L’antica chiesa di San Nicolò degli Scalzi

Un edificio della Palermo del '500 oggi non più esistente.

Autore:

Categoria:

Sebbene a Palermo esista una piazza dedicata alla chiesa di San Nicolò degli Scalzi, non vi è più alcun edificio che ne giustifichi la denominazione. Quel nome, infatti, deriva da una chiesa con annesso convento costruita alla fine del XVI secolo dai frati del Terz’Ordine di San Francesco.
La storia di questi edifici inizia nel 1583, quando un sacerdote palermitano, tale don Vincenzo Galluzzi decise di donare ai francescani alcune case di sua proprietà collocate in una piazzetta del quartiere della Kalsa.
Il 17 luglio dello stesso anno, l’arcivescovo Marullo concesse la licenza di fondazione, ponendo però alcune condizioni, tra cui il divieto di interferire con l’operato della vicina Parrocchia dei Tartari e l’obbligo di fare una donazione annuale all’arcivescovo quantificata in un rotolo di cera (corrispondente a poco meno di 800 grammi).
Accettate queste condizioni, l’Ordine iniziò la costruzione dell’edificio che terminò intorno al 1604, anno in cui il pittore trapanese Antonio Celestri realizzò gli affreschi interni alla chiesa.
Per oltre due secoli l’edificio fu regolarmente utilizzato dai frati Francescani che lo utilizzarono sia come foresteria per i confratelli in transito a Palermo, che come infermeria per il vicino e più grande convento di Sant’Anna.
Nel 1866, con la soppressione degli Ordini religiosi, l’edificio fu incamerato tra i beni del Demanio statale e successivamente chiuso al culto.
Dopo qualche anno vi si instaurò la sede della Società dei Garibaldini Superstiti, esistita fino alla fine degli anni ’20.
Come ricorda il La Duca, non era insolito trovarsi a passeggiare in questa piazza incontrando i superstiti del 1860 che ultranovantenni, ma sempre nelle loro camice rosse pluridecorate, intrattenevano i passanti con le rievocazioni delle loro battaglie.
Estintasi la Società, l’edificio rimase inutilizzato e andò in rovina. Tra gli anni 30 ed il secondo dopoguerra furono effettuate delle modifiche urbanistiche che rimaneggiarono gradualmente quel poco che rimaneva della costruzione, fino alla sua definitiva demolizione.

Bibliografia

R. La Duca – La Città “Passeggiata”.

Foto: Vista di Piazza San Nicolò degli Scalzi – Mobilita Palermo.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

11,035FansLike
478FollowersSegui
557FollowersSegui
Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile, redattore e fotografo di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Nuovo dpcm, tutte le misure adottate dal Governo.

25 ottobre 2020 Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il Dpcm 24 ottobre contenente le nuove misure per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da Covid-19. Il...

Al via il servizio online per il cambio di domicilio

24 Ottobre 2020 - Il servizio online di Cambio domicilio entrerà in vigore da lunedì 26 ottobre e consentirà ai cittadini di effettuare il...

Il giorno dei morti raccontato da Andrea Camilleri

Fino al 1943, nella nottata che passava tra il primo e il due di novembre, ogni casa siciliana dove c’era un picciliddro si popolava...

Ecco cosa prevede la nuova ordinanza di Musumeci

Ordinanza del 24 ottobre 2020 Circolazione e spostamenti Per evitare assembramenti, su tutto il territorio regionale, dalle 23 alle 5, sono limitati gli spostamenti con ogni...

Torna a Palermo “Le vie dei tesori”. Tutti i luoghi aperti alle visite

Le Vie dei Tesori è tra i più grandi Festival italiani dedicati alla valorizzazione del patrimonio culturale, monumentale e artistico delle città di Palermo ma anche della Sicilia.

Movida palermitana: le nuove regole

Dal 17 ottobre sarà vietata la vendita di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione dalle ore 21 alle ore 6 del giorno successivo da parte degli...