Piazza San Domenico

Autore:

Categoria:

Aiutaci a far crescere la pagina con un semplice clic sul pulsante...Grazie

22,468FansLike
1,083FollowersSegui
633FollowersSegui

Situata su Via Roma, Piazza San Domenico prende il nome dalla basilica che ospita, la più grande dopo la Cattedrale.

La piazza fu aperta nel 1724 per volere dell’imperatore austriaco Carlo VI, motivo per cui fu inizialmente chiamata “piazza (o piano) Imperiale”. Questa nuova sistemazione urbanistica fu realizzata dall’architetto domenicano Tommaso Maria Napoli, ideatore anche della colonna monumentale dell’Immacolata, che fu completata nel 1726 con la posa della statua dell’Immacolata concezione realizzata dall’artista Giovan Battista Ragusa. Ai piedi della colonna inizialmente vi furono collocate due statue in bronzo raffiguranti l’Imperatore Carlo VI e sua moglie Elisabetta Cristina di Brunswick, ad opera dello stesso Ragusa, e quattro raffigurazioni angeliche. Queste statue furono più volte sostituite, in primo luogo nel 1735, dal nuovo re di Sicilia Carlo III di Borbone, che fece erigere due nuove statue raffiguranti sé stesso e sua moglie Maria Amalia di Sassonia. Queste ultime durarono fino al 1848 quando, durante la rivoluzione, furono abbattute e fuse per ricavarne dei cannoni. Infine nel 1950 furono erette le due statue che ancora oggi si possono ammirare, con la raffigurazione dei papi Pio IX e Pio XII, perché artefici dei dogmi dell’Immacolata concezione nel 1854, e dell’Assunzione nel 1950.

Il Taglio di Via Romadel 1906-09 stravolse la configurazione originale della piazza e le diede l’aspetto che oggi conosciamo.

San Domenico, da cui prendono il nome la Piazza, la Chiesa e una discesa ed un vicolo circostanti, fu colui che istituì l’ordine dei predicatori in Sicilia, nel 1215. La chiesa a lui dedicata fu realizzata nel 1270 presso una più antica chiesetta dedicata a Sant’Orsola e poi ripetutamente ampliata fino a raggiungere le dimensioni odierne nel 1640.

Dal 1844 l’interno della basilica è diventata il Pantheon dei Siciliani, con tombe e monumenti dedicati ai siciliani illustri.

Nella Chiesa di San Domenico, il 25 marzo 1848, Ruggero Settimo inaugurò la riapertura del Parlamento Siciliano, soppresso 33 anni prima da Ferdinando di Borbone.

Samuele Schirò

Articoli correlati:

Via Roma

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile e redattore di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Il castello di Cefalà Diana

Il castello di Cefalà Diana, nell'omonimo paese del palermitano, sorge nei pressi della vecchia Magna via Panormi, la strada che una volta collegava Agrigento...

La scuola dei “Superdotati” sulle Madonie

C’era una volta una scuola speciale, che accoglieva ragazzi con caratteristiche eccezionali. No, non è l’inizio di X-Men o Harry Potter, ma la...

Le rovine di Solunto

“Pochi posti in Europa possono rivaleggiare con Solunto per bellezza di panorama, e questa circostanza accresce il merito delle rovine stesse di questa Pompei...

Ducezio e la lega delle città sicule: un sogno di indipendenza

Ducezio nacque intorno al 488 a.C. nella Sicilia sud orientale, forse a Menai (l'odierna Mineo) o Neai (l'odierna Noto). Fin da giovane dimostrò abilità...

Dolci con ricotta siciliani, una vera delizia per il nostro palato

La ricotta è uno degli ingredienti più utilizzati nella pasticceria siciliana, buona, dolce soffice, permette di fare ottimi dolci grazie alla sua consistenza pastosa e fresca,...

Il Gelo di Mellone

Il mellone o melone, versione italianizzata del nome dialettale "muluni", non è altro che  l'anguria o cocomero, frutto abbondantemente coltivato in Sicilia e che...