Polpetti murati

Autore:

Categoria:

16,020FansLike
478FollowersSegui
584FollowersSegui

I Polpetti murati, ovvero i “Purpicieddi murati”, devono il nome al metodo di cottura, in quanto cucinati assolutamente con il coperchio, quindi murati, cosa che permette ai polpetti, di cuocersi lentamente mantenendo  tutto il loro squisito sapore.

Per questo particolare piatto si usano i moscardini, polpetti di piccola taglia che hanno una sola fila di ventose, sono di colore bruno o grigio chiaro, e vengono anche chiamati “agostiniani” perché pare che il periodo migliore per pescarli piccoli è il mese di Agosto.
Questo piatto in tanti ristoranti palermitani viene anche servito come antipasto con dei crostini o sopra delle bruschette, per non parlare del loro sugo che possiamo usare per condire degli spaghetti.

Ingredienti:
1 kg di polpetti
1 cipolla grossa
olio extra vergine d’oliva
prezzemolo
400 gr di polpa di pomodori pelati
una noce di burro
1 bicchiere di vino bianco
sale e pepe.

Preparazione:

Pulire bene i polpetti avendo cura di  togliere gli occhi e le parti dure che stanno sotto la testa.
Affettare la cipolla e farla imbiondire con una noce di burro e un po’ d’olio, versare il pomodoro pelato  a pezzetti e aggiustare di, sale e pepe. Non appena bolle versare i polpetti e chiudere il coperchio, tenere la fiamma alta per 5 minuti circa. Aggiungere un bicchiere di vino, far evaporare, aggiungere un po’ di prezzemolo e chiudere il coperchio facendo cuocere i polpetti a fuoco medio basso per altri 15 minuti “murati” senza aprire mai il coperchio.

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Via Filippo Parlatore

  La via Parlatore va da via Dante a piazza Raffaele Busacca. Filippo Parlatore è stato un botanico, nato a Palermo nel 1816 e morto a...

Museo Etnografico Siciliano “Giuseppe Pitrè”

Esiste un museo a Palermo (in verità poco conosciuto) che accoglie nelle sue sale una preziosa serie di reperti che raccontano “il modus vivendi”,...

Via Calderai

La via Calderai va dalle vie Lampionelli, S. Cristoforo, Livorno e Giovanni da Procida alla via Maqueda. I calderai, o “quararara”, sono gli artigiani che...

Via Garibaldi

"I nomi delle strade sono come titoli dei capitoli della storia di una città, e vanno perciò rispettati quali monumenti storici e salvaguardati a...

Crostata di cachi

Sembra riflettere i colori dell'autunno questo delicato e gustosissimo frutto, dal sapore inconfondibile originario dell' Estremo Oriente. E' nato infatti nelle immense pianure cinesi...

La Catacomba di Porta d’Ossuna

La Catacomba di Porta D'Ossuna è una delle più antiche testimonianze storiche di Palermo. La Paleapolis, l'antica città Fenicia, era un tempo circondata da due...