Polpette di pesce spada in agrodolce alla siciliana

Autore:

Categoria:

Aiutaci a far crescere la pagina con un semplice clic sul pulsante...Grazie

22,395FansLike
1,067FollowersSegui
633FollowersSegui

Le polpette di pesce spada sono una ricetta tipica siciliana, apprezzata sia in agrodolce che al sugo.

Oggi prepariamo quella in agrodolce! L’utilizzo dell’agrodolce è una caratteristica sicula, ereditata dalla lunga permanenza della cultura araba nella regione.

Ingredienti:

600g di pesce spada in un unico pezzo
una tazza di mollica di pane che ammorbidiremo nel latte
Farina
20g di uvetta
20g di pinoli
menta fresca
2 uova
1 spicchio d’aglio
sale – pepe
1 limone
4 belle cipolle bianche
olio extravergine
2 cucchiai di zucchero di canna
4 cucchiai di aceto

Pulisci il pesce, togli la pelle e trita la polpa finemente. Puoi fare questa operazione aiutandoti con un mixer. Aggiungi le uova, qualche goccia di succo di limone e un po’ di buccia, l’aglio tritato finemente, sale, pepe e la mentuccia tritata. A questo punto unisci la mollica di pane ben ammollata e strizzata, l’uvetta, i pinoli e aggiusta di sale e pepe. Trasferisci in frigo per 10 minuti.
Con le dita bagnate, forma delle polpette grandi come una noce e passale nella farina. Falle dorare in un velo d’olio caldo, facendole roteare continuamente per pochi minuti. Tienile da parte.
Affetta  le cipolle. In una padella fai riscaldare tre cucchiai d’olio e aggiungi le cipolle. Fai soffriggere per circa 5 minuti a fiamma medio-bassa mescolando in continuazione per non farle bruciare. A questo punto aggiungi l’aceto, lo zucchero, rimescoliamo con un cucchiaio di legno fino a quando non iniziano a formarsi le prime bollicine dello zucchero. Aggiungi un po’ d’acqua, chiudi con un coperchio e lascia cuocere per altri 10 minuti a fiamma bassa. Una volta cotte, versa le cipolle sulle polpettine.

Servi con foglie di menta o con prezzemolo.

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Strage di Portella della Ginestra: per non dimenticare

Tantissimo si è scritto sulla strage di Portella della Ginestra, tante verità sono emerse dalle indagini e dai resoconti delle persone che ne hanno...

Crostata di cachi

 Sembra riflettere i colori dell'autunno questo delicato e gustosissimo frutto, dal sapore inconfondibile originario dell' Estremo Oriente. E' nato infatti nelle immense pianure cinesi...

Risotto con la zucca

Con la zucca possiamo davvero preparare di tutto, dalle frittelle al dolce, quindi pasta, torte, pane, puree, veramente tante pietanze di basso costo ma...

La soppressione degli ordini religiosi e confisca dei beni ecclesiastici nella Palermo di fine ‘800

il Regio Decreto 3036 del 7 luglio 1866 definì la soppressione degli ordini religiosi e e delle congregazioni e l'anno successivo una seconda legge...

Tradimenti di altri tempi: il Salto di Pezzinga

Avete mai sentito parlare del "Salto di Pezzinga"? Il leggendario "Salto di Pezzinga" si trova nel vicolo Lungarini, che collega la via Alloro alla via Lungarini ,...

Storia dell’uovo di Pasqua

L'uovo di Pasqua è sicuramente il simbolo che in Italia rappresenta per eccellenza la festa religiosa della Resurrezione di Cristo, ma quale è la...