Una passeggiata a Cefalù

Autore:

Categoria:

panorama cefalùGrazie alla fertilità del suolo e all’importanza strategica del luogo, protetto da una grande roccia, già in epoca primitiva vicino Cefalù sorsero alcuni insediamenti.
La loro presenza è attestata da alcuni reperti scoperti nelle grotte del versante orientale della rocca. La storia urbana del centro inizia solo nel V secolo a.C. A quell’epoca risalgono i resti delle mura megalitiche che circondano la città, costruita ai piedi della rocca. È stata quest’ultima, con la sua posizione preminente, che ha dato il nome all’insediamento, che fu chiamato Cephaloedium, ovvero “testa”, dalla forma della roccia stessa. Il centro, come lo conosciamo, è stato fondato da Ruggero II nel XII secolo ed in seguito ristrutturato sulla base di un disegno urbano che la caratterizza ancora oggi. Il punto saliente della nuova città è la sua imponente cattedrale, simbolo della potenza di Ruggero, che concentra nelle sue mani non solo il potere politico, ma anche quello religioso.
A partire dalla seconda metà del XIII secolo, la famiglia Ventimiglia esercitò una supremazia indiscussa. La loro residenza era l’Osterio Magno, un palazzo fortificato di fondazione normanna, ancora visibile sulla strada principale. La città, nelle mani della corona dalla seconda metà del XV secolo, conobbe un periodo di tranquillità e benessere, interrotto da un periodo di relativo declino nel XIX secolo, che negli ultimi decenni si è interrotto grazie ad una fiorente industria turistica.

Duomo di Cefalù facciata wikiLa Cattedrale (Trasfigurazione di Nostro Signore Gesù Cristo) è stata fondata nel 1130 per volontà di Ruggero II che, secondo la leggenda, aveva promesso di costruire se si fosse salvato da una terribile tempesta che ha colpito la sua nave durante il viaggio a Palermo. La furia degli elementi lo portò alla spiaggia di Cefalù, dove poi è il re pose la prima pietra dell’imponente costruzione. Perfetto esempio di stile romanico meridionale, quella di Cefalù è senza dubbio una delle più belle cattedrali del mondo. La facciata è fortemente caratterizzata dalle due torri angolari, aggiunte nel 1240, e alleggerite da bifore. Nel 1472 è stato aggiunto un portico arioso con tre archi. L’interno è a tre navate divise da file di colonne di marmo che sostengono sette arcate. Il tetto della navata centrale è di legno dipinto e costituisce un raro esempio di arte islamica in Sicilia. L’abside, il transetto e le pareti adiacenti sono decorate con mosaici dorati che culminano nel magnifico Cristo Pantocratore, un perfetto esempio di puro stile bizantino, e che è forse la rappresentazione più sublime di Cristo realizzata nell’arte cristiana. Insieme vi sono la Vergine, gli Angeli e gli Apostoli, tutti disposti secondo i criteri di gerarchia liturgica.

GUIDA AI DINTORNI DI PALERMO

 

Foto copertina by wikipedia

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile e redattore di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Via Cristoforo Scobar

La via Scobar va dalla via Lancia di Brolo al viale della Regione Siciliana N.O. La strada è intitolata al canonico e umanista andaluso Cristoforo...

Piazza Caracciolo

La piazza, nel cuore della Vucciria, prende il nome dal Viceré Domenico Caracciolo, marchese di Villamaina, che regnò in Sicilia dal 1781 al 1786....

Via Vincenzo Riolo

La via Riolo va dalla via Cavour alla via Onorato. È intitolata al pittore Vincenzo Riolo, nato a Palermo nel 1772 e morto nel 1837. Fu...

Piazza Ucciardone

La piazza Ucciardone, oggi sede del carcere giudiziario di Palermo, si trova tra le vie Crispi, Scinà e Archimede e la piazza Giachery. Anticamente era...

Burt Lancaster nelle vesti del Principe di Salina all’Hotel delle Palme di Palermo nella nuova opera pittorica di Francesco Guadagnuolo

A circa sessant’anni dal film Il Gattopardo Burt Lancaster nelle vesti del Principe di Salina all’Hotel delle Palme di Palermo nella nuova opera pittorica di...

‘Mpanatigghi: i dolci siciliani a base di carne

I cultori della gastronomia siciliana sapranno già che in Sicilia, soprattutto nell’area di Modica, esistono dei curiosi dolci chiamati ‘mpanatigghi o impanatigghi, costituiti da...