Il Gelato di Campagna

Festino 2013E’ appena passato il Festino, la grande festa per i palermitani che venerano la Santuzza. Ancora una volta fede e tradizione si sono mescolati e ancora una volta i profumi hanno inebriato l’aria di sapori sempre presenti, ma mai intensi e miscelati insieme come in questi giorni di festa.
Bancarelle coloratissime, una accanto all’altra, ognuna con la sua specialità, il pane con la milza, i babbaluci, le angurie rosse tagliate a fette pronte per essere addentate,  bancarelle coi frutti di mare e un polpo che ormai stanco ha provato invano un ultimo tentativo di fuga.
La gente si è goduto il “passio” e intanto non ha perso l’occasione di “tastari” strada facendo  un pò di tutto: un panino con le panelle, o con la melanzana fritta o per chi è “forte di stomaco”, un po’ di frittola” e due “stigghiola”.
Quello che sicuramente non è mancato fra le mani di un buon palermitano, è stato invece il classico “coppo” con la calia e semenza, diversivo irrinunciabile per chi non sa come “passari u’ tempu” in attesa dei fuochi d’artificio. E nell’andirivieni della gente, nella confusione di sguardi, sorrisi e occhi che si incontravano, illuminati da archi di luce disegnati nel cielo nero, fra i palloncini colorati e dalle forme svariate legati a gruppi, da cui di tanto in tanto qualcuno ha spiccato il volo verso la libertà infinita, su questo e su molto altro ancora di questa festa che prende sempre il cuore dei palermitani, l’odore dello zucchero filato e del torrone, l’odore della festa!
Foto da http://www.dolci.it/
Foto da : www.dolci.it/

Un odore proveniente dalla bancarella del “turrunaro” dove tutti inevitabilmente effettuano una sosta, perchè coloratissima e profumata e colma di svariati dolciumi e golosità,  fra cui il pezzo forte “il gelato di campagna“.

A dargli l’appellativo di “gelato” è stato forse il fatto che, come il gelato, appunto, questo torrone tenero  si scioglie in bocca. In realtà ciò avviene perchè il suo ingrediente principale è lo zucchero.
Di origine araba, inizialmente veniva preparato a forma di mezzaluna, un simbolo magico nella cultura araba che venerava la natura ed in particolare la luna crescente. Acquisito dai monasteri, e riprodotto anche in forma quadrata, in seguito si diffuse nel 1860 per celebrare l’arrivo di Garibaldi e l’annessione all’Italia, colorandosi  di rosso, bianco e verde, i colori della bandiera italiana.
Malgrado oggi il modo di preparare questo dolce sia cambiato,nell’aspetto, nelle forme e colori, il gelato di campagna rimane un classico dell’antica arte pasticcera palermitana.
                       INGREDIENTI
500 g zucchero
100 g mandorle macinate
100 g mandorle intere sgusciate
70 g pistacchi
cannella q.b.
frutta candita a piacere
coloranti vegetali q.b.
50 g acqua
Mettete sul fuoco un tegame con l’acqua e appena calda scioglietevi lo zucchero,fate bollire , aggiungete le mandorle macinate e quelle sgusciate, continuando a mescolare.
Unire i pistacchi e la frutta candita tagliata a pezzetti e un pizzico di cannella. Dividete il composto e coloratelo con i diversi colori vegetali, quindi sistemate le diverse parti in un unico stampo e ponete in frigo per 12 ore. Trascorso questo tempo togliete dallo stampo, tagliate a fette e servite.

1 COMMENTO

  1. L’ho sempre visto nelle bancarelle ma non ho mai avuto il coraggio di provarlo, l’aspetto no mi ha mai incoraggiato. Però forse la prossima volta faccio uno sforzo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.