“Non io ma Dio”… un ricordo di Enzo Buffa

Autore:

Categoria:

Aiutaci a far crescere la pagina con un semplice clic sul pulsante...Grazie

22,071FansLike
1,050FollowersSegui
633FollowersSegui

Oggi, 20 giugno, sarebbe stato il giorno del compleanno del nostro compianto amico e fratello Enzo Buffa.
Chi lo ha conosciuto non ha potuto fare a meno di stimarlo per la serietà personale, la competenza professionale delle sue innumerevoli attività e per la sua fede in Gesù Cristo che si concretizzava nell’accoglienza e nella disponibilità verso tutti.

Noi che lo abbiamo avuto come amico, lo abbiamo apprezzato molto di più, perché tutte le sue qualità esteriori come comico, attore, scrittore, catechista… sono niente rispetto all’uomo buono che Enzo è stato.

E tutti ancora lo ricordiamo con commozione e confidiamo che adesso si trova là dove ha creduto e desiderato essere: alla presenza del Signore. Anche se a noi manca la sua presenza.

Lo vogliamo ricordare oggi, nel giorno del suo compleanno, con un canto che lui stesso ha composto insieme Valerio Romeo e dedicato a Carlo Acutis morto giovanissimo in odor di santità e già beatificato. “Non io ma Dio” si intitola la canzone che vi proponiamo qui sotto, ed ascoltandola, possiamo riconoscere una sorta di testamento spirituale che Enzo ha voluto lasciare alla riflessione di ciascuno di noi.

Ascoltatelo!

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Saverio Schirò
Saverio Schiròhttps://gruppo3millennio.altervista.org/
Appassionato di Scienza, di Arte, di Teologia e di tutto ciò che è espressione della genialità umana.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Involtini di zucchine al tonno

Gli involtini di zucchine sono un antipasto semplice e veloce ideali nella stagione estiva in quanto posseggono un ottimo contenuto di acqua, vitamine e sali...

U Sceccu: perché in Sicilia l’asino si chiama così?

Come ben sappiamo l'asino in Sicilia viene chiamato "Sceccu", ma sapete perché? Intanto è appurato che il termine non ha somiglianza fonetica con le...

A Palermo si arrivava in aereo (anche prima dell’aeroporto)

Oggi il trasporto aereo a Palermo è diventato la normalità, anzi, per via della sua posizione geografica e per l’assenza di altre infrastrutture, l’aeroplano...

Carusi, addevi e picciriddi: i bambini in Sicilia

Sono molti i modi in cui chiamiamo i bambini in Sicilia. Dipende dalle diverse province dell’isola dove il termine bambino cambia, pur mantenendo lo...

Il Pane di Piana degli Albanesi: un’eccellenza gastronomica

Parlare di eccellenza gastronomica pensando al pane sembra piuttosto eccessivo, ma chi ha assaggiato il pane di Piana degli Albanesi sa che probabilmente non...

Il castello di Maredolce

Situato alle pendici del Monte Grifone, nella periferia sud di Palermo, oggi quasi nascosto alla vista dalle costruzioni che lo circondano,  il castello di...