tds_category_module_7

Paccheri con ragù di triglie, con croccante di zucchina e finocchetto selvatico

Autore:

Categoria:

Paccheri trigliaINGREDIENTI PER 4 PERSONE
360 gr di paccheri
3 triglie di media dimensione
200 gr di ceci già cotti
2 zucchine genovesi
8 – 10 pomodorini datterini
1 cipollotto
olio extra vergine di oliva
sale q.b
pepe nero q.b
vino bianco q.b
finocchietto selvatico

PROCEDIMENTO
Squamare , sfilettare e privare delle lische le triglie. Tagliare a julienne le zucchine genovesi ed aggiungere un pizzico di sale. Nel frattempo tritare il cipollotto e metterlo a rosolare nell’olio extra vergine (va bene una tazzina da caffè colma di olio). Aggiungere i filetti di triglia, scottarli appena e sfumarli con del vino bianco, e farlo evaporare, aggiungere 3- 4 mestoli di acqua di cottura della pasta e inoltre i pomodorini tagliati precedentemente a spicchi.
A parte .. frullare i ceci cotti , con dell’olio inserito a filo, finché non diventino una vellutata. In un pentolino ..friggere con dell’olio di arachidi le zucchine , fino a farle diventare croccantis (erviranno per essere adagiate a montagnetta sopra i paccheri). Scolare la pasta al dente e far finire di cuocere nel condimento precedentemente preparato, fin quando essa cominci ad essere risottata ( fino a formare una cremina).

MONTATURA DEL PIATTO
Prendere un piatto da portata, fare una striscia di vellelutata di ceci (larga 3-4 cm) e cominciare ad adagiare i pacchetti sopra questa, ultimare con la salsa alle triglie, finocchietto selvatico, per poi finire adagiando la montagnetta di croccante di zucchina.

Buon appetito!

Piatto offerto
dal Cuoco
Salvatore Lipari

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Rosalia Sinibaldi “la Santuzza”, Signora di Palermo

Rosalia Sinibaldi non è soltanto un’immagine ritratta in uno dei quadri presenti all’interno della Galleria Regionale di Palazzo Abatellis, né una rappresentazione lapidea che...

La tragica storia d’amore di Giulia

L'uomo entrò nel negozio di un armaiolo e chiese un  coltello. Quando il negoziante gliene mostrò uno di modeste dimensioni, lo respinse affermando che...

Lievito fatto in casa in poche mosse

Una delle conseguenze di questo mese di quarantena da COVID-19 è l’impossibilità (o quasi) di trovare al supermercato o al panificio il lievito di...

La Santuzza dell’Olivella

In epoca medioevale, con l’avvento dei normanni che espugnarono la dominazione araba, la Sicilia riscoprì la sua profonda identità cristiana. In quel periodo l’espressione...

Il Palazzo dei Ventimiglia Marchesi di Geraci

Solo poco tempo fa abbiamo appreso la notizia che palazzo Geraci, sito in Corso Vittorio Emanuele, è stato sequestrato dai vigili urbani del Nucleo Tutela...

Spiedini siciliani

Questo piatto di carne è tipico della cucina siciliana, chiamati anche "involtini siciliani", ma a Palermo li chiamiamo "spitini" o spiedini. Il piatto può subire...