei La Grua ed ampie finestre. Il soffitto conserva una parte originale dove è visibile una scritta in latino In Medio Consistit Virtus, ovvero “Nel mezzo sta la virtù”, per indicare che era stata realizzata solo per decorazione mentre è la struttura laterale quella portante. Dalla porta laterale sinistra della sala si entra nella stanza cara alla baronessa di Carini, dove, si narra, avvenissero i suoi presunti incontri con Ludovico Vernagallo.

Le altre stanze

Interessanti sono le stanze affrescate, come quella in cui si trova la pittura murale che ritrae Penelope ed Ulisse. Una scaletta conduce alle cucine. Un vano, infine, merita attenzione perché si caratterizza per le vele e i pennacchi terminanti in pietra di Billiemi di stile gotico-catalano.

Come visitare il Castello di Carini

Il castello è visitabile: dalle ORARI DI APERTURA INVERNALE (OTTOBRE – MAGGIO)
Tutti i giorni dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle ore 15.00 alle ore 19.00

ORARI DI APERTURA ESTIVA (GIUGNO – SETTEMBRE)
Tutti i giorni dalle ore 10.00 alle ore 14.00 e dalle ore 16.00 alle ore 20.00
Sabato sera ogni prima settimana del mese dalle ore 19.00 alle ore 23.00
La biglietteria chiuderà trenta minuti prima della chiusura ufficiale
Costo indicativo € 3,50 (con riduzioni)
(Per prenotazioni: Tel./Fax +39 091 8815666 – 091 8680871
lunedi, mercoledi, giovedi e venerdi pomeriggio anche 091 8611340
Email: castello@comune.carini.pa.it)

Per info e aggiornamenti di orari → Comune di Carini/il Castello

Rimani sempre aggiornato con la cultura, segui Palermoviva

9,952FansLike
416FollowersSegui
536FollowersSegui
Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Festività natalizie. Chiusura al transito veicolare via Ruggero Settimo e senso unico p.zza Castelnuovo

Il servizio Mobilità Urbana del Comune di Palermo ha emanato un'ordinanza di chiusura al transito veicolare di via Ruggero Settimo e istituzione del senso...

La tradizione dell’Immacolata in cucina

La festa dell'Immacolata inaugura il periodo delle festività natalizie e a Palermo devozione e tradizione si fondono facendo di questa ricorrenza una delle feste...

Santa Lucia: Arancine, panelle e cuccìa…

Santa Lucia: storia e tradizione La storia racconta che Santa Lucia nacque a Siracusa intorno al 283, era di famiglia nobile e fu promessa sposa...

Pasta chi vruocculi arriminati

La pasta chi vruocculi arriminati è uno dei piatti palermitani per eccellenza insieme alla pasta con le sarde e gli anelletti al forno. Il nome...

La Cassata Siciliana

  La storia della cassata siciliana Dall'arabo "qas'at" anche la cassata ha la sua leggenda. Si racconta infatti che un pastore saraceno stava impastando della ricotta...

Listarelle di peperoni in agrodolce

I peperoni in agrodolce sono un contorno molto diffuso nella cucina siciliana, ottimi per accompagnare piatti a base di carne, di pesce o riso...