Via Don Bosco

Autore:

Categoria:

Samu-miniatura_1-640x90

La via Don Bosco si trova tra i civici 3 e 4 di piazza Don Bosco, e la denominazione di “via” le è attribuito dal piano regolatore, dato che in realtà si tratta più di un vicolo cieco, un cortile stretto e lungo che finisce davanti ad un muretto.

La curiosità di questa strada sta nel suo nome, che per lungo tempo è stato oggetto di contesa, non per l’assegnazione, bensì per la non assegnazione. Per la precisione, la strada nacque inizialmente con la sigla provvisoria di R 52, assegnata in attesa che le venisse conferito un nome migliore. Nel 1972 la commissione toponomastica del comune di Palermo decise di denominarla via del Carabiniere, in sintonia con le strade circostanti altresì legate all’Esercito Italiano. Tuttavia la struttura della via non soddisfò per niente le alte cariche della Benemerita, che chiesero l’assegnazione di un’altra strada. Per accogliere tale richiesta, nel 1977 fu emessa una delibera che riesumava la vecchia sigla R 52, in attesa di una nuova assegnazione, che avvenne nel 1984 a “beneficio” degli Alpini i quali, riunitisi a Palermo nel Novembre dello stesso anno, si indignarono per il tipo di attenzione rivolta loro e chiesero anch’essi l’assegnazione di un’altra strada. A quel punto la via fu chiamata “Don Bosco”, come la piazza antistante.

Di certo il santo non si sarebbe lamentato per tale posizione, anche perché questa è la terza strada in cui è ricordato, oltre a piazza Don Bosco e ad una via S. Giovanni Bosco nel quartiere dell’Arenella. Dopo questa lunga querelle, è stato posto un cancello davanti all’ingresso della via, in modo da darle l’aspetto di un cortile privato.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

12,827FansLike
478FollowersSegui
567FollowersSegui
Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile, redattore e fotografo di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

L’Ammiraglio Gravina, il palermitano che affascinò Napoleone

Tra i personaggi illustri della nostra città, merita senza dubbio una menzione Federico Carlo Gravina, principe di Montevago, palermitano di nobili origini che fece...

Borghi dei Tesori. Nasce il network di 42 piccoli comuni siciliani sotto l’egida delle Vie dei Tesori

PALERMO. Dai siti archeologici alle fortezze saracene, dalle miniere abbandonate alle concerie fantasma, dai castelli aggrappati al cielo agli acquedotti seminterrati, dagli ipogei ai...

Ma quanto è buono il pane a Palermo!?

Il pane è buono dappertutto, e in ogni luogo ha la sua forma, il suo sapore, la sua tradizione. Come non ricordare il famoso...

Un anno di Covid

Esattamente un anno fa, il 25 febbraio 2020, abbiamo avuto in Sicilia il primo caso di coronavirus, una turista bergamasca in visita a...

Le Catacombe dei Cappuccini

Chi visita il cimitero sotterraneo dei Cappuccini si appresta a compiere un viaggio a ritroso nel tempo e nello spazio, certo, ma soprattutto in...

Pasta al ragù siciliano

Quando ero bambina uno degli odori che mi svegliava nelle fredde domeniche d’inverno era quello del “ragù siciliano”. Mamma si alzava alle sei del mattino...