Cosa fare dopo aver subito uno stiramento muscolare

Autore:

Categoria:

Chiunque pratichi un’attività sportiva può facilmente incorrere in uno stiramento muscolare, soprattutto agli arti inferiori. Si tratta di una lesione più o meno estesa, da non paragonare allo strappo.
Nel caso dello stiramento, le fibre muscolari non si rompono, ma si allungano  lesionandosi in qualche punto, provocando cosi, un’immediato dolore ed eventuale  versamento di sangue.

Questa lesione può essere determinata da diverse cause, le più comuni sono sforzi muscolari eccessivi svolti “a freddo”o fatti in maniera maldestra . Infatti quando le fibre del muscolo non sono state  preparate da esercizi di riscaldamento e di stretching prima di un allenamento intenso, possono subire dei traumi e quindi stirarsi.

dolore alla spalla

La prima cosa da fare, immediatamente dopo aver subito lo stiramento, è quella di mettere la parte colpita a riposo, in una posizione comoda. Il riposo è, per tutte le lesioni muscolari, la cura migliore. Infatti nel giro di 2-3 settimane la lesione da stiramento guarisce e si può riprendere l’attività sportiva. Nel frattempo, quando il muscolo stirato è “fresco”, sarà utile applicare degli impacchi freddi (di ghiaccio, ma vanno bene anche le buste dei surgelati).

Per alleviare il dolore, se molto forte, si possono all’occorrenza assumere farmaci da banco antinfiammatori e analgesici, ma in genere non ce n’è bisogno. Per aiutare le fibre muscolari a ritrovare la naturale elasticità e accelerare la cicatrizzazione di quelle lesionate, si possono utilizzare dei bendaggi elastici compressivi che verranno prescritti dal medico ed applicati da un fisioterapista.

Se guarire da uno stiramente muscolare è tutto sommato abbastanza rapido, tuttavia sarebbe meglio evitare di sottoporre i propri muscoli a lesioni e traumi di alcun tipo, per questo la prevenzione gioca un ruolo cruciale. Per gli sportivi, soprattutto amatoriali, la regola sia sempre quella di far precedere qualunque allenamento – che sia una corsetta o la classica partitella a calcetto – da opportuni esercizi di riscaldamento. Inoltre mai sottoporsi ad uno sforzo eccessivo o allenarsi quando non ci si sente in perfetta forma.

La terapia fisica più adatta è veloce risulta la tecarterapia, che con l’elettrodo resistivo aumenta la vascolarizzazione del fascio muscolare per ripristinare la funzionalità.

Dott. Michele Stanzione
Fisioterapista
www.riability.it

Immagine riability

 

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Chiesa Sant’Antonio Abate (detta dell’Ecce Homo)

La chiesa di Sant'Antonio Abate si trova in via Roma, sulla destra poco dopo la via Vittorio Emanuele venendo dalla Stazione Centrale. È quasi...

Villa Lampedusa ai Colli, La “Villa del Gattopardo”

Nel 1845 il principe Giulio Fabrizio Tomasi di Lampedusa, esponente di una delle più illustri e antiche famiglie aristocratiche siciliane, bisnonno di Giuseppe Tomasi...

Una passeggiata a… Altofonte

Distante da Palermo circa 11 Km, Altofonte  è un piccolo paese che si trova ai piedi del monte Moarda, il complesso montuoso con sette...

Turisti nella propria città

Quanto sappiamo della storia e dei luoghi d’interesse della nostra città? Purtroppo la maggior parte di noi ne sa davvero poco e camminando ogni...

La caponata di melanzane

La caponata è un noto piatto siciliano composto da verdure fritte, principalmente melanzane, e condite con salsa agrodolce. Da dove derivi questo nome, precisamente non...

Il Santuario di Santa Rosalia

Da quando il 15 luglio del 1624 sono state trovate le ossa che si suppone possano essere della Santuzza, il santuario di Santa Rosalia...