La frittella palermitana

Autore:

Categoria:

16,020FansLike
478FollowersSegui
619FollowersSegui

 

fave1Se chiedi ad un palermitano cos’è la “Frittedda” o “Frittella”vedrai che non avrà nessun dubbio nel risponderti e la risposta sarà sicuramente contraria a quella che un non palermitano potrebbe dare! Niente fritto o frittelle o frittata, la “frittedda” è esclusivamente un piatto tipico palermitano composto, o di sole fave, o tradizionalmente di,  fave, piselli e carciofi.
La prelibatezza di questo incontro di ortaggi sta nella freschezza, più questi ortaggi son freschi più la “frittedda” vien buona.

piselliSi tratta di una ricetta primaverile, i tre componenti  di questo piatto, che crescono nel periodo che va da marzo ad aprile, devono assolutamente essere freschi, piccoli e teneri.


Occorrono

  • carciofi1 chilo di fave
  • 500 gr. di piselli
  • 6 carciofi
  • 1 cipolla
  • 1/2 bicchiere di aceto
  • 1/2 cucchiaio di zucchero
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • sale e pepe

Pulite sei carciofi togliendo le punte e le foglie più dure, tagliateli a spicchi e lasciateli in acqua con del limone. Sgusciate 1 kg di fave e 500 g di piselli freschi.

In un tegame, fate imbiondire, in olio extra vergine d’oliva, una bella cipolla tagliata a fette sottilissime. Aggiungete al soffritto i carciofi scolati, i piselli e le fave, ricoprendo tutto con un po’ di acqua. Salare, pepare e lasciate cucinare a fuoco moderato e coperto per circa 20 minuti, mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno molto delicatamente. La frittella è così cotta e buonissima. La vera ricetta palermitana prevede invece che, a cottura ultimata, si aggiunga alla pietanza, mezzo bicchiere di aceto con mezzo cucchiaio di zucchero, che va mescolato alla frittella e sfumato a fuoco ancora acceso. Questa ricetta è molto buona mangiata fredda, ma se non aggiungete, zucchero e aceto potete servire questo piatto anche caldo e servirlo come contorno o come piatto unico.

PALERMO IN TAVOLA

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Brioche siciliana “col tuppo”: ricetta

La troviamo nei bar di tutta la Sicilia ma con un po' di pazienza, la "brioche col tuppo" possiamo farla anche a casa. Occorrono...

Riserva Borbonica di Boccadifalco e Torre Milinciana

Prima di iniziare può essere utile forse fare un breve riassunto del quadro storico in cui si inserisce la storia della Riserva Reale di...

Comu rissi l’anticu: l’origine dei detti popolari a Palermo

Mio padre diceva: "comu rissi l'anticu..." quando citava uno dei suoi detti popolari, ma chi fosse questo fantomatico saggio non l'ha mai saputo spiegare....

Oratorio dei Bianchi

L'Oratorio dei Bianchi è un edificio civile e religioso, appartenuto all'omonima Compagnia, che riuniva le figure più nobili di Palermo. Nell'anno 1542 la nobile compagnia...

Pasta alla cipolla con salsa di pomodoro vellutata

Questa ricetta di un primo piatto ottimo da gustare e per giunta salutare, non appartiene alla tradizione culinaria siciliana, se non per la pasta....

Via Nicola Balcescu

La via Balcescu va dalla via Giovanni Evangelista Di Blasi alla via Nazario Sauro. È intitolata al patriota e storico rumeno Nicola Balcescu, nato a...